Earn money by answering our surveys

Register now!

Marketing 4.0: origini, vantaggi e consigli

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Il marketing 4.0 è una nuova visione di marketing: più inclusiva, personalizzata ed efficace. Questo tipo di marketing è una risorsa formidabile nella tua strategia di marketing inbound. L’autore Philip Kotler ha usato il termine per la prima volta nel 2017. Questa nuova era del marketing digitale segue 3 generazioni di processi dal marketing 1.0 al 3.0. Qui, i quattro obiettivi sono definire e contestualizzare il marketing 4.0 prima di presentarne vantaggi e consigli.

 


Contattaci per condurre la tua ricerca sulla fidelizzazione dei clienti

 


Sommario

 


Tutto sul Marketing 4.0 in 30 secondi

  • Marketing 4.0 innova su tre aspetti: l’introduzione delle 5A per completare il marketing mix, la presenza multicanale e l’ultra-connettività con i clienti
  • È la quarta generazione di marketing, dopo il produttivismo del marketing 1.0, l’attenzione al cliente del marketing 2.0 e la segmentazione del marketing 3.0.
  • 6 vantaggi principali: approccio incentrato sul cliente, targeting, misurazione dei risultati, comunità attive, personal branding e comunicazione bidirezionale.
  • Gestire bene la reputazione elettronica diventa uno sforzo di marketing essenziale nella vita della tua azienda
  • Non bisogna considerare che i canali di vendita tradizionali dovrebbero scomparire a favore del digitale
  • Pubblicità: si dovrebbero creare campagne personalizzate per poter attirare l’attenzione del tuo pubblico

Capitolo 1

Che cos'è il marketing 4.0?

Nel 2017, Philip Kotler ha reso popolare il termine nel suo libro “Marketing 4.0”, che discute l’evoluzione esponenziale del marketing. In effetti, i media tradizionali stanno cedendo sempre più il passo ai media digitali. Tuttavia, Marketing 4.0 combina il meglio di entrambi i mondi: marketing tradizionale e digitale. Pertanto, influenzare gli acquisti e sviluppare le vendite richiede una buona comprensione del comportamento del cliente.

 

Contattaci per ricercare il comportamento dei client

L’uso delle nuove tecnologie digitali contraddistingue questo approccio di marketing. I dati sono sempre più richiesti nella fase di analisi. Inoltre, l’assertività è in aumento, anche con l’uso dell’intelligenza artificiale e della robotica nelle azioni.


Il marketing 4.0 coinvolge tecniche come Big Data, CRM e automazione del marketing.



Caratteristiche del Marketing 4.0

Le sue caratteristiche sono distinte e dirompenti:

  • Largo alle 5A’s: Le vecchie “4P” del marketing mix sono integrate dalle “5A”: Aware, Appeal, Ask, Act e Advocate. Queste nuove metriche implicano che il cliente è interessato a molti marchi. In concreto, ottengono informazioni su Internet e procedono all’atto dell’acquisto prima di esprimere la propria opinione sulla propria customer experience. Questo è il principale contributo del marketing 4.0.
  • Esperienza multicanale del cliente: La customer experience sta affrontando un’evoluzione senza precedenti, soprattutto con l’avvento della tecnologia digitale. Ora i prodotti sono disponibili online prima dell’acquisto in negozio. E’ possibile anche recarsi in negozio prima della consegna a domicilio.
  • Ultra-connettività: Qui, anticipiamo le richieste dei clienti prima del processo di acquisto. Cerchiamo quindi di stabilire una relazione a lungo termine con un approccio di marketing multicanale. Ciò include inbound marketing, e-mail, pubblicità mirata e social network. Inoltre, i marchi cercano di coinvolgere i propri clienti nella vita della loro azienda (Jara, A. et al., 2012).

Capitolo 2

Come siamo passati dal marketing 1.0 al marketing 3.0?

Il marketing 4.0 e le sue numerose caratteristiche sono il risultato di una forte evoluzione delle pratiche di marketing. Presentiamo gli aspetti principali del marketing 1.0, 2.0 e 3.0.

 


Marketing 1.0

Il marketing 1.0 è nato dalla rivoluzione industriale e ha raggiunto il suo apice con la rivoluzione fordista. Qui, i clienti avevano poca scelta davanti a loro; inoltre, c’era poca rivalità tra le aziende. Di conseguenza, le aziende si sono concentrate sui loro prodotti e sulla produzione.

Producendo sempre più beni, le strutture aziendali avevano un solo obiettivo: vendere di più. Pertanto, la personalizzazione era strettamente limitata a favore del produttivismo. Insomma, il cliente era solo secondario nella mente delle aziende.

marketing 4.0 productivisme

Con il marketing 1.0 non ci facciamo domande: produciamo e vendiamo! (fonte: Shutterstock)


Marketing 2.0

È solo con il marketing 2.0 che le aziende hanno iniziato a personalizzare i propri messaggi pubblicitari. L’effetto è immediato: le campagne pubblicitarie diventano subito più impattanti. Per questo motivo, le aspettative dei clienti sono diventate sempre più importanti. Abbiamo quindi assistito all’emergere delle immagini di marca come strumento di differenziazione.

Il marketing 2.0 è apparso negli anni ’90 e si è concentrato nuovamente sul consumatore per stabilire nuovi fondamenti di marketing basati sulla soddisfazione e la fedeltà del cliente. L’offerta è quindi costruita in base alle esigenze dei prospect.

marketing 4.0 evolution


Marketing 3.0

Il grande cambiamento apportato dal marketing 3.0 sta nella sua segmentazione, che è più efficiente ed equa. Il suo utilizzo delle tecnologie digitali è un presagio dell’emergere del marketing 4.0. Le tecniche di persuasione pubblicitaria sono percepite come meno invasive rispetto alla pubblicità tradizionale. Finalmente, grazie al marketing 3.0, nascono le prime strategie di contenuto.

marketing 4.0 targeting

Il marketing 3.0 pone le basi per il marketing 4.0, in particolare per quanto riguarda l’attenzione al cliente. (fonte: Shutterstock)

Inoltre, attraverso questo nuovo processo sono emersi due tipi di marketing:

  • Marketing di attrazione: offrendo informazioni rilevanti sul prodotto per aumentare il suo tasso di conversione
  • Marketing esperienziale: suscitando forti emozioni per creare un legame tra il prospect e il brand

Capitolo 3

Quali sono i 6 vantaggi del marketing 4.0?

Il marketing 4.0 ha reso il mondo commerciale accessibile a tutti. In verità, qualsiasi azienda può fare pubblicità attraverso i canali digitali. Questo garantisce loro molti vantaggi, elencati di seguito:

 

Vantaggi del marketing 4.0 Spiegazioni
Approccio incentrato sul cliente Le aziende sono interessate alla personalità dei loro clienti. Si interrogano sui bisogni latenti dei potenziali clienti e agiscono per inventare l’offerta ideale.
Targeting I nostri moderni strumenti ci consentono di creare campagne di targeting per ogni segmento. La migliore pratica è dare la priorità ai consumatori che hanno maggiori probabilità di diventare clienti.
Misurare i risultati Il marketing 4.0 fornisce indicatori di performance precisi e utili per valutare l’impatto delle campagne pubblicitarie. Alcuni esempi di metriche: sono il numero di visite, la frequenza di rimbalzo, il costo per clic e così via.
La comunità La presenza multicanale è un aspetto chiave della creazione di comunità di utenti coinvolti e attivi. Questi gruppi sono i primi ambasciatori del tuo marchio!
Brand image La libertà totale si apre alle aziende. I marchi possono trasmettere un’immagine positiva, essere più umani ed essere più vicini ai propri clienti. C’è ancora un dibattito sull’impatto dell’immagine del marchio sull’intenzione di acquisto. Da un lato, alcuni credono che pensare attraverso l’immagine del proprio marchio sia essenziale per ottenere la fiducia dei clienti (Kim, R. B. e Chao, Y. 2019). D’altra parte, un’analisi del comportamento dei consumatori non mostra una relazione particolare tra integrità del marchio e intenzione di acquisto (Dash G. et al., 2021).
Comunicazione A differenza dell’approccio tradizionale, la comunicazione di marketing 4.0 è una strada a doppio senso. Si va dal marchio al cliente e viceversa.

Capitolo 4

Marketing 4.0: 3 consigli per usarlo correttamente

Infine, condividiamo con te 3 best practice prima di iniziare a fare marketing 4.0. In agenda: e-reputation, pubblicità tradizionale vs digitale e personalizzata.


Dedicare tempo alla gestione della reputazione elettronica

L’influenza dell’opinione è uno dei criteri principali per il successo (o il fallimento) delle campagne di marketing 4.0. Oggi ogni voce può essere espressa sui social network. Quindi, è importante conoscere la gestione della reputazione elettronica. Sapere cosa fare in caso di crisi può essere decisivo per mantenere una brand image sana.

In breve, il monitoraggio dei commenti positivi e negativi consente di valutare la natura della tua reputazione. L’indicatore più importante per misurare la fidelizzazione dei clienti rimane la propensione a difendere il brand, un vero e proprio ruolo di ambassador.


Bilanciare processi tradizionali e digitali

Quando l’autore Philip Kotler, un’autorità tra i suoi colleghi, parla di Marketing 4.0, non parla di tabula rasa. Al contrario, questo processo di marketing è semplicemente la somma di tutte le best practices acquisite nei decenni in merito alle esigenze dei clienti.

Il marketing 4.0 propone principalmente l’idea di una presenza multicanale. Vendere i tuoi prodotti/servizi su canali fisici e digitali è la prova di una sana gestione aziendale. Al giorno d’oggi, non c’è modo migliore per aumentare il coinvolgimento e migliorare l’immagine del tuo marchio.

Contattaci per la tua ricerca di awareness


Progetta campagne pubblicitarie mirate e accattivanti

Infine, il marketing 4.0 deve affrontare una grande sfida. Infatti, catturare l’attenzione e suscitare forti emozioni è complicato per i clienti sempre più esposti alla pubblicità. È un passo essenziale sulla strada per costruire la fiducia tra clienti e marchi.

Il targeting rimane un’importante attrazione per raggiungere nuovi clienti. Questa strategia di marketing 4.0 permette di andare a trovare prospect che si riconoscono nel messaggio del brand. La chiave del successo del marchio è condividere i valori essenziali con i suoi target.

Tag:

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *