Earn money by answering our surveys

Register now!

Ricerche di mercato: visualizzare l’economia sommersa

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Alla luce del nostro recente post relativo alla possessione di carte di credito, abbiamo utilizzato ancora una volta Tableau per esplorare i dati, questa volta per analizzare e visualizzare l’economia sommersa. L’economia sommersa è la parte dell’economia che “fugge dai registri”. Dal punto di vista fiscale l’economia sommersa può essere definita come tutte le attività che eludono la tassazione; in altre parole, tutte le attività per le quali le tasse dovrebbero essere pagate e non lo sono. Valutare il livello di economia sommersa è importante quando prevedi di vendere all’estero. Nella tua ricerca di mercato dovresti davvero valutare la difficoltà di vendere in un nuovo paese e il livello di economia sommersa è sicuramente qualcosa da guardare.

Per questo articolo abbiamo riutilizzato la visualizzazione quantile proposta su questo blog, nella speranza che dia qualche risultato più interessante dell’ultima volta. Fortunatamente, l’analisi quantile ha rivelato alcuni spunti interessanti.

Acquisizione dei dati

Abbiamo raccolto dati da diverse fonti per creare un set di dati completo su un ampio periodo di tempo e in molti paesi.
Per prima cosa abbiamo cercato dati sull’economia sommersa nei paesi europei. Il lavoro di Tudose e Clipa (2016) ha fornito un’eccellente fonte di dati strutturati.
Successivamente abbiamo cercato dati a un livello più globale. Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) aveva a disposizione un’interessante pubblicazione.

Suggerimenti per le tue ricerche di mercato

Quando cerchi dati per le tue ricerche di mercato, non dimenticare di sfogliare più fonti di informazioni per creare il set di dati di cui hai bisogno. È abbastanza improbabile che troverai online il set di dati di cui hai bisogno, molto probabilmente dovrai costruirlo da solo. In tal caso, bisogna prestare attenzione all’omogeneità dei dati e assicurarsi che i dati che si assemblano coprano esattamente lo stesso ambito.
Se guardi il nostro esempio precedente relativo alla possessione di carte di credito, vedrai che le statistiche riguardavano i cittadini europei di età pari o superiore a 15 anni. Se vuoi ampliare il campo di applicazione e andare oltre i confini europei, devi, quindi, assicurarti che i dati che raccogli riguardino anche i cittadini con più di 15 anni. È abbastanza ovvio, ma non fa male ripeterlo, vero?

Visualizzazione dei dati

La parte relativa alla visualizzazione dei dati è stata piuttosto semplice. Abbiamo utilizzato un gradiente di colore per visualizzare la percentuale di economia sommersa per paese ed abbiamo suddiviso i dati per anno (dal 1991 al 2015).
L’unica parte veramente interessante della dashboard di Tableau era la visualizzazione per quantile (vedi questo tutorial per maggiori informazioni).

Interpretare i dati

Anche l’interpretazione dei dati è piuttosto semplice. La parte interessante dell’analisi dei dati deriva dal confronto tra la visualizzazione per percentuale e la visualizzazione per quantile.

La situazione dell’economia sommersa nel 1991

Nel 1991 tutto sembra praticamente allineato: i paesi meno virtuosi sono chiaramente visibili su entrambe le mappe, i paesi dell’Africa centrale e sudamericana, nonché l’Unione Sovietica, appaiono chiaramente come i peggiori paesi in termini di economia sommersa.

La situazione dell’economia sommersa nel 2008

 

La situazione dell’economia sommersa nel 2015

 

Le cose sembrano tuttavia diverse dopo il 2008. Le immagini sopra mostrano la situazione nel 2008 e 2015: guardando solo le percentuali potresti concludere che il mondo è diventato più virtuoso. Ciò è, in realtà, dovuto solo ad alcuni paesi, come lo Zimbabwe e la Georgia, che hanno un’alta percentuale di economie sommerse e fanno sembrare tutti gli altri paesi ottimi, a confronto. Le cose diventano molto più facili da capire quando guardi la rappresentazione quantile nella metà superiore delle immagini, dove vedi che, in effetti, non cambia davvero nulla. I paesi meno virtuosi rimangono gli stessi negli anni.

Consigli per le tue ricerche di mercato (in Belgio, Francia o altrove)

Una volta trovati i dati e costruito il tuo set di dati, entra in superficie e non illuderti con interpretazioni errate.
Gratta la superficie e metti in discussione i risultati che ottieni. Sono logici? Concentrati sul paese a cui sei più interessato per la tua ricerca di mercato e confronta le tue visualizzazioni e le interpretazioni risultanti con i dati grezzi.
Se hai bisogno di aiuto per esaminare i tuoi dati, non esitare a scriverci due righe, saremo felici di aiutarti.

Crediti dell’immagine di copertina: per gentile concessione di shutterstock

Tag:,

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *