Earn money by answering our surveys

Register now!

Shrinkflation: la nuova strategia commerciale dei marchi per aumentare i prezzi

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

In questo periodo di inflazione record, si potrebbe aver notato qualcosa di strano durante lo shopping. Dopo aver scansionato le etichette sugli scaffali, si è percepito un cambiamento nel prezzo e nelle dimensioni dei prodotti. In questo caso i prezzi salgono, ma le quantità scendono. Questa tecnica di determinazione del prezzo, utilizzata da marchi come Lindt o Kiri, è chiamata Shrinkflation. La pratica è denunciata da diverse associazioni di tutela dei consumatori, come foodwatch France o Codacons. Molti attori dell’industria alimentare utilizzano questa tecnica: ne presentiamo 9 in questo articolo.


Sommario


Che cos’è lo Shrinkflation? Da dove viene

Shrinkflation è quando si riduce la quantità di un determinato prodotto mantenendo il suo prezzo originale o addirittura aumentandolo. È una strategia adottata da sempre più gruppi alimentari, soprattutto in tempi di inflazione.

Il fenomeno è sotto i riflettori nel 2022 ma non è nuovo. La Shrinkflation esiste già da più di 20 anni. È particolarmente favorito dall’inflazione, dall’aumento del costo delle materie prime e dall’introduzione di nuove tasse.

Nonostante il suo carattere dubbioso, questa tecnica è completamente legale! Tuttavia, questo non significa che le associazioni per la tutela dei consumatori lasceranno che accada. I sostenitori della Shrinkflation devono affrontare un fatto compiuto mentre la fiducia percepita del consumatore diminuisce.


9 esempi di prodotti soggetti alla shrinkflation

Tartufi al cioccolato Lindt

Ampiamente discusso in Francia nelle ultime settimane a seguito del dossier di foodwatch, il caso Lindt è in discussione. Negli ultimi due anni, i tartufi al latte del marchio svizzero hanno progressivamente mostrato segni di shrinkflation. In questo caso le porzioni sono passate da 30 a 24.

Inoltre è cambiato anche il prezzo del prodotto: è aumentato del 4% dal 2020. La conseguenza è fortemente sentita sul prezzo al chilo: +30% in 2 anni.

In terra svizzera e germanica: Color-Rado di Haribo

Haribo e shrinkflation: metodi distinti per due diversi mercati nazionali. Qui, le caramelle Color-Rado sono individuate.

In Svizzera, il prezzo del pacchetto viene modificato (ovviamente in aumento). Per l’esattezza, le istruzioni di Haribo ai rivenditori svizzeri ora indicano un prezzo consigliato più alto. Secondo 20 Minutes, “alcuni dolci Haribo ora costano tra il 4% e l’8% in più” rispetto a prima.

D’altra parte, Haribo ha adottato un metodo alternativo in Germania poiché la quantità diminuisce e il prezzo non aumenta. Stiamo parlando di 11 morsi di caramelle in meno per confezione di Color-Rado.

The Happy World of Haribo, ma soprattutto più piccolo (fonte: Shutterstock)

Kiri e le sue porzioni ridotte di formaggio

Interrogato anche da foodwatch, Kiri avrebbe fatto ricorso alla shrinkflation per ridurre i suoi costi di produzione. Il marchio, infatti, ha deciso all’inizio del 2021 di ridurre la pezzatura dei suoi formaggi. Con un peso di 18 g oggi, le porzioni di Kiri erano più grandi dell’11,1% 18 mesi fa.

Riguardo i prezzi, Kiri si differenzia da Lindt perché non ha toccato il prezzo dei suoi prodotti. Solo il prezzo al chilo è stato influenzato da questo cambio di prodotto: +11% dal 2021.

Meno baci al cioccolato per Hershey

Poco conosciuti in Europa, i Chocolate Kisses di Hershey sono un esempio riconosciuto di shrinkflation negli Stati Uniti. Il marchio ha adottato lo stesso metodo del formaggio Kiri. Tocca solo la quantità senza alterare il prezzo del prodotto.

Melissa Poole, vicepresidente delle relazioni con gli investitori di Hershey, dirà anche:

Hershey sta riducendo le dimensioni della sua confezione mantenendo un prezzo simile per mantenere i clienti che devono spendere solo $ 3 per un sacchetto di Chocolate Kisses, invece di $ 5 o $ 6.

Gatorade opta per un cambio di confezione

Quindi, l’esempio di Gatorade è leggermente diverso. La bevanda energetica americana è stata accusata di shrinkflation quando ha cambiato la confezione. I consumatori americani, purtroppo, hanno scoperto che la loro bevanda preferita aveva perso ⅛ del suo volume. Naturalmente, il prezzo di vendita non era diminuito; anzi: era ancora più alto!

Il suo proprietario PepsiCo si è quindi difeso da qualsiasi pratica di shrinkflation. Ha anche assicurato che Gatorade aveva pianificato questo cambio di imballaggio per anni.

Anche il bar Dairy Milk di Cadbury è vittima della shrinkflation dell’inflazione

Marzo 2022: nel bel mezzo della guerra in Ucraina, Cadbury utilizza la shrinkflation per i suoi prodotti fatti di latte.

Il bar ha poi visto la sua quantità diminuire del 10%, a un prezzo di vendita invariato. Questo è un caso tipico delle conseguenze di un conflitto con conseguenze globali. I prezzi dell’energia, i prezzi degli ingredienti e i costi della catena di produzione sono tutti aumentati di recente. In ogni caso, questi sono gli argomenti utilizzati da un portavoce del marchio per giustificare questa pratica.

Comprendiamo che anche i consumatori devono fare i conti con l’aumento dei costi (…) Ma, in questo ambiente difficile, abbiamo dovuto ridurre leggermente il peso medio delle nostre barrette Cadbury Dairy Milk.

Troppa inflazione, non abbastanza Nescafè Azera

Nescafé non è immune nemmeno dalla shrinkflation dell’inflazione per mantenere discreti profitti. Il caffè solubile Azera ha subito le stesse modifiche del Cadbury’s Dairy Milk. Stiamo parlando di un calo della quantità del 10% per un prezzo che non si è spostato di una virgola.

Beth Schubert, co-fondatrice di Own The Grill, è una delle consumatrici colpite da questo cambiamento politico prodotto da Nescafé. Dice che Nescafé ammette la sua shrinkflation. Si ritiene che il picco dei prezzi dei chicchi di caffè nell’ultimo anno sia il motivo di questa decisione.

Nescafè è essa stessa vittima dell’esplosione del costo delle materie prime

Domino’s fa i suoi risparmi nel pollo

Infine, Domino’s si distingue dalla massa di marchi che utilizzano la shrinkflation. Per una buona ragione, il franchising di fast food sta prendendo sul serio questa scelta.

A questo proposito l’imprenditrice americana Charmaine Chan ci assicura che non si tratta di un caso isolato. Di fronte all’aumento dei prezzi del pollo, le pizze del ristoratore americano ora contengono meno ali. Nello specifico si tratta di una riduzione del 20% della quantità di pollo in una pizza da Domino’s.

Barilla nega qualsiasi pratica di shrinkflation

In Italia la Barilla si trova in difficoltà a seguito delle accuse della shrinkflation. Alcuni consumatori, infatti, hanno notato che i rigatoni venduti in tempi diversi non avevano lo stesso peso. 454 g contro 410 g; ciò corrisponde a una diminuzione del 9,7% della quantità di pasta per Barilla.

Tuttavia, il marchio italiano invoca un argomento tecnico per difendersi da tale pratica. La confezione da 454g sarebbe stata commercializzata solo negli Stati Uniti, mentre la confezione da 410g sarebbe stata destinata al mercato canadese.

I consumatori sono molto attenti a queste pratiche di riduzione dei costi. I marchi devono quindi essere in grado di spiegarsi in modo chiaro e rapido quando vengono accusati di shrinkflation.

Le confezioni di pasta Barilla diventano sempre più discrete

 

Tag:,

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *