Earn money by answering our surveys

Register now!

Prepararsi alla recessione: 9 passi concreti per la tua azienda

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Per coloro che sono ancora in dubbio, una grave recessione colpirà il mondo. Potrebbe benissimo trasformarsi in una depressione peggiore di quella del 1929. Prepararsi alla recessione è una questione di sopravvivenza per le aziende. Questo articolo propone 9 azioni concrete per prepararsi alla recessione. Lungi dall’essere un articolo teorico, questa guida combina le azioni che stiamo già implementando in IntoTheMinds.

Contattaci per qualsiasi domanda


Sommario

Se hai solo 30 secondi

  • In una recessione, devi rendere la tua azienda il più “agile” possibile in modo da poter reagire rapidamente quando il gioco si fa duro. Segui questi 3 principi:
    • Riduci il tuo debito
    • Trasforma i tuoi costi fissi in costi variabili
    • Aumenta la tua redditività
  • Per aumentare la tua redditività, devi agire sui tuoi ricavi e costi
  • 5 azioni concrete per ridurre i tuoi costi:
    • Passa da SEA (pubblicità a pagamento) a SEO (risultati organici gratuiti)
    • Rescindi il contratto di locazione e passa al coworking (se la tua attività lo consente)
    • Rescindi gli abbonamenti che non sono stati utilizzati per più di 60 giorni
    • Razionalizza le tue spese applicando il principio di Pareto (abbiamo risparmiato 1522,89€ all’anno)
    • Identifica i costi sensibili al tasso di cambio e trova alternative
  • 4 azioni concrete per aumentare i tuoi ricavi
    • Elimina i clienti meno redditizi
    • Elimina i prodotti meno redditizi
    • Utilizza l’inbound marketing per trovare ulteriori contatti qualificati
    • Vai a caccia dei mercati pubblici

Prepararsi e sopravvivere alla recessione: i 3 principi fondamentali

Sopravvivere a una recessione richiede la messa a punto del flusso di cassa. È l’essenza della guerra. Per raggiungere questo obiettivo, ecco 3 principi fondamentali da seguire:

  • Prima di tutto, devi ridurre il tuo debito (o almeno non aumentarlo) per non essere alla mercé delle banche. È una questione di sopravvivenza. È quindi fondamentale non contrarre prestiti. Il periodo di inflazione e aumento dei tassi di interesse non si presta a questo.
  • Poi, devi eliminare i tuoi costi fissi e renderli variabili. Questo ti darà flessibilità e ti permetterà di reagire più velocemente.
  • Infine, devi aumentare la tua redditività con tutti i mezzi. A perimetro costante (cioè senza aumentare il tuo libro paga), le 2 variabili di aggiustamento a tua disposizione sono
    • costi
    • ricavi (vendite)

Nel resto di questo articolo, ti offriamo soluzioni per ridurre al minimo i costi e massimizzare le tue entrate.


Come minimizzare i costi in tempi di crisi?

1/ Sostituisci la pubblicità online (SEA) con la SEO

Un nostro cliente stava spendendo il 20% del suo fatturato su Google AdWords, ovvero quasi 150.000€ all’anno. La pubblicità, sebbene fondamentale, ha un costo. Ogni Euro speso in SEA (Search Engine Advertising) mancherà a fine anno dai tuoi profitti. Spesso puoi sostituire la pubblicità con la SEO (Search Engine Optimization) a costo zero. I risultati organici ti offrono un’esposizione naturale gratuita nei motori di ricerca. Se desideri maggiori dettagli, non esitare a contattarci.


2/ Rescindi il contratto di locazione e passa al coworking

La soluzione di coworking può essere interessante per piccoli team e società di servizi. Con l’aumento dei costi energetici, il passaggio a una soluzione di coworking in cui tutto è incluso (elettricità, riscaldamento in inverno, aria condizionata in estate) può essere una buona scelta. Inoltre, potresti dover lasciare andare alcuni dipendenti in una recessione. In questo caso è meglio avere una soluzione flessibile piuttosto che un canone fisso per uno spazio ufficio che diventerebbe troppo grande.

Nel nostro caso paghiamo circa 250€ escl. IVA al mese per dipendente. Questo è imbattibile.


3/ Sbarazzati di abbonamenti e sconti non necessary

Una semplice regola pratica: se non hai utilizzato uno dei tuoi abbonamenti negli ultimi 60 giorni, la tua azienda non ne ha bisogno. Eliminalo e iscriviti nuovamente per 1 mese quando arriva il momento se proprio non puoi fare altrimenti.

Se hai bisogno di un servizio in abbonamento, ecco 2 consigli per risparmiare fino al 50%:

  • Se sei già abbonato, lascia scadere l’abbonamento e attendi che il sito web ti invii un’offerta di nuovo abbonamento. 9 volte su 10 proporranno uno sconto.
  • Se non sei ancora abbonato, cerca i codici sconto (digita il nome del servizio seguito da “codice sconto” su google). Se non riesci a trovarne uno, chiedilo all’azienda! I nostri tentativi hanno avuto successo nel 50% dei casi.

4/ Applica il principio di Pareto alle tue spese

L’80% delle spese di un’azienda è generato dal 20% dei suoi fornitori. Sulla base del principio di Pareto, è nel tuo interesse svolgere l’esercizio con il tuo commercialista e trovare soluzioni alternative. Entro la fine del 2021, avevamo fatto l’esercizio e risparmiato 1522,89€ all’anno!

capture linkedin économies

4 semplici idee per limitare le tue spese

  • Disattiva la tua linea fissa o sostituiscila con una linea virtuale
  • Pulisci il tuo Google Drive e passa a un piano annuale
  • Rimuovi gli abbonamenti non necessari (vedi sopra)
  • Sostituisci le soluzioni a pagamento con quelle gratuite quando possibile

5/ Identifica i costi più sensibili alla valuta

Non sarà sfuggito alla tua attenzione che il dollaro è salito bruscamente rispetto all’euro. Quest’ultimo ha perso il 20% nel giro di pochi mesi. La conseguenza è semplice. Tutto ciò che acquisti in dollari ora ti costa il 20% in più.

Individua sul tuo estratto conto le righe in valuta estera (accanto ad esse è scritto il tasso di conversione). Se queste righe sono ricorrenti, cerca alternative europee.

In IntoTheMinds, eseguiamo oltre 100 transazioni ricorrenti all’anno in dollari e abbiamo trovato alternative in euro per la metà di esse.


Come si massimizzano le entrate in una recessione?

Qualsiasi ottimizzazione inizia con un calcolo del fatturato generato per dipendente. In tempi di recessione, devi massimizzare le tue entrate in relazione al tuo libro paga. In altre parole, devi ottenere il massimo dall’orario dei tuoi dipendenti.


1/ Elimina i clienti meno redditizi

Alcuni clienti sono più redditizi di altri: sono clienti fedeli. Richiedono meno lavoro (perché la fiducia c’è già). Nel suo libro “La settimana lavorativa di 4 ore”, Tim Ferriss racconta come ha aumentato la sua redditività mantenendo solo 7 clienti su 100. Può essere controintuitivo, ma questa ricetta l’abbiamo applicata a un nostro cliente (ProDegustation), e ha funzionato.


2/ Elimina i prodotti meno redditizi

Devi anche concentrarti sui tuoi prodotti più redditizi per massimizzare la tua redditività. Per una società di servizi, questi servizi ti portano le maggiori entrate in relazione alla quantità di tempo che richiedono.

Il metodo è chiamato ABCosting (per Activity-Based Costing) per realizzare la ricerca sulla redditività del prodotto. Questo metodo analitico consente di identificare le attività associate per ciascun prodotto o servizio. Questo esercizio, per quanto complesso, è sempre pieno di sorprese.


3/ Cerca altri clienti attraverso il marketing inbound

Lascia che i clienti vengano da te piuttosto che spendere soldi per inseguirli. Ecco di cosa si occupa l’inbound marketing. La nostra agenzia di ricerche di mercato utilizza il marketing inbound da 10 anni. Questo ci permette di non avere venditori e di ricevere solo richieste qualificate al 100%.


4/ Dai il via alla caccia di appalti governativi

I mercati pubblici sono spesso spaventosi e talvolta passano inosservati a causa della mancanza di conoscenza. Eppure sono una fonte inesauribile di affari. La prima cosa da fare è identificare i siti web nazionali in cui vengono pubblicati gli appalti pubblici. Concentrati prima sul tuo mercato nazionale. Ecco alcuni siti web nazionali per iniziare la tua ricerca:

 


Quindi, ecco i consigli che possiamo fornire. Questo sarà un periodo molto difficile. Ma come sempre, le crisi sono anche opportunità. Se vuoi che ti aiutiamo a coglierli, non esitare a contattarci.

 

 

 

 

 

Tag:

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *