Earn money by answering our surveys

Register now!

Marketing e pubblicità: 5 usi innovativi del QR code [Ricerca]

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Il QR code esiste dal 1994 e negli anni si è ampliato oltre al contesto industriale per il quale è stato inventato. I professionisti del marketing hanno colto le possibilità offerte dal codice QR e hanno immaginato molteplici applicazioni. Vi presentiamo di seguito 5 diversi campi che hanno visto l’utilizzo innovativo dei codici QR.


#1: il QR code per comunicare su larga scala

A Shanghai nel 2021, Cygames ha pilotato 1500 droni per uno spettacolo in onore del suo nuovo gioco “Princess Connect: Re Dive”. Alla fine dello spettacolo, i droni hanno disegnato un codice QR gigante nel cielo. Gli spettatori potevano scansionarlo e atterrare direttamente sulla pagina di download del gioco. Questo è probabilmente l’uso più spettacolare di un codice QR mai immaginato.

Guardate il video qui sotto. Il risultato è incredibile.


#2: il QR code per il pagamento senza contanti

Il codice QR è un modo di pagare relativamente nuovo, anche se meno futuristico dei 6 metodi di pagamento contactless qui analizzati. Il codice QR come metodo di pagamento ha vantaggi molto tangibili. L’applicazione Sunday è stata lanciata come test dal gruppo di ristoranti Big Mamma. Il successo è stato incredibile:

  • 15% di fatturato in più del fatturato
  • 5 minuti risparmiati per fatturato
  • 30% in meno rispetto ad altri metodi di pagamento
  • Aumento del 10% dell’acquisto medio
  • 40% di mance in più

Di conseguenza, Sunday è diventata un’azienda indipendente. La società ha sede negli Stati Uniti ed è gestita da Christine de Wendel. Vale la pena conoscere questa storia di successo francese. L’intervista con Christine Wendel qui sotto vi darà tutte le informazioni necessarie.


#3: il QR code per creare un’esperienza phygital

Durante il lockdown, il QR code si è rivelato un alleato entusiasmante per mantenere il legame con i clienti. La visualizzazione dei codici QR nella finestra ha consentito a diversi marchi di indirizzare i clienti direttamente al sito di e-commerce.

L’idea non risale all’emergenza Covid.

Naturalmente, la famosa operazione Tesco nella metropolitana sudcoreana è stata imitata molte volte. Ma non dobbiamo mettere in ombra tutti gli altri usi del codice QR nelle vetrine. Come potete vedere nel video qui sotto, già nel 2012 le aziende utilizzavano il codice QR nelle loro vetrine per collegarsi al loro e-commerce. A quel tempo, era ancora necessario utilizzare una particolare applicazione per leggere il codice QR. Ma da qualche anno la lettura del QR code si realizza utilizzando l’applicazione fotografica degli smartphone. Questo rende l’esperienza ancora più accessibile.


#4: il QR code per informare il consumatore

Il codice QR è un modo semplice per far “parlare” il vostro packaging. Nell’era della trasparenza, il consumatore attento lo apprezzerà. Certo, non possiamo sperare nelle vette di interattività proposte dalla realtà aumentata come su una bottiglia di 19 crimes; ma un codice QR può inviare al consumatore un piccolo video per spiegare il prodotto.

Questo è esattamente ciò che ha fatto il marchio Lactel con la sua gamma “Bio and Engage”. Un codice QR sulla confezione è collegato a un video di un agricoltore che spiega le sue azioni per produrre meglio. Diversi video erano disponibili a seconda del codice QR. Di seguito troverete un esempio.


#5: il QR code come risorsa pubblicitaria

Il codice QR può consentire a un marchio di rendere “interattiva” la propria pubblicità. L’esempio Axa qui sotto è abbastanza semplice ma dà una buona idea delle varie possibilità. C’è un elemento contestuale (qui, la ristrutturazione dell’edificio) che permette il collegamento con il prodotto o il servizio proposto.

Tuttavia, sarebbe un peccato lasciarlo così. La tecnologia può fare di meglio, come ha dimostrato Honda per il lancio del suo nuovo Forza. Per questa occasione, Honda ha lanciato una campagna di display digitale interattivo. Grazie alla tecnologia di riconoscimento facciale, il messaggio pubblicitario potrebbe essere mirato in base all’età, al sesso, … del cliente (vedere un esempio per GMC sotto). L’aggiunta del QR code ha permesso la prenotazione di un appuntamento in concessionaria. L’attivazione potrebbe essere misurata direttamente, che è un po’ il Santo Graal per gli inserzionisti.

Tag:,

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *