Earn money by answering our surveys

Register now!

[Podcast] Groover, la piattaforma che collega artisti e media

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Groover è stato pensato da tre giovani imprenditori per semplificare i rapporti tra artisti e media, etichette e professionisti del settore musicale, risolvendo così la promozione degli artisti. A tal fine Romain Palmieri e i suoi collaboratori hanno condotto, e stanno conducendo, numerose fasi di test per dare impulso al loro progetto e migliorare in modo permanente la loro preziosa proposta.

Scopri questa avventura imprenditoriale e musicale in questo nuovo podcast.

Sommario

L’idea di marketing da ricordare

È fondamentale testare la propria idea e migliorarla gradualmente nel tempo e con i feedback dei potenziali utenti. È così che Groover ha affinato la sua proposta commerciale e i team hanno determinato il modello di business più adatto alle esigenze del mercato.


icône expérience entrepreneuriale et chiffres-clés

Capitolo 1: la tua esperienza imprenditoriale in 3² punti

3 numeri importanti

Più di 160.000 canzoni inviate, 15.000 artisti sulla piattaforma, 100 artisti hanno trovato la loro etichetta grazie a Groover.

3 consigli per future start-up

Suggerimento 1: ascolta i tuoi clienti e il tuo mercato
Suggerimento 2: circondati bene (team e mentori)
Suggerimento 3: sapere come resistere

3 competenze essenziali necessarie per avviare la tua start-up

Romain Palmieri sottolinea che le competenze commerciali e tecniche sono essenziali, tuttavia, le competenze trasversali sono le più critiche. La prima abilità necessaria è avere una missione e una visione chiara e ambiziosa del progetto imprenditoriale. La seconda competenza è relativa alla comunicazione: si tratta di saper federare e allineare gli stakeholder. La terza abilità è ascoltare e imparare.

È fondamentale avere tempo per essere in costante contatto con gli utenti, per incontrare persone che hanno fatto cose che possono essere per te un apprendistato, quindi mentori, altri imprenditori.



genèse de l'idée entrepreneuriale

Capitolo 2: La genesi dell’idea imprenditoriale

Groover assiste gli artisti nella loro promozione musicale con media, etichette e professionisti del settore. La piattaforma garantisce che gli artisti vengano ascoltati e ricevano feedback dai professionisti della musica, il che è un punto cruciale e non è una cosa facile da fare per gli artisti. L’obiettivo è offrire agli artisti una migliore visibilità, una visibilità più qualitativa, basata su micropagamenti.

Nel podcast, Romain Palmieri fornisce alcuni indicatori sul funzionamento di Groover:

  • 2 euro: la cifra che gli artisti pagano per contattare media, professionisti, etichette accessibili sulla piattaforma.
  • 40 euro: il paniere medio mensile
  • 1 settimana: il termine ultimo entro il quale gli artisti devono ricevere feedback dal professionista che hanno contattato; se non riceveranno questo feedback, verranno rimborsati.
  • 1 euro: l’importo pagato a media, etichette e professionisti della musica che rispondono agli artisti su Groover.

L’idea alla base di Groover nasce da una dichiarazione dei co-fondatori. Romain Palmieri, Jonas Landman e Dorian Perron (i co-fondatori) hanno notato che gli artisti erano in una situazione di competizione permanente. Ogni giorno vengono pubblicati più di 40.000 nuovi brani su Spotify. Di conseguenza, i media e le etichette sono sommersi dalle richieste. Il concetto di Groover mira a risolvere questo problema assicurando che gli artisti siano ascoltati positivamente. Questo ascolto dovrebbe creare valore aggiunto risparmiando tempo e denaro per i media e i professionisti.

L’idea ci è venuta prima di tutto, perché veniamo da questo ecosistema […]. Avevamo una buona comprensione dei problemi e delle complessità […]: oggi c’è un grave problema che riguarda la promozione degli artisti e volevamo risolverlo.


validation de l'idée entrepreneuriale

Capitolo 3: Validazione dell’idea imprenditoriale

Romain Palmieri insiste sull’importanza di testare la sua idea e raccogliere le opinioni dei potenziali utenti prima ancora che il progetto venga lanciato. Così hanno iniziato la loro avventura imprenditoriale i co-fondatori di Groover:

Abbiamo fatto un programma imprenditoriale a Berkeley, in California, con l’idea di applicare ciò che sapevamo, ciò che avevamo come intuizione […] È così che abbiamo iniziato a testare le cose, a imparare.

Per garantire la validità dei loro risultati, sono state utilizzate tecniche di ricerca di mercato:

  1. Conferma dell’idea imprenditoriale da parte di parenti e conoscenti attivi nel settore della musica
  2. Convalida tramite interviste telefoniche (ricerca qualitativa) con 200 artisti francesi e americani. La ricerca qualitativa mette in luce un problema significativo per gli artisti: farsi conoscere.
  3. La piattaforma è stata lanciata a seguito di questi controlli utilizzando un metodo ben noto agli imprenditori: iterazione, test e adattamento del feedback degli utenti attraverso strategie quantitative volte a definire prezzo, scadenze per i resi e così via.

Abbiamo imparato molto su […] le problematiche operative alla base del concept e dell’idea, e questo è il modo giusto, all’inizio, di lanciare un test e un MVP perché permette di affinare gli slider e posizionarli nel giusto luogo. [Per] il momento in cui vuoi lanciare il primo prodotto, un po’ più sostanzioso, un po’ più tecnico.


démarrage de la startup

Capitolo 4: Iniziare

I primi clienti sono stati trovati attraverso una rete, tramite le conoscenze private e professionali dei tre co-fondatori di Groover.

La start up ha saputo posizionarsi su importanti eventi musicali come il Mama (festival nel centro di Parigi) dove il team ha potuto raccogliere, ancora una volta, molti feedback. Inoltre, Groover ha impostato molto rapidamente l’acquisizione di contatti e metodi di marketing per pubblicizzare la piattaforma.

I due segnali che hanno permesso di vedere il mercato governare positivamente: il primo segnale era di tipo quantitativo […] il numero dei clienti aumentava in modo organico, senza investire in marketing a pagamento, su Ads, Google o Facebook marketing; e abbiamo potuto vedere anche da un punto di vista qualitativo, quando eravamo agli eventi e in particolare […].the Mama, che era un po’ una questione unificante, un punto di ancoraggio per noi, che i feedback che ricevevamo dagli utenti, siano essi, professionisti o artisti, da entrambe le parti, è stato estremamente incoraggiante, immensamente positivo, estremamente benevolo.

La difficoltà di cui parla Romain Palmieri in questa fase di avvio è la capacità di “fare tutto insieme”. Spiega in particolare che è complesso gestire due popolazioni di utenti (artisti e professionisti nel caso di Groover):

Abbiamo sempre bisogno di acquisire due tipi di popolazione contemporaneamente perché abbiamo bisogno dell’uno e dell’altro e [viceversa]. Quindi, in effetti, siamo ancora obbligati a contattare l’uno e l’altro […] e questo con tutti i soggetti che abbiamo anche noi, come imprenditori, che [sono] la ricerca di finanziamenti, trovare persone che si uniscano all’avventura, costruire il prodotto, tutte le materie tecniche…


phase de décollage de l'entreprise

Capitolo 5: Decollo

Per garantire il decollo della piattaforma, Romain Palmieri precisa che gli aspetti essenziali sono finanziari e umani:

Dopo aver lanciato il nostro prodotto e dopo aver iniziato a vedere i primi segnali di trazione, superando le prime mille, decine di migliaia di euro di fatturato mensile, abbiamo cominciato a dirci “beh, c’è qualcosa nel nostro prodotto, non potremmo creare un’azienda attorno a questo prodotto”? Reclutare persone, finanziare l’azienda a lungo termine per creare un attore centrale nel settore, che era la nostra visione fin dall’inizio.

Ancora una volta, Romain Palmieri descrive il processo iterativo attraverso il quale è passato Groover. Questo è un punto critico nell’avvio e nel decollo della piattaforma poiché molti elementi (modello di business, modalità di acquisizione, comunicazione, aspetti tecnici e così via) sono stati lanciati in test per essere continuamente adattati.

A giugno 2019, Groover ha effettuato il primo round di finanziamento con la raccolta di 1,3 milioni di euro attraverso fondi di private equity, mentor e Business Angels dei settori della musica, della tecnologia e dei media. Romain Palmieri precisa poi:

Ciò che è essenziale in questo periodo è trovare le persone giuste, i partner giusti che saranno in grado di supportare il progetto a lungo termine e che saranno in grado di […] dare energia al progetto e assicurarsi che le scelte giuste vengano fatte al momento giusto.

Il team tecnico di Groover, e Jonas Landman, in particolare, mira a costruire algoritmi per guidare gli artisti in modo che possano rivolgersi ai media, alle etichette e ai professionisti più adatti a loro.

Poiché facciamo interagire una popolazione di artisti con una popolazione di media, avere una corrispondenza nell’incontro tra i due è estremamente importante.


le futur de la startup

Capitolo 6: Il futuro

L’obiettivo di Groover è diventare un punto di riferimento in termini di promozione degli artisti a livello internazionale. Romain Palmieri sottolinea che il prodotto è in continua evoluzione per essere sempre in linea con le esigenze degli artisti.

La nostra ambizione è quella di essere un attore centrale nei servizi agli artisti in Europa e Nord America. La nostra missione e questo è ciò che ci ha guidato sin dall’inizio, è dare agli artisti il potere di far conoscere la loro musica e diventare un acceleratore del loro successo in modo efficiente, attento e trasparente.

A lungo termine, l’obiettivo di Groover è quello di essere un punto di riferimento in una ventina di paesi in Europa e Nord America, di moltiplicare la sua base di clienti e di raggiungere il numero simbolico di 1 milione di artisti registrati.

Un podcast per aiutarti a sviluppare la tua start-up

Nel 2020 cambieremo il formato dei nostri podcast. L’obiettivo è aiutarti a sviluppare la tua start-up fornendoti informazioni rilevanti su argomenti specifici.

I nostri podcast sono ora divisi in capitoli di +/- 3 minuti. Ogni capitolo è dedicato a un tema specifico o a una fase di sviluppo. Puoi quindi ascoltare l’intero podcast oppure scegliere di ascoltarne solo una parte selezionando direttamente la parte che più ti interessa.

Illustration images: shutterstock

Tag:

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *