Earn money by answering our surveys

Register now!

Valutazione 2021 e trend di consumo 2022 nel settore non alimentare

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Nel 2021 tutti i settori non alimentari hanno registrato una crescita positiva, ad eccezione dell’industria tessile. Tuttavia, quest’anno di crescita potrebbe essere l’ultimo. L’aumento dei prezzi, l’inflazione e il calo generale del potere d’acquisto sono tutti fattori che ci frenano. La ricerca sulle tendenze di consumo dei francesi permette di anticipare le tendenze di consumo per il 2022 e il 2023. Il 52% afferma che il proprio budget di acquisto non alimentare rimarrà stabile (+9% rispetto al 2021), mentre il 22% dei francesi indica che tale budget diminuirà (+6% in 1 anno).

Tendenze dei consumatori 2022-2023: alcune cifre

  • Il 52% dei francesi vede stagnare il proprio budget non alimentare
  • Il 22% dei consumatori prevede di ridurre la spesa non alimentare
  • Nel settore non alimentare, i settori tessile, giardinaggio e bricolage sono quelli che beneficiano dei risultati più favorevoli
  • Nel 2022 solo i settori dei giocattoli e della cartoleria sperimenteranno una crescita
  • Dal lato della distribuzione, vanno di moda i negozi specializzati di mobili e giocattoli
  • Crescita del 19% per le tecnologie mobili, è la famiglia di prodotti high-tech più dinamica
  • Questo è il primo anno positivo per i beni culturali dal 2004: +11% in un anno
  • Il settore del giardinaggio vale oggi 1,8 miliardi di euro, il 14% in più rispetto allo scorso anno

2021, una buona annata per l’high-tech

A due anni dall’inizio della pandemia di Covid-19, il settore high-tech sembra ancora beneficiare del fenomeno “homing” tra i consumatori francesi. I beni tecnici per elettrodomestici beneficiano infatti di una crescita delle vendite di circa +3,3% tra il 2020 e il 2021. Tale percentuale è stata del 4% tra il 2019 e il 2020. Si registra, quindi, un leggero calo della sua crescita.

Ora diamo un’occhiata all’elettronica di consumo. Il settore perde 4 punti di crescita tra il 2020 e il 2021, ma se entriamo nei dettagli vediamo un forte potenziale di crescita per apparecchiature hi-fi, cuffie e accessori e foto-video. Queste tre famiglie di prodotti registrano una crescita compresa tra il 3% e il 6% nell’ultimo anno.

Per quanto riguarda le apparecchiature per le telecomunicazioni, il settore aumenterà le vendite del 3% nel 2021. In termini di famiglie di prodotti, gli smartphone sono ancora in testa, con vendite solide per 6,9 miliardi di euro. Altre buone performance sono le tecnologie indossabili (come gli orologi che si connettono): con un aumento del 19% del volume delle vendite, il sottosettore intasca circa 103 milioni di euro nell’arco di un anno. Brutta annata per la telefonia fissa, che quest’anno ha perso altri 10 punti percentuali di fatturato.

Infine, l’IT era in rosso nel 2021. Il settore soffre di un naturale effetto rimbalzo a seguito dei massicci acquisti dei francesi in questo settore lo scorso anno. Con una variazione del -4% del fatturato, le vendite scendono a 5,6 miliardi di euro. Tra le maggiori vittime di questa perdita di velocità, troviamo l’office automation e il suo -18% di vendite tra il 2020 e il 2021. Anche la carenza di componenti e l’aumento dei prezzi dell’hardware avranno qualcosa a che fare con questo.


Gli arredi per la casa sorgono dalle ceneri

Il 2021 segna un notevole rimbalzo per il settore dell’arredamento per la casa, soprattutto dopo il minimo del 2020. Il fatturato del settore dovrebbe aumentare del 14,3% tra il 2020 e il 2021 (fonte: Ipea). In tre anni il settore raggiunge addirittura un tasso di crescita del 13,2%.

Due famiglie di prodotto hanno superato il 17% di crescita: cucine integrate (+19,5%) da un lato e divani, poltrone e divani dall’altro (+17,5%).

Solo la famiglia dei mobili decorativi (arazzi, orologi, ecc.) stenta a tenere il passo, con un incremento inferiore al 10% (9,3%). Inoltre, questo aumento relativamente contenuto è accompagnato da un calo della quota di mercato sul totale dei mobili tra il 2020 e il 2021: -1,6 punti.

In termini di distribuzione, i rivenditori specializzati sono in gran forma: le loro vendite sono aumentate del +24,6% tra il 2020 e il 2021. Anche la loro quota di mercato è in aumento di +2,3 punti. In ritardo la grande distribuzione, con un incremento delle vendite tre volte inferiore a quello degli specialisti: +8,6%, con una perdita di quota di mercato di 1,8 punti.


L’industria dei giocattoli: una bella svolta per giochi e puzzle

Nonostante il contesto sanitario sfavorevole, il settore registra una solida performance annuale. Le vendite totali del settore ammonteranno a 3,7 miliardi di euro nel 2021, ovvero +2,9% in più rispetto al 2020 e +3,3% in più rispetto al 2019.

I negozi specializzati sono grandi vincitori

I negozi specializzati sono i grandi vincitori con una crescita delle vendite del 9% rispetto al 2020. Questo compenserà il calo del -4% del fatturato tra il 2019 e il 2021. Questo basta per fare invidiosi ipermercati e supermercati, che stanno perdendo 7 % del loro fatturato rispetto al 2019 e 1% rispetto al 2020.

Tendenze per categoria di prodotto

Diamo un’occhiata alle famiglie di prodotti giocattolo. Giochi e puzzle sono in testa alla quota di mercato (19,1%), grazie a un aumento del 12% del volume delle vendite rispetto al 2020. Tutti i segnali sono verdi anche per le costruzioni: le vendite crescono del 7% su base annua e sono al quarto posto nel totale dei giocattoli, grazie alla loro quota di mercato dell’11,4%.

L’assortimento di personaggi Special Plus di Playmobil è stato il giocattolo più venduto nel 2021. Mattel inserisce tre dei suoi giocattoli tra i primi 10 giocattoli. Inoltre, la stessa azienda è al terzo posto tra i 5 produttori di giocattoli e giochi più significativi in Francia, dietro a Lego e Hasbro.

Infine, Pokémon e Harry Potter sono le due licenze con i valori più alti in Francia nel 2021. Ciò è in linea con il contesto di perdita di velocità per le licenze. In totale, nel 2021, rappresentavano solo il 23% del mercato dei giochi e dei giocattoli, ovvero 8 punti in meno rispetto al 2020.


I beni culturali sono in aumento

Per la prima volta in 18 anni il settore dei beni culturali è in crescita rispetto all’anno precedente: +11% dal 2020. Il suo fatturato è valutato a 5,5 miliardi di euro.

I libri sono le figure di riferimento del settore. Rappresentano l’80% della quota di mercato e la loro crescita annuale è del 18%. Questo è un record che fa salire l’intero settore.

La musica fisica è un altro vettore di crescita (+5% del fatturato in 1 anno). Sfortunatamente, questo non è il caso dei videogiochi e dei video fisici. Questi due sotto-settori sono in calo rispettivamente dell’11% e del 17%. I videogiochi hanno effettivamente avuto un anno record nel 2020, favorito dai lockdown e dalla necessità di intrattenimento domestico.


Il settore del giardinaggio in crescita nel 2021

Il settore del giardinaggio ha visto il fatturato del 2021 aumentare del 14% a 1,8 miliardi di euro. Il settore del fai da te è oggi valutato 9 miliardi di euro (fonte: Promojardin).

I fioristi vedono la vita come rosea. Hanno registrato un notevole +21% di aumento del volume d’affari. Questo è sufficiente per recuperare il ritardo con i supermercati fai-da-te, che hanno visto solo un aumento del 13%. Solo 6 punti di quota di mercato ora li separano.

 

 

Tag:

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *