7 Luglio 2023 976 parole, 4 lettura minima

Leto automatizza la conformità al GDPR [podcast]

Di Pierre-Nicolas Schwab Dottorato di ricerca in marketing, direttore di IntoTheMinds
Chi avrebbe mai pensato che nel 2023 fosse ancora possibile far parlare di sé (in senso positivo) grazie al GDPR? Eppure è proprio quello che riesce a fare Leto, una start-up che ho invitato nel mio podcast. La sua ambizione […]

Chi avrebbe mai pensato che nel 2023 fosse ancora possibile far parlare di sé (in senso positivo) grazie al GDPR? Eppure è proprio quello che riesce a fare Leto, una start-up che ho invitato nel mio podcast. La sua ambizione è automatizzare la conformità al GDPR per le aziende. Ho intervistato il suo co-fondatore, Edouard Schlumberger, con il quale ho tracciato la genesi di questa start-up, che figura nella classifica Challenges delle 100 start-up da seguire in Francia. Una grande storia che dimostra come una buona ricerca di mercato sia spesso sinonimo di successo sul mercato.

Privacy e GDPR: 3 cifre da ricordare

  • entro il 2023, si stima che il 65% della popolazione mondiale avrà i propri dati protetti, rispetto al 10% nel 2020
  • +131%: l’aumento del numero di sanzioni per violazione del GDPR tra il 2020 (3.764 sanzioni) e il 2021 (8.698 sanzioni)
  • L’87% dei francesi si dichiara sensibile al tema della protezione dei dati

Rispetto per la privacy: tendenze di fondo

Abbiamo identificato 3 tendenze di fondo in termini di privacy e, più specificamente, in merito al GDPR e alla sua applicazione.

GDPR non è più solo

Molti hanno riso del desiderio dell’Unione Europea di regolamentare la raccolta dei dati. Con il senno di poi, dobbiamo ammettere che era necessario. Altri Paesi e territori hanno seguito l’esempio, imitando quanto fatto in Europa. Ne sono un esempio il Regno Unito e la California.

Grazie a questa epidemia di virtù, la percentuale di persone protette dalle norme sulla privacy nel mondo è destinata ad aumentare. Una ricerca di Gartner ha stimato che la popolazione protetta dalle norme sulla protezione dei dati personali passerà dal 10% nel 2020 a 65 milioni nel 2022.

Le violazioni sono sempre più punite

Durante la mia ricerca del 2020 sugli effetti del GDPR, ho notato che questo nuovo quadro normativo ha mantenuto per lo più invariato il comportamento degli europei. I reclami non erano aumentati. Oggi la situazione è leggermente cambiata e le autorità di regolamentazione nazionali sono diventate più aggressive nei confronti delle aziende che non rispettano il GDPR. Vediamo un’accelerazione dei controlli e delle multe: 8698 multe nel 2021 contro le 3764 del 2020 in Europa).

Maggiore sensibilità alla protezione dei dati

L’opinione pubblica è sempre più consapevole delle problematiche legate alla protezione dei dati personali. L’87% dei francesi si dichiara sensibile al tema della protezione dei dati. Questo non può che aumentare la pressione sulle aziende affinché si adeguino.


Le multe per le violazioni del GDPR sono aumentate da 3764 nel 2020 a 8698 nel 2021.


A ciò si aggiunge la sfida commerciale per le aziende di sviluppare la propria attività “mostrando un certificato di buona salute” nel contesto delle gare d’appalto con i key account. Questo, a sua volta, comporta una crescente necessità di rispettare le normative e di mantenerle nel lungo periodo.

Leto ipotizza che la pressione delle autorità di regolamentazione non si concentri più solo sulle grandi aziende. Le aziende più piccole sono ora fortemente esposte. Non hanno necessariamente avvocati interni o la propensione a rivolgersi a esperti esterni (avvocati). Vogliono invece strumenti che automatizzino la conformità, rendendola meno costosa e dispendiosa in termini di tempo, garantendo al contempo la sicurezza dello sviluppo del loro business.


La genesi di Leto

La genesi di Leto

Leto nasce dall’amicizia tra Edouard Schlumberger e Benjamin Lan Sun Luk. I due avevano già intrapreso diverse iniziative e si ritrovarono a lavorare su un nuovo progetto. Come spesso accade, un’osservazione sul campo ha fatto nascere il desiderio di intraprendere e fornire una soluzione.

Benjamin ed Edouard avevano notato una reale necessità delle aziende di conformarsi al GDPR. Nonostante l’obbligo per tutte le aziende di conformarsi a questo regolamento, avevano bisogno di più strumenti e tecnologie per semplificare l’implementazione operativa. La parola “facilità” è centrale, poiché il GDPR è un “dolore” (sofferenza) prima di essere un’opportunità per molte aziende. È su questa promessa di semplificare il lavoro che è nata Leto, una soluzione che automatizza la conformità al GDPR, conciliando semplicità, chiarezza ed efficienza. L’obiettivo è quello di rendere il tema del GDPR collaborativo e automatizzato.

Durante il periodo di “gestazione” dell’idea, i futuri co-fondatori di Leto hanno dovuto considerare e sviluppare una soluzione per soddisfare le esigenze di conformità al GDPR delle aziende. Hanno analizzato le sfide e le poste in gioco del mercato e hanno cercato di proporre uno strumento adatto ai team che lavorano sulla conformità al GDPR all’interno delle organizzazioni. Questa fase è presente nel nostro metodo di ricerca di mercato, in quanto corrisponde alle prime 3 fasi, durante le quali l’idea iniziale viene proposta e poi messa a punto


Conferma attraverso interviste qualitative

Non potrò mai sottolineare abbastanza che le ricerche di mercato sono la chiave per garantire la pertinenza della propria idea imprenditoriale e aumentare le possibilità di successo. È esattamente quello che hanno fatto Benjamin ed Edouard, incontrando centinaia di operatori per confrontare la loro visione con la realtà del mercato. Attraverso interviste a imprenditori, manager, esperti, avvocati, DPO… in aziende grandi e piccole, hanno confermato la loro intuizione.

Solo allora è stato sviluppato il primo “MVP” (Minimum Viable Product). Questo MVP è stato presentato alle persone che avevamo incontrato in precedenza per confermare i casi d’uso selezionati.

Questo tipo di analisi di mercato si adatta perfettamente alla visione Lean. Rimane l’approccio più efficace per identificare i veri punti dolenti dei clienti e concentrarsi su ciò che conta in termini di benefici per l’utente finale.


la tattica di Leto

Lead generation: la tattica di Leto

Ogni periodo di sviluppo ha il suo metodo di generazione di lead.

Nei primi mesi di sviluppo, l’outbound è stato un metodo particolarmente efficace, inviando e-mail ai DPO e ai dirigenti. Sono sempre stato molto scettico su questi metodi di invio di e-mail, ma è chiaro che funzionano 👍

Ho trovato interessante il modo in cui i metodi di prospezione di Leto si sono arricchiti nel tempo. Dopo l’avvio, Leto ha aperto altri canali di acquisizione in uscita:

  • Google Ads
  • LinkedIn Ads
  • Facebook Ads
  • Fiere

Ora Leto si concentra anche sull’inbound. Edouard mi dice che entrambi gli approcci funzionano per Leto e che i contatti sono equamente divisi tra i due.

 



Posted in imprenditorialità.

Pubblica la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *