Earn money by answering our surveys

Register now!

Retail: Levita fa levitare gli oggetti nella sua vetrina

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Sempre alla ricerca di nuove tendenze nel mondo del retail, quest’anno siamo tornati alle vetrine interattive, sempre più utilizzate dai brand per differenziarsi dai concorrenti, offrire un’esperienza unica ai propri clienti e attirare gli acquirenti. Oggi, due maghi (Clément Kerstenne e Philippe Bougard), utilizzano i loro trucchi in negozio e creano vetrine nelle quali gli oggetti levitano. Philippe e Clément ci raccontano questa esperienza.

Riepilogo

Qualche parola su Levita

Nel 2018, Clément Kerstenne e Philippe Bougard, due maghi di Liegi, hanno avuto l’idea di disconnettere la magia del mago, rendendo il concetto indipendente e sviluppando un prototipo per far levitare un oggetto senza l’intervento di un essere umano.

Il loro obiettivo era semplice: automatizzare un trucco di magia

Inizialmente, sono stati i creatori di InTheAir, una società di intrattenimento che offre alle aziende l’opportunità di ospitare i propri eventi in B2B, B2C o in-house con uno spettacolo di magia personalizzato, per marchi come Ferrari, Porsche, Galler, Total e molti altri.

Così, hanno lanciato Levita in un’avventura al dettaglio suscitando molto scalpore.

Il concetto di levitazione

Purtroppo, non potremo svelarvi i segreti dietro questa scatola magica, tuttavia, sono necessari alcuni dettagli specifici! Clément e Philippe hanno lavorato per più di un anno e mezzo, sia internamente che con un’agenzia di design esterna e altri partner locali, per sviluppare la gamma Gravity Window.

Questa gamma, quindi, offre ai rivenditori l’opportunità di far levitare oggetti nelle loro vetrine.

L’offerta di Levita: la gamma Gravity Window

The box la boîte de lévitation Levita

La scatola: la scatola della levitazione

 

Il tubo: il tubo di levitazione

The Tailored: levitazione su misura

L’effetto è affascinante ed attira clienti ed acquirenti che si fermano davanti alla vetrina, sia per vedere l’oggetto levitare che per cercare di capire il concetto stesso.

L’introduzione al mercato

Certo, abbiamo già sentito parlare di un sistema che fa levitare piccoli oggetti, con dispositivi magnetici trovati su Amazon. I migliori marchi di lusso del mondo comprendono bene i vantaggi di questo concetto e, in particolare, dall’orologiaio svizzero Roger Dubuis, che è stato il primo marchio a installare la Levitation Box nel loro negozio a Singapore, nel settembre 2019 e che prevede di introdurne un secondo, questa volta a Macao, nel dicembre 2019.

Il feedback è già molto positivo su questa prima implementazione, in quanto il marchio ha visto un aumento dell’interesse per l’orologio. Infatti, sempre più acquirenti si fermano davanti alla vetrina e chiedono dettagli a un venditore, trascorrono anche più tempo davanti a quest’ultimo e sono curiosi di saperne di più, fino a quando non hanno l’orologio in mano per assicurarsi che sia autentico, una spinta in termini di interesse e lealtà dell’acquirente.

Un inizio promettente per Levita, che già incontra grandi offerte dei marchi di lusso e non intende fermarsi qui. La levitazione personalizzata, infatti, è in continua evoluzione perché dipende in particolare dalle richieste dei clienti. Tuttavia, il team di Levita non si ferma qui: intendono continuare le prove per poter continuare a proporre concetti di levitazione sempre più avanzati, adattati per le opere d’arte, ad esempio.

Alcune cifre chiave

  • Creazione di due posizioni nel 2019 (ingegnere e direttore commerciale) con l’obiettivo di espandere il team entro la fine del 2020.
  • Obiettivo di vendita: tra 50 e 150 scatole nel 2020
  • Vendite export nelle location chiave del lusso internazionale
  • Un brevetto registrato per il concept
Tag:, ,

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *