Earn money by answering our surveys

Register now!

4 motivi per cui Netflix pubblica le sue valutazioni

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Netflix ha deciso di pubblicare i suoi rating ogni martedì su un sito web dedicato. Questo è un cambiamento essenziale per l’azienda di Los Gatos, che ci aveva un po’ abituati all’opacità del suo pubblico. Netflix sta ora rendendo pubblica una TOP 10 del suo pubblico sotto forma di numero di ore guardate a settimana. Vengono conteggiati in decine di milioni di ore per i programmi più visti. Questo articolo analizza le 4 ragioni strategiche dietro l’iniziativa di Netflix.

TOP 10 audience netflix week 22 Nov 2021

La TOP10 presentata sul sito web di valutazione di Netflix.



Obiettivo 1: Dimostrare la redditività dei propri investimenti nella creazione di contenuti

Netflix investe 17 miliardi di euro all’anno nelle sue produzioni. Più precisamente, questi 17 miliardi di investimenti si traducono in milioni di ore di visualizzazione. L’azienda intende dimostrare che i colossali investimenti nella creazione generano ritorni proponendo la propria metrica di misurazione dell’audience.

Questa TOP 10 ha anche il vantaggio di mostrare solo i successi. I “flop” passeranno quindi inosservati. Probabilmente ce ne sono molti. Perché accanto al successo di Lupin, Casa De Papel o Squid Game, le produzioni Netflix contengono anche titoli più riservati. Questi ultimi probabilmente interessano solo un pubblico di “nicchia” e realizzano punteggi meno interessanti.

Il possibile svantaggio di questa strategia è che anche produttori e scrittori potrebbero volere la loro parte della torta. Attualmente Netflix non è interessato al successo delle produzioni. Pubblicando le ore di visualizzazione generate, alcuni potrebbero voler rivendicare una parte del successo.


Obiettivo 2: definire la metrica per il confronto con Disney+ e Amazon Prime Video

Dopo una ripresa dovuta al Covid e ai successivi lockdown, la televisione lineare perde nuovamente terreno. Il pubblico si sta spostando sempre di più verso la TV non lineare e possiamo vedere che Netflix si sta prendendo una grossa fetta della torta con YouTube, Disney+, Amazon Prime Video, Hulu, HBO Max e altri. La misurazione tradizionale dell’audience sta diventando obsoleta.

Con 213 milioni di abbonati alla fine del 2021, Netflix ora “pesa” abbastanza da proporre una metrica favorevole. Questa metrica è la TOP 10 dei contenuti più visti ogni settimana. E possiamo ragionevolmente pensare che se Netflix ha scelto questa metrica, è perché le sarà favorevole. In tal modo, sarà in grado di esercitare pressioni sui concorrenti che si sono dimostrati più impegnativi del previsto.


Obiettivo 3: acquisire contenuti sportivi e fidelizzare i clienti

Netflix non si è ancora avventurato nell’acquisizione dei diritti sportivi, a differenza di Amazon. Pubblicando le sue valutazioni, l’azienda guadagna credibilità. Soprattutto, mostra la sua “forza d’attacco” alle autorità che concedono i diritti e che forse sono state tentate, fino ad ora, di favorire la televisione lineare.

Non sarebbe quindi sorprendente, in futuro, vedere Netflix fare offerte per i diritti delle principali competizioni sportive. Questo tipo di contenuto potrebbe essere un entusiasmante punto di ingresso per un nuovo cliente. Netflix avrebbe quindi l’opportunità di fidelizzare grazie al suo catalogo di contenuti e vedere crescere il suo numero di abbonati.


Obiettivo 4: monetizzare il proprio pubblico?

È un serpente marino vecchio quanto lo stesso Netflix, ma potrebbe essere giustificato dall’altopiano raggiunto dall’azienda. La sua base di abbonati non cresce più così velocemente. Nel secondo trimestre del 2021, Netflix ha guadagnato solo 1 milione di abbonati aggiuntivi rispetto ai 10 milioni dell’anno prima. Il titolo è stato sanzionato e ha perso il 10% alla borsa di New York.

In questo contesto, come sostenere la crescita che i mercati si aspettano? La concorrenza è più dura, il potere d’acquisto sta diminuendo (a causa dell’inflazione galoppante) e le famiglie faranno delle scelte. La monetizzazione del pubblico (pubblicità) potrebbe fornire una risposta e consentire a Netflix di trattenere questa nuova clientela una volta allentate le tensioni economiche.

 

 

 

Tag:

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *