Earn money by answering our surveys

Register now!

Per studiare il traffico di droga, ha incontrato spacciatori in carcere

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Cosa hanno in comune Sudhir Venkatesh e Teun Voeten? Entrambi sono antropologi ed entrambi hanno frequentato trafficanti di droga per condurre ricerche.

grenade Deurne

Una granata è esplosa a Deurne, dove vive Teun Voeten. Si tratta dell’ennesima manifestazione del traffico di droga in questa regione.

Teun Voeten, fotografo/giornalista/antropologo olandese, ha pubblicato una tesi di dottorato sui cartelli messicani nel 2018. Ha appena pubblicato un libro su un fenomeno più locale: il traffico di droga ad Anversa, la città in cui vive. Per questo libro intitolato “Droga: Anversa sotto il controllo dei sindacati della droga olandesi”, l’autore ha incontrato 15 trafficanti di droga in prigione e ha rintracciato le loro motivazioni per andare in clandestinità. L’approccio di ricerca qualitativa utilizzato ci offre un’ottima scusa per puntare i riflettori su un autore poliedrico.

Una metodologia di ricerca qualitativa applicata allo studio del traffico di droga

Ciò che è interessante di questo libro (e dello studio sottostante) è la metodologia utilizzata. Teun Voeten ha ovviamente una particolare esperienza nello studio dei fenomeni legati al traffico di droga. Nella sua tesi sui cartelli messicani, ha dettagliato i meccanismi storici che hanno portato alla loro ascesa e non ha trascurato il ruolo dell’iperviolenza come strumento di “marketing” per i trafficanti. Si è soffermato anche sugli effetti del neoliberismo sulla crescita della tratta. Ma ciò che è di particolare interesse nel suo libro sul traffico di droga ad Anversa è il metodo di studio che ha impiegato. L’approccio è, infatti, basato su metodi di ricerca qualitativa e si adatta perfettamente a questo lavoro antropologico.

meurtre à Ciudad Juarez

Il lavoro di fotogiornalismo di Teun Voeten (qui un omicidio nella città più pericolosa del mondo: Ciudad Juarez) gli ha permesso di alimentare il suo lavoro di ricerca sui cartelli della droga messicani.

Incontrando i trafficanti in carcere, Teun Voeten è andato oltre le “macro” informazioni disponibili sul traffico di droga. È entrato nell’intimità di ogni trafficante ed è stato così in grado di ripercorrere percorsi di vita impegnativi. Non è la prima volta che Teun Voeten si intromette in questo modo in ambienti sfavorevoli. Chi seguirà il suo viaggio ricorderà il suo libro sulla guerra in Sierra Leone dove, preso tra due battaglie, dovette nascondersi per due settimane nella foresta prima di poter fuggire. Altrettanto estrema è stata la sua esperienza di 5 mesi condividendo la vita di un senzatetto che vive in un tunnel a New York City.

Dai suoi incontri con i prigionieri, Teun Voeten trae alcune conclusioni impegnative sulle motivazioni dei trafficanti di cocaina (la droga per la quale Anversa ha acquisito le sue “lettere di nobiltà” se posso usare questa ironica allusione). Dimostra infatti che il passaggio al traffico di cocaina non è legato alla povertà. È invece una scelta deliberata del neo-delinquente: l’attrattiva di un “lavoro” che consente grande flessibilità, la possibilità di essere il proprio capo, guadagni facili e acquisti sfarzosi. Si intuisce che il neoliberismo sta avendo i suoi effetti in ogni angolo dell’economia, anche nell’economia sommersa.

Chi è Sudhir Venkatesh?

Da giovane studente di sociologia all’Università di Chicago, Sudhir Venkatesh si è imbattuto in una banda di trafficanti di droga armati che lo hanno rapito e tenuto prigioniero nel 1989. Sudhir ha guadagnato la loro fiducia ed è stato rilasciato il giorno successivo. Fu anche autorizzato a rivisitare i membri della banda, a parlare con loro e a studiare le loro operazioni. Vengono raccolti dati preziosi, compresi i libri contabili dei rivenditori!
Col passare del tempo, l’organizzazione delle cosche prende forma. Segue un classico modello di vendita al dettaglio: il modello di franchising. I piccoli concessionari, franchisee, ottengono dall’affiliante il diritto di commercializzare i propri prodotti su un dato campo, talvolta con modalità precise (viva il marketing!). La maggior parte dei profitti viene trasferita al “franchiser” che protegge l’affiliato, che differisce solo leggermente dal modello classico. Il denaro va poi, in una sorta di cascata inversa, ad alimentare le alte sfere. In questo modello piramidale, molte persone lavorano molto duramente e pochissime si guadagnano da vivere.

Metodi qualitativi nel lavoro antropologico

La cosa affascinante dell’antropologia è che permette al ricercatore di diventare tutt’uno con l’oggetto della sua ricerca. Ovviamente Teun Voeten non è il primo a studiare in questo modo il traffico di droga. Si ricorderà che già nel 1989 Sudhir Venkatesh, un giovane studente di sociologia, studiava le bande di Chicago dopo essere stato catturato e rapito da loro. È proprio questa vicinanza che permette al ricercatore di diventare tutt’uno con l’oggetto della sua ricerca, di raggiungere un livello di intimità ordinariamente inaccessibile. Questa intimità fusionale è anche un pericolo per il ricercatore qualitativo perché può portare a pregiudizi. È quindi essenziale, in ogni ricerca in cui il ricercatore “partecipa” all’azione, documentare la sua ricerca precisamente su base quotidiana, tenere una registrazione scritta e fattuale delle sue osservazioni per evitare le sintesi romanzate che alcuni potrebbero fare dopo il fatto.

Un notevole lavoro etnografico di questo tipo è stato quello di Charles Booth, che ha documentato instancabilmente la povertà di Londra ed è riuscito a mapparla, producendo forse la prima “visualizzazione dei dati” della storia.


3 consigli per la tua ricerca etnografica

Se si opta per un approccio etnografico a un progetto di ricerca, ecco alcuni suggerimenti per garantire la serietà del proprio lavoro:

  1. Poiché si tratta principalmente di un approccio qualitativo, è fondamentale scegliere un campione di intervistati la cui varietà consentirà di raccogliere punti di vista diversi. Ricordatevi che gli studi qualitativi sono progettati per moltiplicare punti di vista e ipotesi di lavoro. Per il suo libro, Teun Voeten ha incontrato solo 15 prigionieri. Ha intervistato quasi 100 persone per riferire su un fenomeno che coinvolge molti attori della società.
  2. Inoltre, assicuratevi di documentare le vostre osservazioni sul posto e di riassumere regolarmente le impressioni. Il lavoro di ricerca può essere svolto solo su una base fattuale e documentata. Tenendo aggiornati “quaderni di osservazione”, assicurerete che la vostra conoscenza si perpetui e, soprattutto, che sarete in grado di dare uno sguardo nuovo, a posteriori, alla vostra ricerca nel suo insieme.
  3. Non commettete l’errore di concludere prima di aver finito di registrare i vostri appunti. In caso contrario, il lavoro sarà segnato in modo indelebile con i vostri pregiudizi.

Riferimenti

Voeten, Teun, and Bart De Wever. Drugs. Antwerpen In De Greep Van Nederlandse Syndicaten. Kalmthout: Van Halewyck, 2020.


Illustrations: credits Shutterstock, Teun Voeten

Tag:,

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *