Earn money by answering our surveys

Register now!

SEO: 8 eccezionali design di articoli per migliorare le prestazioni del tuo blog

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

La scelta di un buon design dell’articolo è essenziale per un buon SEO: più lungo è il tempo trascorso sul sito web, minore è la frequenza di rimbalzo, maggiore è la soddisfazione. Abbiamo analizzato otto design che si distinguono e offrono tutti le migliori pratiche per rendere il tuo sito web un modello nel suo genere. Troverai spiegazioni dettagliate in questa guida che ti ispireranno e completeranno il nostro post sull’aggiornamento dei vecchi articoli.

Sommario

Perché un buon design è essenziale per un articolo su un blog

Lascerò da parte gli aspetti tecnici (questo non è il mio pane quotidiano) e cercherò di spiegare, SEMPLICEMENTE, perché è fondamentale dare uno stile ai post del tuo blog.
Sai come viene determinato il tuo posizionamento su Google? Bene, ovviamente, c’è l’autorità del tuo sito web, la lunghezza dei tuoi contenuti, ma c’è anche la frequenza di rimbalzo, i backlink, il tempo trascorso sul sito. Forse non te ne rendi conto, ma il design dell’oggetto (il suo formato) è un fattore che gioca un ruolo in tutto questo. Immagina un testo lungo e senza pause, chi vorrebbe leggerlo? Frequenza di rimbalzo garantita al 100% e a nessuno verrà in mente di consigliarlo ad altri lettori (quindi, niente backlink).

Un articolo con un formato adatto è una garanzia di soddisfazione del visitatore:

  • Gli permette di trovare rapidamente le informazioni che sta cercando (Google ti ricompenserà per questo)
  • Lo intrattiene con una presentazione diversa (ma efficace)
  • Lo tiene sul sito in questione per periodi più lunghi

L’80% degli utenti di Internet non scorre la pagina

Per 13 anni ho scritto più di 3500 articoli su questo blog e ottimizzo le mie pratiche man mano che procedo. I miei articoli sul blog sono, quindi, diventati più produttivi. Nell’articolo di oggi, analizzo otto design di articoli che trovo fantastici. L’ottavo è il nostro e, come puoi vedere, c’è stata una bella evoluzione in 10 anni.

La ricetta magica per un articolo vincente

Negli anni in cui scrivo (me stesso) e sono profondamente coinvolto nella SEO del mio blog, ho imparato molto. Spero che i miei concorrenti non leggano questo perché ti dirò alcuni piccoli segreti:

  • Usa i numeri: la gente ama i numeri, le statistiche. Sono facili da digerire e renderanno il tuo articolo credibile.
  • Non dimenticare il riassunto: nessuno scorre più le pagine. Devi andare direttamente alla notizia. Quindi, peccato per quelli che si dimenticano di inserire un riassunto.
  • Scrivi un’intestazione: l’intestazione è ciò che manterrà il lettore sulla pagina. Dedica del tempo a scriverlo bene per convincerlo a leggere l’articolo.
  • Mescola i formati: chi ha detto che dovresti mettere solo testo? Fai respirare i tuoi lettori inserendo immagini, video, gif animate e, naturalmente, podcast.
  • Fornisci inserti: per rendere digeribili le informazioni, realizza inserti con piccoli riassunti. Sentiti libero di ripetere le informazioni riassumendo, suddividerà anche il post in sezioni piccole ma più gestibili.
  • Usa i codici colore: non c’è niente di peggio di un articolo scritto in nero. Utilizza un foglio di stile (file CSS) per definire i flussi

6 consigli pratici per un articolo di successo su un blog

  1. Usa i numeri
  2. Includi un riepilogo
  3. Scrivi un’intestazione che ispiri
  4. Formati di contenuto alternativi (video, podcast, immagini) con testo
  5. Usa gli inserti per evidenziare il contenuto
  6. Usa codici colore

È ora di passare alla dimostrazione.

Esempio 1: il New York Times

Per la mia dimostrazione ho usato questo articolo sulla cucina indiana Sioux. Anche il New York Times pubblica articoli con un design molto più classico, ma questo mi piace particolarmente: un’immagine grande, per iniziare, con un breve testo (a sinistra) che attira l’attenzione (vedi screenshot sopra). Più in basso nell’articolo c’è anche una successione di immagini e brevi testi, organizzati intorno ad un elenco (vedi a fianco) per presentare le diverse ricette tradizionali.

Buone idee da ricordare: l’immagine grande (che attira l’attenzione) e il formato “lista” in fondo all’articolo (dove vengono visualizzate le ricette) che alterna immagini a brevi blocchi di testo

Da rivedere: troppo testo all’inizio, che dà un aspetto piuttosto uniforme all’insieme.



Esempio 2: I file di La Libre Belgique

Il quotidiano belga La Libre pubblica, talvolta, dossier molto dettagliati che vengono messi in evidenza online grazie a un’attenta impaginazione. Merita la nostra attenzione quella sulla riapertura del Museo dell’Africa a Tervuren (Belgio). Il file si presenta nella sua forma digitale con un’immagine grande (come il New York Times), il layout è molto più ricercato (troppo?) rispetto a quello della controparte americana. Notiamo l’immagine di sfondo su cui è sovrapposto il testo e la moltiplicazione degli elementi interattivi (video, podcast, mappa interattiva). Mi piace la parte superiore dell’articolo, ma sono molto meno un fan dei 2/3 inferiori che sono un po’ un miscuglio. Questo aspetto onnicomprensivo persiste nonostante il sezionamento visivo intelligente che semplifica la navigazione.

Buone idee da ricordare: l’immagine grande, l’uso di elementi video e audio, la divisione per sezioni

Da rivedere: troppe funzionalità multimediali, lo sfondo utilizzato per i podcast Soundcloud che rompe l’aspetto generale.



Esempio 3: file della mostra Leonardo da Vinci sul sito web di VRT

Questo articolo è un vero capolavoro di design e interattività e ti farà rimanere lì per molto tempo. L’immagine principale è grande ma non troppo grande, gli elementi non testuali hanno tutti la stessa larghezza, il che facilita la navigazione e suddivide bene il testo. Un episodio podcast è integrato e, a differenza di La Libre (vedi sopra), l’illustrazione del podcast è perfettamente adattata all’aspetto generale della pagina E dell’argomento. Mi piace anche l’enfasi sulle citazioni specifiche. È quasi impeccabile.

Buone idee da ricordare: tutte! L’integrazione intelligente di supporti audio e video in quantità ragionevoli, l’alternanza di testo e illustrazioni e la conseguente scomposizione dell’articolo.

Da rivedere: tagliando il testo in piccoli blocchi, a volte risulta troppo frammentato. Manca anche un riassunto per trovare la strada in questo lunghissimo articolo (nelle dimensioni ma non nelle parole).



Esempio 4: Fig Data

Il Fig Data è l’emanazione “data” del Figaro. Questa sezione contiene articoli “data-driven”, ovvero argomenti. Avevo già incontrato il manager in un seminario che avevo organizzato per l’EBU a Monaco di Baviera, nel febbraio 2019. Per analizzare il design dei loro articoli, ho usato un esempio recente.
Quello che mi piace, prima di tutto, è l’armonia dei colori. La carta grafica de Le Figaro è sugli azzurri e, la computer grafica evidenziata nell’articolo, è tutta tinta di blu. C’è più testo rispetto all’esempio precedente del VRT e, questo testo, viene pubblicato utilizzando grafici e tabelle. L’articolo, invece, inizia con un grosso blocco di testo interrotto solo da una parte di testo evidenziato (ci si chiede se si tratti di un titolo o di una citazione).

Buone idee da ricordare: Il design grafico che è in un unico tono, la buona alternanza tra testo ed elementi illustrativi (grafici, tabelle), la parte “fonte e metodologia”, alla fine dell’articolo, che è ben evidenziata

Da rivedere: troppo testo all’inizio dell’articolo e la struttura dell’articolo che è difficile da capire



Esempio 5: Neil Patel

Neil Patel è una personalità che conta nel mondo SEO, quindi, necessariamente, i suoi articoli sul blog sono una fonte di ispirazione. Per l’esercizio di analisi di oggi, ho scelto un articolo a caso. L’aspetto generale dei suoi post è meno ricercato rispetto ai siti che abbiamo analizzato in precedenza. Una caratteristica interessante è che, Neil, include molti collegamenti ipertestuali ai suoi articoli nel primo blocco di testo. Poiché la probabilità di lettura diminuisce con la lunghezza dell’articolo, è meglio mettere i collegamenti ipertestuali all’inizio per massimizzare la probabilità che l’utente faccia clic su uno di essi. Va anche notato che Neil Patel mette uno dei suoi video all’inizio dell’articolo. Questa è una buona idea perché la probabilità di interagirci è, quindi, più alta e aumenterà il tempo trascorso sul sito. Infine, nel suo articolo, come in molti altri, c’è un’alternanza di testo (spesso brevissimo) con elementi di illustrazione. Nessun riassunto neanche qui, ma una computer grafica molto ben fatta che “riassume” lo spirito dell’articolo e ti fornisce le informazioni primarie a colpo d’occhio. Noteremo anche l’abbondanza di numeri e la struttura logica in fasi (Fase #1, Fase #2, ecc…) che è facile da capire per il lettore.

Buone idee da ricordare: metti i tuoi collegamenti ipertestuali importanti / un video all’inizio dell’articolo, usa una numerazione in modo che il lettore possa facilmente comprendere la struttura dell’articolo

Da rivedere: un po’ mancanza di divertimento, comunque, e trovo che, mettendo troppe illustrazioni, si perda in efficienza di lettura

 

 



Esempio 6: Brian Dean

Un altro guru della SEO e, quindi, un altro esempio da seguire. Devo ammettere che di tutti i campioni, questo potrebbe essere il mio preferito: la sua guida al video marketing è incredibile in termini di design ed ergonomia.
La guida è strutturata in blocchi, ognuno con un colore diverso (pratico per orientarsi e navigare facilmente). L’introduzione è chiara e incisiva e si arriva direttamente a un riassunto illustrato che è un modello nel suo genere. La struttura dei capitoli è semplice e puoi comprendere la guida completa e tele trasportarti istantaneamente nella parte che ti interessa.
I capitoli si alternano tra illustrazioni e testo; ogni capitolo inizia anche con un riassunto. Sono presenti i diversi formati (video, grafica). I video si avviano automaticamente (riproduzione automatica), che aggiunge il tempo di riproduzione al canale YouTube del guru. L’enorme vantaggio di questo tipo di design è che puoi scrivere articoli molto lunghi (ricorda che Google ama gli articoli lunghi che possono fungere da riferimento) senza sacrificare il comfort di lettura. Lo svantaggio è che, il tempo necessario per scrivere una guida del genere, è infinitamente più lungo che per un articolo eccellente (Brian Dean pubblica solo un articolo al mese) e lo sviluppo di un modello specifico ti costerà necessariamente un bel po’ di soldi.

Buone idee da ricordare: tutte! È il miglior design che conosca.

Da rivedere: non possiamo renderlo un po’ più lineare in modo da ridurre i costi di sviluppo?



Esempio 7: C-Marketing

Un altro sito che mi piace è uno di c-marketing. Per l’esempio di oggi ho scelto un articolo sul diritto d’autore. A differenza della maggior parte degli esempi, qui, abbiamo un riassunto (che è molto diverso dal resto dell’articolo) dopo una breve introduzione. Una particolarità del sito è quella di mettere i titoli in un altro colore. Non sono un fan di ciò, ma ognuno ha i suoi gusti. Penso che il testo dovrebbe rimanere più omogeneo e che le illustrazioni portino già abbastanza colore così com’è. C’è una perfetta alternanza di video e immagini con testo, ed è piacevole. Mi piacciono anche gli inserti (come quello sul “gergo del copyright”) che sono spazi di lettura separati; ben strutturato e di facile lettura. Insomma, si vede che dietro ogni articolo ci sono idee e anche tanto lavoro.

Buone idee da ricordare: il pratico riassunto dettagliato, inserti, alternanza di testo e video

Da rivedere: i diversi colori del testo

 

 



Esempio 8: IntoTheMinds

A tutti i signori, tutti gli onori. Voglio ancora dimostrare che sto mettendo in pratica i miei consigli. Di seguito, puoi vedere la differenza tra un articolo che ho scritto nel 2009 (10 anni fa!) e un articolo del 2016 che ho aggiornato nel 2019 (vedi qui per maggiori dettagli). Dal blocco di testo che era impossibile leggere nel 2009, siamo passati a qualcosa di più arioso. Evidenziamo la nostra guida alle ricerche di mercato dall’inizio dell’introduzione, quindi, inizio direttamente con il riepilogo. Poi, entriamo nel vivo della questione e, per spezzare un po’ il testo, tra due paragrafi ho aggiunto quella che chiamo “immagine di riepilogo”, cioè un file jpg che riassume i punti principali dell’articolo. Con un nome file appropriato, questo mi consente di apparire anche nei risultati della ricerca di immagini. Noterete anche l’inserto verde mela, che mi permetterà di evidenziare un punto particolare.

Buone idee da ricordare: tutte ovviamente! Parlando più seriamente, mi piacciono il riassunto e le “immagini riassunte” che siamo, per quanto ne so, gli unici a fare.

Da rivedere: ancora nessun video nei miei articoli (cominceremo presto a lavorarci, è una promessa), mancano le citazioni e un design OMG come quello del VRT.

Illustration images: shutterstock

 

 

Tag:

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *