Earn money by answering our surveys

Register now!

Mercato delle nuove auto: analisi e origine di una crisi senza precedenti

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Il mercato delle nuove auto è in crisi. Le vendite sono ulteriormente diminuite nel 2021 e il calo è di ben il 25% rispetto al 2019. Il settore automobilistico è uno degli unici settori che non ha beneficiato della ripresa economica post-COVID. Quattro fattori spiegano questa situazione senza precedenti. La loro analisi mostrerà come sono collegati e il circolo vizioso che alimentano. Guarderemo anche al futuro per decodificare le prospettive di questo mercato entro il 2023.

Se avete solo 30 secondi

La crisi del mercato delle nuove auto è il risultato di una combinazione di 4 fattori:

  • interruzioni della linea di produzione
  • la crisi dei semiconduttori e gli arbitraggi che portano a un deficit di offerta
  • perdita di potere d’acquisto con l’inflazione e l’aumento del prezzo delle auto usate
  • passaggio accelerato ai veicoli elettrici a causa di restrizioni e aiuti di Stato

Questi 4 fattori si autoperpetuano e creano una spirale pericolosa per il mercato. Il mercato si sta evolvendo con scosse improvvise che sconvolgono tutte le parti interessate.

Vediamo altri 3 fattori che potrebbero contribuire al graduale sbloccaggio della situazione:

  • I risparmi accumulati dalle famiglie nel 2020-2021 saranno mobilitati sotto la pressione dell’inflazione, che le sta consumando, e della fiducia nel futuro
  • Le linee di produzione torneranno gradualmente alla velocità di crociera con la scomparsa del rischio di pandemia
  • I limiti naturali dell’estrazione di semiconduttori dovrebbero favorire i modelli termici, che richiedono meno chip

Fattore 1: fermata delle linee di produzione

La situazione del mercato automobilistico nel 2022 è innanzitutto la conseguenza della chiusura delle linee di produzione nel 2020 a seguito dei lockdown. Questo evento, senza precedenti nella storia recente, mostra la fragilità del principio “Just in Time” (JIT) adottato dall’industria automobilistica. Il sistema JIT è come un elastico teso che è stato spezzato ed è molto più difficile da riparare del previsto.

Con scorte al minimo e tempi di consegna che a volte superano un anno, i consumatori si allontanano dal nuovo mercato e passano alle auto usate. La conseguenza è un aumento dei prezzi dell’usato. Tutti i paesi sono interessati: +56% in Irlanda, un prezzo medio per i veicoli usati negli Stati Uniti vicino a $ 30.000.

I numeri pazzi di un mercato automobilistico in crisi

  • 1,66 milioni di auto nuove immatricolate in Francia nel 2021, rispetto a 1,65 milioni nel 2020 e 2,21 milioni nel 2019
  • 25,5% delle immatricolazioni di auto nuove tra il 2019 e il 2021 in Francia, -22,8% in Italia
  • In Germania, le immatricolazioni di auto nuove sono diminuite del 19,1% nel 2020 e un ulteriore calo dell’8% tra il 2021 e il 2020.
  • Leggera ripresa nel 2021 rispetto al 2020 per Italia (+8,6%), Spagna (+3,8%) e Francia (+2,5%) (Fonte: ACEA)
  • Disaffezione ai combustibili fossili. La quota di veicoli elettrici raggiunge il 20,3% in Germania (novembre 2021)

Fattore 2: crisi dei semiconduttori

La crisi dei semiconduttori è in parte legata alla chiusura delle linee di produzione. L’arresto improvviso e poi l’improvvisa ripresa della produzione hanno creato un sostanziale squilibrio nella domanda di semiconduttori. La pandemia ha poi accelerato la transizione digitale, che è emersa come una tendenza concorrente per il consumo di semiconduttori. Lo shock della domanda è stato, quindi, duplice.

Bisognava fare dei compromessi. In primo luogo, dai produttori di semiconduttori che hanno dovuto scegliere chi fornire. In secondo luogo, le case automobilistiche hanno dovuto riservare componenti per modelli a più alto valore aggiunto.

Nei prossimi mesi, le auto elettriche saranno particolarmente preoccupate dalla disponibilità di semiconduttori perché sono molto ad alta intensità di chip.


Fattore 3: una perdita di potere d’acquisto

L’inflazione è ai massimi livelli e la perdita di potere d’acquisto ha ridotto il desiderio delle famiglie di acquistare un nuovo veicolo. Da parte dei privati è stato osservato un certo atteggiamento di attesa. Nel 2021, in Francia, la quota delle vendite ai privati è diminuita di 4 punti (43% delle immatricolazioni contro il 47% dell’anno precedente).

È improbabile che l’inflazione dilagante scompaia nel 2022. Negli Stati Uniti, il prezzo delle auto usate contribuisce di 1 punto a questa inflazione, mentre in precedenza l’effetto era zero.


Fattore 4: passaggio all’elettrico

Il passaggio alle auto elettriche è ormai a buon punto. L’accelerazione di questa transizione è stata probabilmente più forte del previsto. Tra il 2020 e il 2021 le vendite di veicoli elettrici sono aumentate del 64%, sostenute da sussidi governativi e restrizioni sempre più stringenti (es. Zone a basse emissioni). Includendo gli ibridi plug-in, il mercato elettrico rappresenta il 20,9% delle vendite in Europa.

ventes de voitures électriques en Europe en 2021

Questa mania per le auto elettriche fa sembrare i motori a combustione antiquati e contribuisce a un calo delle vendite. Il consumo eccessivo di semiconduttori nei modelli elettrici rende i tempi di consegna ancora più lunghi (fino a 18 mesi per una BMW i3). L’atteggiamento attendista dei singoli consumatori viene così ulteriormente rafforzato. Rappresenta un circolo vizioso.

Paese Numero di auto elettriche al 100% vendute nel 2021 Percentuale di auto elettriche sul totale delle vendite di veicoli nuovi nel 2021
Norvegia 113700 64,7%
Paesi Bassi 64000 19,8%
Svezia 57500 19,1%
Austria 33500 13,9%
Germania 356000 13,6%
Danimarca 24900 13,5%
Svizzera 31800 13,3%
Regno Unito 190700 11,6%
Lussemburgo 4600 10,5%
Finlandia 10100 10,3%
Francia 162100 9,8%
Portogallo 13300 9%
Irlanda 8700 8,3%
Belgio 22800 6%
Italia 67500 4,6%
Spagna 23700 2,8%
Grecia 2300 2,2%

Segnali di speranza per le case automobilistiche

In Europa la crisi del Covid ha portato a un surplus di risparmio alimentato dalla paura del domani. Questa tendenza a risparmiare più del solito è rallentata dal terzo trimestre del 2021. Ad esempio, i francesi hanno risparmiato 22 miliardi di euro tra aprile e giugno 2021 e 6 miliardi tra luglio e settembre 2021.

Il morale delle famiglie è rimasto a un livello ragionevole da giugno 2021. In Francia, era in rialzo a dicembre 2021. Nonostante l’inflazione, il sentimento dei consumatori è sostenuto da buone prospettive economiche e dal calo generale della disoccupazione (3,9% negli Stati Uniti). La piena occupazione è intuizione.

La convergenza di questi risparmi in eccesso, un’ottima prospettiva economica e la scarsità di materie prime per le auto elettriche potrebbero quindi portare a un allentamento del mercato nel 2023.

 

 

Tag:,

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *