Earn money by answering our surveys

Register now!

Carrefour Flash: riflessioni su questo negozio autonomo e il relativo retail

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Carrefour ha annunciato l’apertura del suo negozio “Flash” indipendente all’11 di avenue Parmentier a Parigi. La promessa di questo negozio è di fare la spesa in 10 secondi e pagare in 10 secondi. Questo primo negozio “Flash” Carrefour è stato creato con la startup americana AiFi ed è un concentrato di tecnologia. In questo articolo, vi presentiamo questo negozio autonomo e rifletteremo sulla parte tecno-scettica futuristica del retail.

Carrefour flash: un concentrato di tecnologia

Il negozio Carrefour Flash è il risultato della conversione di un vialetto pedonale che Carrefour aveva già all’11 di avenue Parmentier. Si tratta di un punto vendita molto piccolo (50 mq) in cui operano 4 dipendenti.

La tecnologia di riconoscimento e tracciamento dell’azienda AiFi è stata scelta per connettere il negozio e renderlo autonomo grazie a:

  • 2000 sensori
  • 60 telecamere

Le telecamere sono sul soffitto e consentono di seguire i movimenti dei clienti. AiFi e Carrefour assicurano che questa tecnologia rispetti la privacy e il GDPR perché ogni visitatore è rappresentato sotto forma di avatar. Le immagini dei clienti non verrebbero quindi registrate. La customer experience offerta è quindi sensibilmente diversa da quella di un Amazon Go o, in generale, di negozi dotati della tecnologia Just Walk Out di Amazon.


 

Un marketing mix migliore

La trasformazione di un punto vendita tradizionale in un negozio indipendente porta la sua parte di sfide tecnologiche (e finanziarie) ma permette anche di considerare nuove prospettive. Uno di questi, che abbiamo già evidenziato nella nostra recensione del negozio Starbucks / Amazon Go, è un marketing mix migliore. Grazie all’empowerment, l’area di vendita può essere più redditizia e soprattutto più rifornita. L’assortimento, una componente del marketing mix del prodotto, può essere più ampio per la stessa area, il che è un fattore di soddisfazione del cliente.

Il personale può così essere riassegnato ad altre attività a maggior valore aggiunto. In Carrefour, i 4 dipendenti si occupano dei servizi relativi alla via pedonale, all’orto, al rifornimento del Carrefour Flash e all’assistenza ai clienti.


Il caso di Carrefour Flash non fa che rafforzare le mie convinzioni secondo cui la corsa al progresso tecnologico contribuisce alla disumanizzazione della nostra società.



La promessa di fare acquisti in fretta: progressi?

La promessa di Carrefour Flash in termini di customer experience si riduce a 10/10: 10 secondi per fare acquisti, 10 secondi per pagare. Per mantenere questa promessa è stato quindi necessario dotare il negozio di 50 m² di 60 telecamere, 2000 sensori e chilometri di cavi. I terabyte di dati generati verranno inviati a server distanti probabilmente diverse migliaia di chilometri prima di tornare “elaborati” dallo stesso percorso. Questi flussi incessanti di dati sono il volto nascosto del commercio connesso. Le macchine sostituiscono gli umani, ma i costi (ambientali) nascosti sono enormi. In effetti, alimentare le server farm richiede molta energia.

D’altra parte, ci si può legittimamente domandare se la promessa di fare acquisti più velocemente, senza dover interagire con un essere umano, rappresenti un vero progresso. Ne avevo già parlato in questo forum. Il caso di Carrefour Flash non fa che rafforzare le mie convinzioni secondo cui la corsa al progresso tecnologico contribuisce alla disumanizzazione della nostra società. Quanti progressi ci sono nello shopping in 20 secondi? Siamo esseri umani migliori se risparmiamo qualche secondo durante lo shopping? Non credo.

Metropolis Fritz Lang

Nel film Metropolis di Fritz Lang, una macchina infernale si nutre di esseri umani.


La digitalizzazione ci sta trasformando… in meglio?

L’uomo è un animale gregario. È nella sua natura. Ma la corsa frenetica per digitalizzare la nostra società sta cambiando la situazione. Osservo che la tecnologia ha prima unito gli esseri umani. Lo sviluppo dei mass media, la democratizzazione dei viaggi motorizzati e l’emergere della comunicazione elettronica negli anni ’90 hanno contribuito a riunire le persone, fisicamente e virtualmente. Ora la tecnologia sta allungando i legami tra gli umani. Con il pretesto di guadagni di efficienza a breve termine, gli uomini sono inconsciamente incoraggiati a rinunciare alle interazioni con il prossimo.

Soprattutto, questo guadagno di efficienza non può che conferire un vantaggio competitivo transitorio alle imprese che lo promettono. Il costo finanziario della tecnologia sta solo diminuendo e presto la promessa del 10/10 sarà la norma. Come la macchina infernale di Metropolis, la Tecnologia renderà schiavi gli umani, rendendoli totalmente dipendenti da loro. Avremo allora solo i nostri occhi per piangere e la nostra memoria per ricordare l’immagine fugace dei contemporanei che abbiamo incontrato in passato.

 

Tag:

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *