19 Aprile 2023 1083 parole, 5 lettura minima

Strategia di contenuti : come differenziarsi da ChatGPT?

Di Pierre-Nicolas Schwab Dottorato di ricerca in marketing, direttore di IntoTheMinds
Al tempo della ChatGPT, si deve in discussione la strategia di creazione di contenuti per differenziarci. Non è più possibile produrre contenuti banali. È doveroso creare valore per il lettore, a rischio di non avere un pubblico. L’inbound marketing diventerà […]

Al tempo della ChatGPT, si deve in discussione la strategia di creazione di contenuti per differenziarci. Non è più possibile produrre contenuti banali. È doveroso creare valore per il lettore, a rischio di non avere un pubblico. L’inbound marketing diventerà più difficile che mai e solo i siti web eccezionali sopravviveranno. In questo articolo, condivido con voi le mie riflessioni e 6 tipi di contenuti che ritengo immuni dai rischi rappresentati dalla ChatGPT.

Se hai solo 30 secondi

ChatGPT, Bing e altre IA generative possono creare testi complessi in pochi secondi. Il valore di un post di un blog è diminuito drasticamente e oggi è possibile acquistare un post di 1000 parole per 0,10 euro.

La strategia di inbound marketing deve basarsi su contenuti ad alto valore aggiunto per evitare di cadere in contenuti banali. Distinguiamo 6 tipi di contenuti:

  1. articoli che utilizzano dati primari, cioè dati proprietari mai pubblicati prima
  2. Articoli di opinione
  3. Previsioni, che analizzano il passato e il presente per anticipare il futuro
  4. Contenuti che mescolano diversi formati (testo, audio, video, …)
  5. Podcast
  6. video

ChatGPT: la sfida della creazione di contenuti nel 2023

ChatGPT semplifica a tal punto la creazione di contenuti che le aziende propongono di creare articoli di 1000 parole per … 0,1€. Avete letto bene. 10 centesimi per 1000 parole. Questo è il valore di un testo prodotto da ChatGPT. Se volete ancora essere letti, dovete creare articoli di valore infinitamente superiore.

Accontentarsi di testi prodotti da CchatGPT sul proprio blog presenta 2 rischi:

  • quello di non avere più lettori perché il tuo contenuto risulterà banale e simile ad altri sullo stesso argomento (vedi la nostra ricerca sulla somiglianza dei testi prodotta da ChatGPT)
  •  essere penalizzato da Google

o perché i tuoi contenuti non verranno letti, il che invierà segnali negativi che ti faranno cadere nella SERP

o perché i tuoi contenuti saranno generati artificialmente e prima o poi verranno riconosciuti come tali

Allora perché giocare con il fuoco?


L’IA generativa sarà sempre un passo indietro. Può essere solo un riflesso del passato. Pensare al futuro e analizzare il presente sono le ricette del successo ai tempi di ChatGPT.


Priorità ai contenuti originali… in tutti i sensi

Nel 2023, l’inbound marketing sarà sinonimo di contenuti originali. Per proteggervi da ChatGPT e da altre IA generative, dovete creare contenuti che non possono produrre. In altre parole, dovete differenziarvi.

L’IA generativa sarà sempre un passo indietro. Può essere solo un riflesso del passato. Pensare al futuro e analizzare il presente sono le ricette per il successo nell’era del ChatGPT.

ChatGPT sarà sempre più bravo di voi a raccogliere le informazioni esistenti e a fare sintesi. Quindi penso che il futuro delle “guide”, quei contenuti lunghissimi che massimizzavano il numero di parole, sia finito. Questo tipo di contenuti era popolare per motivi SEO. Tre fattori oggettivi erano infatti correlati alla posizione nella SERP:

  • alto numero di parole
  • completezza
  • tempo trascorso sulla pagina

Il problema era che i risultati diventavano simili mirando agli stessi effetti. Tutte le guide su un argomento X sembravano uguali e nessuna spiccava. Una vergogna.


Strategia di contenuti future

Tipi di contenuti che hanno ancora un future

I veri creatori di contenuti, che pensano prima al loro pubblico prima di pensare al loro posizionamento SEO, dovrebbero andare bene. Questi creatori hanno la loro creatività per se stessi, qualcosa che l’IA generativa deve migliorare. Ma il tableau che sto dipingendo potrebbe essere più cupo di così.


Dati primary

A rischio di ripetere quanto detto in questo articolo, l’IA generativa potrebbe nutrirsi solo di dati secondari. Si tratta di dati pubblicamente disponibili. I dati primari, che sono i più riservati e, quindi, i più preziosi, non rientrano nell’ambito dell’IA generativa.

Pertanto, i contenuti basati su dati primari saranno sempre un passo avanti rispetto agli agenti conversazionali. Ma ricordate che Bing li ingerisce rapidamente. I miei test dimostrano che Bing integra i dati già 30 minuti dopo averli pubblicati! Quindi dovete promuoverli direttamente senza aspettarvi alcun ritorno dagli agenti conversazionali il cui obiettivo non è quello di inviare traffico all’esterno (tra l’altro, ChatGPT non cita nemmeno le sue fonti, una vera e propria eresia).

Articoli di opinione

ChatGPT e i suoi cloni possono solo prendere in prestito opinioni. La creatività che si dice abbiano è solo finta, poiché dipende dai testi che l’intelligenza artificiale ha fagocitato. Per questo motivo, le opinioni avranno sempre un posto nell’ecosistema dell’inbound marketing. Tuttavia, per farli risuonare, è necessario utilizzare il proprio personal branding per promuoverli.


Predizioni

Per quanto riguarda la strategia dei contenuti, è fondamentale ricordare che l’IA generativa risponde alle domande consultando i siti web. Come alcuni sostengono, non è in grado di prevedere il futuro, ma si limita a rigurgitare ciò che altri hanno già scritto.

Prevedere il futuro è stata un’ossessione degli esseri umani fin dalla notte dei tempi. E continuerà ad esserlo, soprattutto perché il periodo attuale è estremamente turbolento. Utilizzate quindi la vostra esperienza nel settore per analizzare i cambiamenti che stiamo vivendo e proponete i vostri potenziali eventi al vostro pubblico. La cosa peggiore che può accadere è che vi sbagliate. Solo coloro che non fanno nulla potranno rinfacciarvelo.


Articoli compositi (comprese le guide)

Come molte altre soluzioni di scrittura automatica, ChatGPT produce solo testi. È necessaria l’intelligenza umana per capire dove e quali contenuti inserire per far “risuonare” il testo. Bing può anche “inventare” immagini (per ora solo in modalità “creativa”). Ma nessuna soluzione è attualmente in grado di mescolare diversi formati di contenuto: testo, video, audio, immagini e documenti pdf… Tutto questo rimarrà fuori dalla portata dell’intelligenza artificiale per molto tempo.


Podcast

Ho sempre creduto nei podcast come strumento per sviluppare il proprio personal branding e il proprio pubblico. Con l’arrivo del GPT4 e la sua minaccia per i blogger, credo più che mai nel valore dei podcast per costruire un pubblico fedele. Creare un podcast non è costoso, ma richiede una grande disciplina e un grande impegno per trovare gli ospiti e pubblicare regolarmente.


Videos

I video creati dall’intelligenza artificiale generativa sono ancora molto lontani da ciò che può fare l’uomo. Ho provato più volte il text-to-speech, una tecnica che converte il testo in audio e video. È molto semplice, ma il risultato non mi ha convinto al 100%. Non c’è niente di meglio di un vero essere umano davanti alla telecamera, con la sua parte di emozioni e imperfezioni.

Per quanto riguarda le interviste video, rimarranno fuori dalla portata dell’IA generativa ancora per molto tempo, quindi questa modalità di produzione è molto promettente. Pensate anche ai webinar (una forma di intervista video, in definitiva) e ai canali di distribuzione multipli. Un programma come Riverside consente di trasmettere contenuti video in diretta su più canali: LinkedIn, Twitch, YouTube, Twitter e così via…

 



Posted in strategia.

Pubblica la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *