Earn money by answering our surveys

Register now!

LinkedIn: come reagire al limite di 100 inviti a settimana?

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Da marzo 2021, LinkedIn ha deciso di limitare drasticamente il numero di inviti che i suoi membri possono inviare. D’ora in poi, avranno a disposizione un massimo di 100 inviti a settimana invece dei 100 al giorno precedenti. Si tratta dell’85% in meno, e ha conseguenze significative per tutti coloro che hanno usato LinkedIn per le loro ricerche.

Riassunto

Ci vorranno solo 30 secondi

  • LinkedIn ha ridotto dell’85% il numero di inviti da inviare. Sono passati da 100 inviti al giorno a 100 alla settimana.
  • Questo cambio è in via di attuazione e colpisce in via prioritaria gli utenti che utilizzano soluzioni di automazione e che utilizzano LinkedIn per la ricerca commerciale
  • In questo modo, LinkedIn spinge gli utenti a scegliere tra le sue soluzioni a pagamento… o a optare per la creazione di contenuti a valore aggiunto
  • Per aumentare la dimensione della vostra rete, dovete rispettare queste 4 regole d’oro
    • Regola n°1: creare un contenuto di qualità che susciti interesse (slogan e immagini interessanti)
    • Regola n°2: creare un contenuto lungo per aumentare il “dwell time” (tempo di permanenza)
    • Regola n°3: citare alcuni personaggi reattivi per generare rapidamente impegno
    • Regola n°4: non usare collegamenti ipertestuali

Un limite di 100 inviti su LinkedIn per evitare gli spammer

Il cambiamento imposto mira a limitare l’eccesso di prospezione tramite l’invio automatico di inviti e a spingere i membri a scegliere una delle soluzioni a pagamento (InMail). Negli ultimi anni, si erano sviluppati degli strumenti per inviare inviti di massa (fino a 100 al giorno) e per sollecitarli tramite messaggio interposto una volta che i membri avevano accettato l’invito a connettersi.

Questa tendenza all’automazione sfrenata aveva portato a comportamenti dannosi su LinkedIn. Si erano moltiplicati li inviti da parte di sconosciuti. Gli strumenti di automazione funzionavano infatti in 3 fasi:

  • estrazione di liste di profili LinkedIn in base a criteri specifici (settore di attività, paese, lingua, …)
  • invio di inviti di connessione “personalizzati” a queste liste
  • attivazione di scenari di prospezione (invio di un messaggio x alcuni giorni dopo aver accettato l’invito, e così via)

La conseguenza è stata la moltiplicazione degli inviti inviati da persone sconosciute con false motivazioni.

automated invitation on LinkedinEcco un esempio, tra i tanti, che è facile da riconoscere poiché gli strumenti di automazione includono quasi sempre il campo [nome], che in questo caso inizia con “Dr.”.

Se questo invito lo avesse scritto un umano, non avrebbe incluso il titolo accademico.

 


automated linkedin invitation

Anche in questo ultimo esempio vediamo un caso di invito automatizzato … che pubblicizza strumenti di automazione.

Stiamo sognando?

 

 

 


Perché la tua quota di inviti su LinkedIn è limitata a 100 a settimana?

L’implementazione del limite di 100 inviti su LinkedIn sta avvenendo in forma graduale. Non è un aspetto ch interessa tutti gli utenti. L’algoritmo di LinkedIn deciderà se applicarvi la limitazione a 100 inviti/settimana in base a vari criteri:

  • numero di inviti in sospeso
  • tempo trascorso su LinkedIn e attività effettuate online
  • connessione alle API di automazione

Accumulando comportamenti sospetti, si avrà una maggiore possibilità di essere colpiti dalla restrizione.

È ancora possibile automatizzare la nostra ricerca su LinkedIn?

Le strategie folli non funzionano più. In futuro, non sarà più possibile utilizzare LinkedIn come centro per l’invio di email massive. Questa strategia non è servita a molto:

  • il tasso di ritorno era basso (meno dell’1%)
  • ci si ritrovava con persone nella tua rete che non conoscevi nemmeno
  • la dimensione della rete aumentava, ma il tasso di coinvolgimento diminuiva, il che risultava essere dannoso per la visibilità

Limitando il numero di inviti a 100 a settimana, LinkedIn ci costringe a passare da una strategia da anfibi (depongo 1000 uova sperando che una sopravviva) a una strategia da mammiferi (ne facciamo nascere solo uno piccolo, ma me ne prendo cura).

Quindi, la domanda da 1 milione di dollari è: è ancora possibile automatizzare la ricerca su LinkedIn?

La risposta è …. no. Almeno non come prima.


Quali sono le alternative per la lead generation su LinkedIn?

Ecco la domanda che tutti ci stiamo ponendo: come si fa a generare leads su LinkedIn se il limite di inviti è diminuito a 100 a settimana?

Beh, purtroppo per voi, dovrete dimenticare i vostri approcci di vendita adottati nel secolo scorso. Le cold calling su LinkedIn non esistono più. Dovrete passare da una strategia “transazionale” a una strategia “relazionale”. In breve, dovrete investire il vostro tempo per sviluppare una relazione.

Dimenticatevi i pods e l’acquisto di like. Potreste ottenere più visualizzazioni in breve termine, ma il vostro raggio d’azione sarà inquinato dai profili “falsi” a cui piacerete durante poco tempo. Investite invece nella qualità. Preferireste inviare 1000 inviti automatici e generare 1 lead, o avere 10 conversazioni qualitative e generarne 2?

Preferireste inviare 1000 inviti automatici e generare 1 lead, o avere 10 conversazioni qualitative e generarne 2?

In poche parole, LinkedIn vi costringe a passare da una strategia di outbound marketing (andate dagli altri) a una strategia di inbound marketing (i prospect vengono da voi). Dovrete aumentare il vostro raggio d’azione aumentando il numero dei vostri followers. E per farlo, dovrete creare contenuti interessanti.

Regola n°1: contenuti di qualità

Il contenuto comanda. Non c’è bisogno di procrastinare su questo punto. L’algoritmo di LinkedIn è stato ottimizzato per favorire i contenuti che coinvolgono la comunità. Pertanto, si applicano le regole della scrittura per aumentare il “dwell time“: inserite un’immagine accattivante per attirare l’attenzione, lavorate sul vostro “slogan” così da far venire voglia all’utente di leggere il resto, e lasciate respirare il vostro testo.

Regola n°2: contenuti lunghi

L’analisi che ho fatto in passato sulla correlazione tra l’engagement e la lunghezza del contenuto ha mostrato che i contenuti lunghi ottengono più reazioni.  Con l’attenzione al tempo di permanenza, è più probabile che un contenuto lungo abbia un buon rendimento, poiché richiederà più tempo per essere letto.

correlation number of words vs. reactions Linkedin

Questa analisi mostra che le reazioni su LinkedIn si concentrano intorno ad un certo contenuto (circa 218 parole)

Regola n°3: citare

Per provocare il coinvolgimento e aumentare la portata dei vostri post su LinkedIn, dovrete taggare alcune persone per scatenare l’interazione. È essenziale taggare le persone che siete sicuri che risponderanno rapidamente perché l’algoritmo di Linkedin favorisce i post che generano reazioni rapidamente.

Regola n°4: niente collegamenti ipertestuali

Credo che i contenuti con collegamenti ipertestuali su LinkedIn ora siano significativamente penalizzati. Attualmente, noto un calo significativo, mentre qualche mese raggiungevo 10000 visualizzazioni con un post che rimandava al mio blog.

Tag:

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *