Earn money by answering our surveys

Register now!

Zero waste: queste 6 iniziative stanno cambiando l’esperienza di rifornimento

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Lo studio del mercato “zero waste” mostra che è in crescita. Fenomeno inizialmente riservato ai negozi specializzati e al pubblico di nicchia, le iniziative “zero waste” si stanno diffondendo anche nel mercato di massa. Non riguardano più solo i marchi alimentari e vengono utilizzati come motore di crescita dai giganti FMCG (Fast Moving Consumer Goods).

In questo articolo, presentiamo 8 entusiasmanti iniziative di vendita all’ingrosso da tutto il mondo.

Riflessioni sul “zero waste” e stazioni di rifornimento

Come dimostrerà il seguente articolo, molte sono le iniziative riguardanti lo sviluppo di contenitori per il riciclaggio e il riempimento di prodotti venduti alla rinfusa. La “ricarica” ​​va di moda ma non è un trucco del marketing? Il riciclaggio dei contenitori non è una novità. I contenitori sono sempre stati una fonte di ricchezza per le persone. Gli egizi furono seppelliti con i loro vasi (il famoso ”conglomerato bituminoso”) già nel periodo predinastico, i romani con le loro boccette di profumo, i celti con le loro coppe. Solo di recente i contenitori sono diventati “usa e getta”.

Consumismo e industria della plastica hanno formato una coppia infernale che ha sacrificato la sostenibilità sull’altare della praticità. La regola del minimo sforzo è diventata il mantra del marketing del XX secolo. Il marketing nel 21° secolo è diviso tra la necessità di “far consumare” e la necessità di far rivivere una pratica (il riutilizzo dei contenitori) che è stata eliminata 50 anni fa.

Gli esempi seguenti mostrano quanto sia ingegnoso offrire un’esperienza del cliente che induca i consumatori a voler riutilizzare i contenitori. La prova, se ne avevamo bisogno, che il marketing è pieno di contraddizioni.


Ricarica di lusso: Guerlain

Quale brand è stato il primo a lanciare il concetto di “ricarica”? Difficile a dirsi, ma quello che è certo è che Guerlain è stato senza dubbio un marchio pioniere in questo campo. Già nel 2011, avevo fotografato la loro stazione di ricarica nel loro storico negozio sugli Champs-Élysées.

Guerlain Refill Station Champs Elysees

Quando abbiamo visitato lo storico negozio degli Champs-Élysées di Guerlain nel 2011, era già possibile ricaricare le bottiglie di profumo al primo piano.

In the video below, the somewhat “artisanal” aspect of the refill operation (perfume bottles with “taps”) reminds us how old the concept of refills is. When containers were scarce, and the “all plastic” and “all disposable” were not yet the norm, it was customary to reuse containers.

Of course, the challenge in marketing is to transform the customer experience. The flagship store on the Champs-Élysées succeeds perfectly in doing so, as do the Guerlain containers. Guerlain is the only brand I know of that offer to buy its perfumes in large containers. On the website (see screenshot below), 500 ml bottles are available, but you can buy one-liter bottles or more at the boutique.

site web Guerlain choix taille flacon


Biotherm: chi ha detto che le ricariche non possono essere belle?

Il video rispecchia l’esperienza offerta dalla stazione di ricarica Biotherm: classy.
Biotherm è un marchio di L’Oréal. Tuttavia, L’Oréal ha già testato il principio della ricarica attraverso le 1.200 “fonti” del marchio di profumi Thierry Mugler di cui ha acquistato la licenza nel 2018.
Tranne che quando si desidera ricaricare i cosmetici, i vincoli non sono gli stessi di un profumo che contiene alcol. La stazione di ricarica sviluppata con Possible Future permette quindi di sciacquare la bottiglia e poi disinfettarla con i raggi UV.

Il primo esempio di “Life Plankton Elixir Blue Fountain” è stato installato nel 2021 a Madrid nel grande magazzino El Corte Ingles. Si può riempire una singola bottiglia 5 volte prima che debba essere sostituita. L’operazione di ricarica viene eseguita da un addetto davanti al cliente.


Algrama : Ricarica su ruote e on demand

Se non andate alla stazione di ricarica, la stazione di ricarica verrà da voi. È un po’ come il concetto di Algrama. L’azienda cilena utilizza i tricicli a Santiago, la capitale, per riempire i propri contenitori con prodotti per la pulizia. Il cibo per cani è disponibile anche sfuso. I prodotti sono forniti da Unilever e Nestlé.

Graziosi motorini, colori accesi… Riteniamo che non abbiano fatto il marketing su un angolo del tavolo. Si può anche ordinare la ricarica tramite Uber Eats. Il codice QR fornito consente poi di consegnare la giusta quantità di prodotto quando lo scooter è davanti alla porta di casa.

L’antitesi dell’elegante “ricarica”: la crema al cioccolato da Färm

Färm è una catena di negozi biologici impegnata. È segnato sul loro sito e questo aspetto militante si riflette un po’ nello stile del negozio. Contrariamente alle iniziative molto “commercializzate” in questo articolo, le loro stazioni di ricariche di creme spalmabili sono un po’ l’antitesi di cosa dovrebbe essere fatto nel marketing. Le macchine sembrano un po’ “ruvide”, il processo è interamente manuale (nessun touch screen, si deve scegliere la propria “macinatura” e premere un interruttore), nessuna guida. Gli errori di gestione dei clienti precedenti (vedere foto sotto) portano a un aspetto piuttosto sgradevole della stazione di ricarica.

La ricarica del prodotto, per essere accettata e favorita dal cliente, deve offrire un’esperienza del cliente impeccabile e agevole. Quindi, c’è spazio per miglioramenti qui.

refill station Färm Brussels


Love Nature: un brand il cui DNA è zero waste

Love Nature non è un marchio di un piccolo produttore. È stato lanciato da Henkel, il colosso tedesco dei prodotti per la pulizia. Il marchio è stato lanciato nel settembre 2020 ed è stato progettato direttamente per essere distribuito tramite stazioni di ricarica. Attualmente è disponibile sul mercato tedesco nei negozi DM.

Funziona tradizionalmente. A lato della stazione di ricarica sono disponibili contenitori in plastica riciclata al 100%, dove è presente anche una bilancia per il controllo della quantità di prodotto.
Il cliente scansiona la bottiglia vuota (codice QR) e le opzioni di ricarica vengono quindi visualizzate sul touch screen della stazione.


Sedal (Messico): ricarica bottiglia in alluminio

Sedal è un marchio di shampoo di Unilever. Sono state allestite stazioni nei supermercati Walmart per riempire le bottiglie di alluminio. Il consumatore ne trae vantaggio perché la ricarica costa meno del prodotto in una nuova confezione.

Il vantaggio del concept, che dovrebbe essere lanciato nel 2021 in 500 negozi Walmart, è anche che non consuma elettricità. Grazie a questa innovazione, Unilever è stata votata Fornitore dell’anno da Walmart in Messico.


Amore Pacific (Corea del Sud): tecnologia, bellezza e raffinatezza

Mi piace molto la stazione di ricarica Amore Pacific. È un mix di design asiatico e raffinatezza con un tocco di tecnologia.

Il colosso coreano della cosmetica (più di 2.000 referenze) ha installato questa stazione di ricarica nel suo flaship store di Seoul. La gamma offerta è più ampia rispetto alla media delle iniziative che abbiamo individuato. Sono disponibili non meno di 15 referenze. I contenitori sono realizzati in cocco e vengono sterilizzati prima dell’uso. A differenza di altre stazioni più “tecnologiche”, qui non c’è touch screen o riempimento automatico. Il sistema rimane un po’ tradizionale (con bilance per pesare il prodotto) ma non dobbiamo dimenticare che in Corea si è serviti. Questa è un’importante differenza culturale che influisce sulla funzionalità delle stazioni di ricarica.

Ecover x Sainsbury’s (Regno Unito): pura logica

Se c’è un marchio che ha dovuto offrire una stazione di ricarica, è Ecover. Il marchio belga di prodotti per la pulizia ha basato il suo successo sul rispetto dell’ambiente e sulla riduzione dell’impatto ambientale. È quindi naturale che abbia lanciato la sua prima stazione di ricarica in collaborazione con Sainsbury’s. Non sono riuscito a trovare un video della stazione di ricarica Ecover, ma lo si può vedere nelle immagini qui. Si noterà che i codici utilizzati, in particolare il legno, ben si adattano all’immagine del marchio.

Tag:

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *