Earn money by answering our surveys

Register now!

Con l’età, gli imprenditori sono meno fiduciosi ma più premurosi

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Qual è l’effetto dell’età sulle dinamiche imprenditoriali? IntoTheMinds ha realizzato ricerche su 840 fondatori di aziende in tutta Europa. L’obiettivo era capire come l’età influenzi il lancio dell’azienda e la fiducia dell’imprenditore. I risultati confermano alcune intuizioni ma sono anche sorprendenti sotto molti aspetti. Dimostrano inoltre che dobbiamo adattare le politiche di sostegno all’imprenditorialità all’età dell’imprenditore.

Questa ricerca integra le precedenti ricerche sugli effetti del Covid-19 sulla creazione di imprese e sull’imprenditoria femminile.

Le nostre conclusioni in breve

  • La fiducia degli imprenditori nel futuro diminuisce con l’età. Il 64% degli imprenditori tra i 18 e i 25 anni è fiducioso o molto fiducioso, rispetto al 54% di quelli tra i 55 e i 65 anni
  • Con l’aumentare dell’età, diminuisce la fiducia nel successo della propria azienda. Gli imprenditori più giovani sono 20 punti più sicuri del loro successo rispetto ai più grandi
  • Con l’aumentare dell’età dell’imprenditore, aumenta la probabilità di ottenere un sostegno finanziario privato
  • Gli imprenditori di età compresa tra 55 e 65 anni hanno 4 volte più probabilità di ottenere un sostegno finanziario privato superiore a € 50.000 rispetto a quelli di età compresa tra 18 e 25 anni
  • Più si invecchia, più matura la propria idea di azienda. Solo il 35,7% dei 55-65enni ha lanciato la propria azienda in 6 mesi rispetto al 53,3% dei 18-25enni
  • Logicamente, all’aumentare dell’età, aumenta la probabilità di aver già creato un’impresa. Solo il 5,9% dei 18-25enni ha già creato un’impresa rispetto al 23% dei 46-55enni
  • Più l’imprenditore è anziano, più è probabile che avvii un’attività da solo
  • Circa 3/4 degli imprenditori iniziano da soli, in tutte le età
  • L’età non ha alcun impatto sullo spirito imprenditoriale

Sommario


Introduzione

Avviare un’impresa non è un compito facile. Al di là dell’idea, ci sono mille aspetti da tenere in considerazione. L’imprenditore deve avere molti talenti all’inizio e una particolare forza di carattere per superare gli ostacoli. Gli imprenditori parlano spesso di resilienza.

In questa ricerca, analizziamo come l’età influenza le decisioni significative dei fondatori di aziende: quando e con chi avviare, come finanziare e come affrontare l’incertezza.

In che modo l’età di un imprenditore influisce sul lancio della propria azienda?

La prima lezione della nostra ricerca è che la “transizione all’azione” rallenta con l’età dell’imprenditore. In altre parole, il tempo che intercorre tra l’idea imprenditoriale e la creazione effettiva dell’impresa aumenta con l’età dell’imprenditore.

Mentre il 53,3% degli imprenditori tra i 18 ei 25 anni avvia la propria attività in meno di 6 mesi, solo il 35,7% dei 56-65 anni lo fa. Con l’età, il creatore dell’azienda sembra controllare meglio la sua impazienza.

temps écoulé entre l'idée de business et la création de l'entreprise en fonction de l'âge de l'entrepreneur
Gli imprenditori più anziani hanno necessariamente più esperienza, il che si riflette nella percentuale decrescente di nuovi imprenditori. Mentre il 23% dei 46-55enni ha già avviato un’impresa, solo il 5,9% dei 18-25enni lo ha fatto.

pourcentage de néo-entrepreneurs en fonction de l'âge du créateur d'entreprise

Un altro risultato sorprendente riguarda il numero di co-fondatori. L’età dell’imprenditore sembra incoraggiare gli imprenditori a non circondarsi di altri. Si vede infatti che la quota di imprenditori che avviano da soli aumenta lentamente con l’età: l’83,3% ha più di 65 anni e il 74,1% ha 18-25 anni.

Se si escludono gli over 65, la quota di “imprenditori soli” è relativamente stabile. Circa 3/4 degli imprenditori avviano la propria attività da soli.

nombre de cofondateurs en fonction de l'âge du créateur d'entreprise



La fiducia dell’imprenditore dipende dalla sua età

Mentre lo spirito imprenditoriale non è sensibile all’età, lo stesso non si può dire per la fiducia. I risultati mostrano che sia la fiducia nel futuro che la fiducia nel proprio successo diminuiscono con l’età del fondatore dell’azienda.

Mentre il 63,7% dei giovani di 18-25 anni è fiducioso o totalmente fiducioso nel futuro, solo il 53,5% dei 55-65 anni è ottimista. Il grafico sottostante mostra come la fiducia nel futuro si erode gradualmente con l’età.

confiance des créateurs d'entreprises dans l'avenir en fonction de leur âge

Più sorprendentemente, lo stesso vale per la fiducia nel proprio successo. Anche in questo caso ci sono differenze significative tra gli imprenditori più giovani e quelli più anziani. Quasi il 75% degli imprenditori di età compresa tra i 18 e i 25 anni è fiducioso nelle proprie possibilità di successo, rispetto al solo 53,5% di quelli di età compresa tra i 56 e i 65 anni. Sono 20 punti che sono evaporati.


confiance du créateur d'entreprise dans la réussite de sa startup en fonction de son âge

Il finanziamento privato aumenta con l’età dell’imprenditore

L’ultimo aspetto che abbiamo analizzato è quello del finanziamento privato, a seconda dell’età dell’imprenditore.

Da un lato, notiamo che la quota di imprenditori che accedono a finanziamenti privati (amici, familiari, banche, investitori privati) diminuisce con l’età. Pertanto, gli imprenditori tra i 56 ei 65 anni hanno la metà delle probabilità di avere accesso a finanziamenti privati rispetto ai loro fratelli più piccoli tra i 18 ei 65 anni.

porcentage de créateurs d'entreprise recevant un soutien financier privé

Al contrario, gli importi che vengono stanziati aumentano con l’età del creatore dell’impresa. Tra gli imprenditori intervistati, i 56-65enni hanno quasi 5 volte più probabilità dei 18-25enni di ottenere finanziamenti superiori a 50.000€.

montant financement privé aux créateurs d'entreprises en fonction de leur âge


Conclusione

Questa ricerca mostra chiaramente che l’età del fondatore dell’azienda ha diversi effetti. Questi si riflettono nelle scelte effettuate in merito all’avvio della struttura o nello stato d’animo del fondatore dell’azienda. I risultati sono solo correlazioni in questa fase, ma possiamo ancora avanzare alcune ipotesi.

L’avvio “più lento” dell’attività imprenditoriale tra gli imprenditori più anziani ci sembra legato all’esperienza. Una persona più matura sarà in grado di temperare meglio la propria eccitazione e di pensare con più calma. La loro competenza (soprattutto nella creazione di un’azienda) impone un cauto realismo che si riflette nella loro fiducia. Il giovane imprenditore, con meno esperienza, non è ancora in grado di apprezzare le difficoltà che lo attendono ed è più entusiasta.

L’esperienza aumenta anche i mezzi finanziari, il che può spiegare il minor ricorso al finanziamento privato. D’altra parte, quando questi sono necessari, un imprenditore più anziano avrà probabilmente meno difficoltà a procurarsi somme più significative.

 

 

 

 

 

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *