Earn money by answering our surveys

Register now!

Snowball effect: vantaggi, svantaggi, implementazione

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Lo snowball effect è un metodo di campionamento utilizzato nella ricerca qualitativa. Semplifica il reclutamento degli intervistati in contesti difficili. Il campionamento realizzato con lo snowball effect presenta vantaggi e limitazioni di cui parleremo in questo articolo. Si troverà anche una definizione esauriente ed esempi concreti. Contattaci per maggiori informazioni sulla ricerca qualitativa che realizziamo.

Sommario


Cos’è lo snowball effect?

Lo snowball effect è una tecnica per reclutare intervistati per focus group o interviste individuali. Si tratta, quindi, di un metodo di campionamento per la ricerca qualitativa.

Lo snowball effect consiste nel chiedere a ciascuna persona contattata i dettagli di contatto di una o più altre persone da intervistare. Ad ogni contatto, l’elenco dei potenziali intervistati aumenta come una palla di neve che cresce continuamente quando viene spinto. Questo passaggio può essere implementato direttamente durante il primo contatto (prima del colloquio) o dopo che l’intervistato è stato intervistato.

Lo snowball effect è facile da implementare, il che spiega il suo successo. È un’alternativa ad approcci più complicati come l’osservazione partecipativa. L’antropologo Teun Voeten, ad esempio, ha vissuto con i senzatetto per le sue ricerche.

È quindi facile comprendere che si tratta di un metodo di campionamento non probabilistico. Lo snowball effect non consente la costruzione di campioni “rappresentativi”, anche se la nozione di rappresentatività nella ricerca qualitativa non ha senso (vi rimandiamo al nostro articolo sulla saturazione e al nostro calcolatore qualitativo della dimensione del campione).


Implementazione

Se decidi di sfruttare lo snowball effect, puoi implementarlo in 2 modi:

  • sia chiedendo direttamente le informazioni di contatto
  • o chiedendo contesti, staffette e luoghi attraverso i quali entrare in contatto con gli altri intervistati

In pratica, ecco alcune idee per le domande da porre quando contatti potenziali intervistati o alla fine del tuo colloquio qualitativo/focus group. Procedi come segue.

1) Innanzitutto, ricorda il contesto della tua ricerca

“Ricordiamo che la mia ricerca si concentra sullo studio [descrizione degli obiettivi]. Nell’ambito di questo, vorrei intervistare persone che [descrizione del profilo del rispondente ideale]”.

2) Chiedi i contatti di altri intervistati

“Sono sicuro che conosci persone che corrispondono a questa descrizione. Potresti davvero aiutarmi mettendomi in contatto con loro.”

3) Espandi la richiesta se non ricevi direttamente una risposta

“Forse puoi darmi qualche idea su come trovare queste persone. Puoi darmi le informazioni di contatto per qualcuno che potrebbe conoscerle?”

4) Fai in modo che le persone pensino a dove o come stabilire un contatto

A condizione che tu non abbia già posto questa domanda durante il colloquio, chiedi al tuo intervistato di pensare ai luoghi (fisici o virtuali) in cui potresti trovare altri intervistati.

“Se dovessi trovare degli intervistati, dove andresti a trovarli?”


Vantaggi del snowball effect

Lo snowball effect presenta diversi vantaggi che analizziamo in questo paragrafo.

Facilità di attuazione

Il reclutamento degli intervistati nella ricerca qualitativa è solitamente un processo molto complesso. In questa fase è in gioco la fattibilità stessa della ricerca. Nessun intervistato = nessuna intervista o focus group.

Lo snowball effect è un approccio di facile applicazione per aumentare le probabilità di successo nella fase di reclutamento. Questo probabilmente spiega la sua popolarità.

L’unico metodo applicabile per raggiungere popolazioni “nascoste”

Lo snowball effect è spesso il miglior metodo di campionamento per le popolazioni nascoste. Si dice che una popolazione sia “nascosta” quando è di difficile accesso quando i suoi membri sono poco collegati ad altre comunità. Si tratta in genere di popolazioni che possono essere descritte come emarginate. Gli esempi che citiamo alla fine di questo articolo illustrano la portata di questa emarginazione: i tossicodipendenti, i senzatetto, i malati ei disoccupati.

Le popolazioni “nascoste”, però, non si limitano a quelle emarginate nel senso negativo del termine. All’altro capo dello spettro, ad esempio, i ricchi vivono in clandestinità e sono di difficile accesso (vedi un esempio concreto qui). Una raccomandazione e un contatto condiviso sono spesso essenziali per avvicinarsi a loro. In questo caso, lo snowball effect potrebbe essere l’unico modo per costruire il tuo campione.

Comprendere le dinamiche relazionali all’interno di una popolazione

Noy (2008) suggerisce un altro vantaggio di 2 ricerche che utilizzano lo snowball effect. La prima ricerca è stata dedicata ai backpackers, la seconda agli autisti professionisti a Gerusalemme. In entrambi i casi, l’autore si è basato su interviste individuali con due popolazioni difficili da raggiungere e ha riflettuto su ciò che lo snowball effect gli ha detto sulle popolazioni che stava studiando. Lui scrive:

Mentre inizialmente cercavo informazioni nel materiale prodotto nelle interviste in queste ricerche (cioè il ‘testo’), in seguito mi sono reso conto che potevo imparare molto sia sui viaggiatori zaino in spalla che sugli uomini emarginati riflettendo sulle dinamiche di accesso o avvicinandosi a loro. È stata questa intuizione e le interrelazioni emerse tra le procedure di campionamento e di intervista in questi progetti che mi hanno portato a rivalutare il ruolo del campionamento snowball.

While I initially looked for information in the material produced in the interviews in these researches (i.e., the ‘text’), I later realized that I could learn a great deal about both backpackers and marginalized men by reflecting upon the dynamics of accessing or approaching them. It was this insight, and the interrelations that then emerged between the procedures of sampling and interviewing in these projects, that led me to re-evaluate the role of snowball sampling

 


Svantaggi del snowball effect

Prima di utilizzare la tecnica del snowball effect, è essenziale comprenderne i limiti.

Pregiudizio sulla diversità

Poiché lo snowball effect è una tecnica non probabilistica che si basa sulle relazioni esistenti tra gli intervistati, può portare a un problema di diversità di opinioni espresse. Il famoso adagio dice: “chi è simile, raccoglie”. Possiamo osservare questa vicinanza di opinioni tra gli intervistati sul campo.

Se chiedi agli intervistati di fornire informazioni su chi intervistare, potresti ritrovarti con un campione che esprime opinioni simili. Questa mancanza di diversità è necessariamente un pregiudizio.

Lo svolgimento del colloquio determina il risultato

La qualità dei contatti che ricevi dai tuoi intervistati dipende dal tuo rapporto con loro. In altre parole, se stabilisci un buon rapporto con il tuo intervistato, il colloquio qualitativo andrà bene. A sua volta, avrai maggiori possibilità di ottenere contatti interessanti per il resto della tua ricerca.

Lo snowball effect, come metodo di campionamento, è quindi potenzialmente basato in parte sulla qualità del rapporto umano che sei riuscito a costruire.

snowball effect

Tieni traccia dei contatti forniti tramite lo snowball effect creando un albero come questo. Questo ti aiuterà a visualizzare i limiti del tuo campionamento identificando le relazioni tra i membri della rete.

Perdita di controllo

A differenza di altri metodi di campionamento, lo snowball effect porta a perdere il controllo per la persona che realizza la ricerca qualitativa. In effetti, lo sforzo di reclutamento è “spostato” sugli intervistati. Per tenere conto di questa perdita di controllo, è utile tenere una registrazione scritta o visiva del processo di assunzione (vedi grafico sopra).


Esempi di utilizzo del snowball effect nella ricerca qualitative

Ecco alcuni esempi di come lo snowball effect viene applicato nella ricerca qualitativa. Iniziamo dandoti alcuni casi che abbiamo gestito nella nostra agenzia di ricerche di mercato e poi proseguiamo con esempi tratti dalla letteratura accademica.

Ricerca sui clienti delle banche private

I clienti delle banche private devono avere un importo minimo di ricchezza e attività significative. Il loro livello di ricchezza li rende una popolazione di dimensioni limitate. Questi clienti tendono anche ad essere molto discreti, il che complica il loro approccio.

Pertanto, la ricerca che abbiamo condotto per una banca centrale del Lussemburgo ha utilizzato lo snowball effect per raccogliere raccomandazioni per avvicinarsi agli intervistati.

Ricerca sulle persone ipovedenti

Abbiamo condotto diverse ricerche sui bisogni delle persone ipovedenti. Questa popolazione soffre di una mancanza di integrazione nella società in generale e nel mondo del lavoro in particolare (si veda la nostra relazione al Parlamento sull’occupazione dei disabili nelle amministrazioni).

Per avvicinarci a queste popolazioni, ci siamo affidati agli amministratori di forum online specializzati per ottenere i contatti dei potenziali intervistati.

Ricerche accademiche

Esempi di ricerca accademica che utilizzano lo snowball effect sono innumerevoli:

 


Conclusione

Il metodo di campionamento basato sul snowball effect è un classico nella ricerca qualitativa. È particolarmente adatto per realizzare interviste qualitative con popolazioni nascoste.
Tuttavia, la sua facilità di attuazione non deve far dimenticare i suoi limiti. Lo snowball effect può portare a pregiudizi di selezione e a una minore diversità di opinioni raccolte.

Tag:

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *