Earn money by answering our surveys

Register now!

Su LinkedIn, le donne sono il 17,3% più virali degli uomini

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

È meglio essere donne per essere un influencer di LinkedIn? Almeno, questo è ciò che uno studio preliminare che abbiamo condotto ci suggerisce. Oggi estendiamo questo studio a quasi 5 milioni di post su LinkedIn. I risultati mostrano che dietro 500 reazioni, i post delle donne ottengono il 17,3% di reazioni in più. Tuttavia, ci sono differenze significative per lingua.

Se hai solo 30 secondi

  • A livello globale, solo lo 0,5% dei post su LinkedIn riceve più di 500 reazioni. Circa la metà (0,3%) è scritta da un utente LinkedIn con meno di 25.000 connessioni.
  • Nella categoria dei post con più di 500 reazioni, i post scritti da donne ottengono in media il 17,3% di reazioni in più rispetto a quelli scritti da uomini.
  • Questa dominazione delle donne differisce, tuttavia, a seconda della lingua. In tedesco, italiano e spagnolo, sono gli uomini che, in media, ottengono più reazioni
  • In Olanda la differenza è maggiore: le donne ottengono in media 1972 reazioni, contro le 1106 degli uomini

 

Sommario


Metodologia

Il dataset utilizzato è lo stesso utilizzato per analizzare i fattori di viralità su LinkedIn, il ruolo delle emoji e degli hashtag.

Anatella è stata utilizzata per preparare i dati. L’elaborazione è ultraveloce (circa 60 secondi per 4,6 milioni di linee).

Sono state eseguite le seguenti operazioni:

  • lettura e riconciliazione di 2 database JSON (profili e post)
  • rilevamento della lingua
  • rilevamento del genere basato su un dizionario di +/- 70.000 nomi
  • esporta in formato .hyper

Da un punto di vista tecnico, va notato che l’esportazione nel formato hyper è stato un fattore determinante. È infatti l’unico formato che ha consentito lo sfruttamento del database in Tableau. Ricordiamo che i formati di output sono un fattore decisivo nella scelta di un ETL. In questo campo Anatella è stata la vincitrice della mia classifica.

ETL anatella Linkedin

Lo schema di elaborazione dati di LinkedIn ad Anatella


Più uomini su LinkedIn

In una ricerca precedente, abbiamo definito la viralità su LinkedIn come un post che ha raccolto 100 o più reazioni. Ciò corrispondeva a circa il 3,7% dei 4,6 milioni di post che abbiamo studiato. Per non creare un’asimmetria nei risultati, abbiamo escluso dalla nostra analisi tutti gli utenti LinkedIn con più di 25.000 connessioni. In questo modo studiamo il fenomeno della viralità dal punto di vista della maggior parte degli utenti.

Nel grafico sottostante, forniamo maggiori dettagli sulla distribuzione delle reazioni su LinkedIn.

distribution of Linkedin posts per number of likes and comments on Linkedin

Innanzitutto, vediamo che la stragrande maggioranza (92,9%) dei post su LinkedIn ottiene meno di 50 reazioni. Di tutte le lingue messe insieme, solo lo 0,3% dei post riesce ad accumulare 500 reazioni o più. Osserviamo che all’aumentare del numero di reazioni, la quota dei post femminili sul totale diminuisce. Dopo 500 reazioni, vediamo un cambiamento, poiché i post delle donne accumulano improvvisamente molte più reazioni.


L’effetto combinato dei post ultravirali e della sottorappresentanza delle donne su LinkedIn consente alle donne di dominare le classifiche.



Le donne dominano per i post più virali

La predominanza del numero di uomini nei post virali è visibile nel grafico sottostante. Come nel precedente, l’intero corpus viene analizzato senza distinzione di lingua.

Nella categoria dei post più virali (>500 reazioni o più), possiamo notare che i post delle donne ottengono in media più reazioni (1650 contro 1418) rispetto ai post degli uomini. Al di sotto di 500 reazioni, questa differenza non viene osservata. La categoria dei post più virali, dunque, meritava un’ulteriore analisi.

distribution of Linkedin posts by gender and number of reactins (Likes+comments)


Influenza su LinkedIn: una questione di lingua?

In ultima analisi, ci siamo concentrati su tutti i post che hanno ottenuto 500 o più reazioni. Li abbiamo analizzati in base alla loro lingua. Abbiamo mantenuto solo le lingue per le quali avevamo un campione di almeno 100 post virali. Questo limite è stato raggiunto solo per olandese, inglese, francese, tedesco, italiano, portoghese e spagnolo.

L’analisi per lingua offre una lettura diversa del fenomeno precedentemente osservato. Gli uomini sono davanti alle donne in tedesco, italiano e spagnolo, ma sono chiaramente al secondo posto in tutte le altre lingue. L’effetto che abbiamo evidenziato nella nostra ricerca preliminare in francese è così confermato.

number of reactions (likes + comments) on Linkedin by gender and by language


Analisi e conclusioni

Guardiamoci dal saltare a conclusioni sulle differenze tra le lingue. Per alcuni di loro, i campioni rimangono piuttosto piccoli. Questo, ovviamente, non è anormale poiché l’inglese domina principalmente LinkedIn e solo lo 0,3% dei post supera le 500 reazioni.

Alcuni potrebbero attribuire le differenze osservate all’asimmetria nelle distribuzioni. È necessario un test sui valori mediani. Vediamo che sono relativamente vicini tra uomini e donne, qualunque sia la lingua. Permangono tuttavia differenze che confermano gli effetti per olandese, inglese, francese e spagnolo. La situazione è ribaltata in portoghese.median values of reactions (likes + comments) on Linkedin per gender and per language for viral posts (>500 reactions)

Il caso dell’inglese è affascinante perché ci permetterà di tornare a parlare di emoji su LinkedIn e, in particolare, del panda. Questi sono post di LinkedIn che hanno accumulato un numero insolitamente alto di reazioni. Possiamo anticipare effetti anomali.

Con 223800 reazioni, il trofeo per il post più virale su LinkedIn va a un francese: Laurent Botroix. È l’autore del famoso post “vedi il panda?” che ha fatto impazzire l’algoritmo di LinkedIn nel 2020. Chyna Hill è al secondo posto con 153250 reazioni su un singolo post.

È l’effetto combinato dei post ultravirali e della sottorappresentanza delle donne su LinkedIn (1 donna ogni 2 uomini), che permette a queste ultime di dominare la classifica.

 

 

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *