5 Maggio 2023 1241 parole, 5 lettura minima

Villa Pinewood: L’ultima esperienza culinaria [podcast]

Di Pierre-Nicolas Schwab Dottorato di ricerca in marketing, direttore di IntoTheMinds
Per quanto riguarda l’esperienza del cliente, spicca un ristorante: Villa Pinewood. Recentemente premiato con una (doppia) stella Michelin, ho ospitato il suo chef e amico Thomas Cabrol nel mio podcast. Abbiamo parlato un po’ di cucina, ma soprattutto dell’approccio imprenditoriale […]

Per quanto riguarda l’esperienza del cliente, spicca un ristorante: Villa Pinewood. Recentemente premiato con una (doppia) stella Michelin, ho ospitato il suo chef e amico Thomas Cabrol nel mio podcast. Abbiamo parlato un po’ di cucina, ma soprattutto dell’approccio imprenditoriale e dei suoi segreti di marketing. Villa Pinewood propone ai suoi clienti un’esperienza culinaria ed educativa. Tutto è fatto per valorizzare i prodotti locali, i più lontani dei quali si trovano a soli 65 km di distanza.

Villa Pinewood: l’essenziale

  • La customer experience è al centro della presentazione dei prodotti e dei piatti
  • I piatti vengono eseguiti davanti agli ospiti, il che permette di discuterne, a differenza di un ristorante tradizionale dove lo chef può passare solo alla fine del servizio.
  • I 14 ospiti si siedono alla stessa ora (19:30), il che permette allo chef (Thomas Cabrol) di lavorare da solo in cucina grazie alle economie di scala.
  • La Villa Pinewood punta sul locavorismo con prodotti provenienti da 30 km intorno al ristorante (compreso il pepe!).
  • Per ottenere lo stesso effetto, le spezie lontane vengono sostituite da piante locali.
  • Villa Pinewood ha una valutazione Google di 4,9/5 con oltre 500 recensioni, un risultato eccezionale.

L’esperienza culinaria di Villa Pinewood: senza precedent

Villa Pinewood è l’unico ristorante al mondo in cui i clienti vengono sottoposti a una proiezione di PowerPoint. È anche l’unico ristorante in cui tutti i clienti devono arrivare contemporaneamente o rischiano di essere respinti. Il concetto di Villa Pinewood va oltre quello della gastronomia classica. Siete invitati a casa di Anne e Thomas Cabrol e allo stesso tempo a teatro. E come ospiti rispettosi del padrone di casa, dovete arrivare in orario. Per la precisione alle 19.30. Tutti si siedono alla stessa ora.

Thomas cucina davanti ai suoi 14 ospiti 4 sere a settimana (dal mercoledì al sabato, chiuso dalla domenica al martedì). Anne si occupa dei vini, che svolgono un ruolo importante in questo evento.

genesi del concetto di Villa Pinewood

Il bancone permette allo chef Thomas Cabrol di cucinare davanti ai suoi ospiti. Crediti: La Villa Pinewood

L’originalità e la qualità del ristorante sono state appena premiate dalla Guida Michelin, che gli ha assegnato una stella rossa e una verde. Quest’ultima premia i ristoranti che si impegnano in un approccio locale. Ma anche senza queste stelle, l’esperienza di Villa Pinewood è già stata un successo fenomenale. Come per molti ristoranti “alla moda”, le prenotazioni sono aperte con un mese di anticipo, e Thomas mi ha detto durante il podcast che tutti i posti del sabato sono stati occupati in 3 minuti.

Ma torniamo al concetto di Villa Pinewood e alla sua genesi.

genesi del concetto di Villa Pinewood

Una creazione dello chef Thomas Cabrol. Crediti: La Villa Pinewood.


La genesi del concetto di Villa Pinewood

La genesi del concetto di Villa Pinewood può essere ricondotta al progetto di vita di Anne e Thomas e alle loro precedenti esperienze. Il terzo progetto imprenditoriale di Thomas si ispira molto ai primi due per quanto riguarda il processo e il marketing.

Poiché Villa Pinewood è soprattutto un progetto di coppia, l’azienda doveva essere in grado di funzionare con due sole persone (Anne e Thomas), il che ha comportato alcune drastiche scelte operative. Thomas cita nel podcast il caso dei ristoranti giapponesi dove un solo chef cucina per un numero limitato di ospiti senza sacrificare la qualità. Questa è stata la prima ispirazione.

La seconda ispirazione è stata tratta dalla precedente azienda di Thomas, N5 Wine Bar. Lanciato nel 2014, N5 aveva la particolarità di servire il cibo in 2 portate (alle 19:30 e alle 21:30). Questo vincolo imposto permetteva allo chef di realizzare economie di scala (tutti i piatti dello stesso tipo venivano realizzati contemporaneamente). Questa ispirazione si ritrova nella Pinewood Villa, dove tutti gli ospiti devono arrivare alla stessa ora.

La terza ispirazione è ProDegustation, la prima azienda di Thomas. Questa società organizzava corsi sul vino. La formazione era il suo core business. Ritroviamo questo asse pedagogico a Villa Pinewood nelle interazioni tra gli ospiti e lo chef durante la degustazione e nella presentazione trasmessa sullo schermo durante il pasto. Questa è la terza ispirazione.

villa pinewood esperienza culinarian

Una creazione molto vegetale dello chef Thomas Cabrol. Crediti: Villa Pinewood.


Il Locavorismo al centro dell’esperienza culinarian

Non abbiamo ancora parlato di ciò che c’è nel piatto. Grazie a precedenti esperienze, Thomas ha sviluppato forti capacità fotografiche che utilizza per valorizzare le sue creazioni. Il piacere visivo, quindi, raddoppia quello gustativo perché ha sviluppato un vero e proprio talento nel rendere i suoi piatti molto grafici. Potete giudicare in base alle immagini di questo articolo.

L’idea di Thomas è quella di utilizzare solo prodotti locali. Tutto proviene da 30 km intorno al ristorante, tranne il sale (65 km). Per evitare di utilizzare spezie lontane, Thomas le ha sostituite con piante locali per ottenere gli stessi “effetti”. Ha anche seguito un corso di formazione botanica di 6 mesi per approfondire le sue conoscenze e sfruttare meglio le piante della Montagne Noire ai piedi della quale si trova Villa Pinewood.

La ricerca di ingredienti locali gli permette di mettere in mostra il suo raccolto sulla sua pagina Facebook. È un modo molto intelligente per creare un legame con il suo territorio e con la sua comunità. Inoltre, gli permette di sviluppare un discorso basato sulla trasparenza, quando l’origine dei prodotti è sempre più complicata da rintracciare.

Villa Pinewood miglior rating di Google

Una creazione dello chef Thomas Cabrol. Crediti: Villa Pinewood.


Il miglior rating di Google al mondo?

Ma alla fine, ai clienti piace questa esperienza culinaria? È importante sottolineare che si tratta di un’esperienza culinaria nel vero senso della parola. Niente cucina molecolare o esperimenti folli nella cucina di Thomas. Soprattutto, deve essere buono… e bello.

Le oltre 500 recensioni su Google con una valutazione media di 4,9/5 sono la prova che la soddisfazione dei clienti c’è. È una delle migliori valutazioni di Google che abbia mai visto (in rapporto al numero di recensioni). Tuttavia, non era una conclusione scontata. Come spiega Thomas nel podcast, abbiamo dovuto accettare l’idea di essere puntuali per mangiare a un’ora precisa, il che è una sfida in una zona rurale del sud-ovest della Francia. Alla fine l’idea ha preso piede a forza di perseverare e anche perché la clientela viene da lontano.

Villa Pinewood analisi di marketing

Lo chef Thomas Cabrol ha un talento per la fotografia che utilizza per promuovere Villa Pinewood sui social media. Crediti: Villa Pinewood.


Villa Pinewood: analisi di marketing

Questo articolo non sarebbe completo senza una parola conclusiva sugli aspetti di marketing di Villa Pinewood.

Il fulcro è, ovviamente, la qualità del cibo. Lo ripeto ancora una volta. Con la qualità è possibile creare la soddisfazione del cliente e la conseguente fidelizzazione. Una volta che si dispone di questo elemento essenziale, si può iniziare a sviluppare strategie di marketing. Le strategie di Villa Pinewood sono molteplici:

  • Poca offerta(solo 14 posti, 4 sere a settimana, e apertura delle prenotazioni con 1 mese di anticipo) : i posti del sabato partono in 3 minuti, quelli del venerdì in 10 minuti.
  • drammatizzazione : il prodotto viene proposto grazie alle interazioni con lo chef, alla pedagogia appresa dalle esperienze precedenti e ai vini che valorizzano l’insieme.
  • inbound marketing : non è necessario fare pubblicità, poiché le riviste, le guide gastronomiche e i clienti si occupano di diffondere il passaparola positivo (si vedano le recensioni su Google).
  • Uso di social network : Thomas utilizza Facebook e Instagram per condividere post visivi (piatti) che si prestano perfettamente a questa distribuzione. I video sono ottimi anche perché permettono di capire bene la provenienza dei prodotti e quindi di creare fiducia nei (futuri) clienti.


Posted in Marketing.

Pubblica la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *