Earn money by answering our surveys

Register now!

Covid: Imprenditori meno preparati ma più fiduciosi

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Le statistiche sulla creazione di imprese in Europa mostrano che la crisi del Covid non ha scoraggiato gli imprenditori di avviare un’attività. Un sondaggio condotto su 825 creatori di imprese mostra che la loro fiducia è alle stelle. Tuttavia, hanno meno esperienza, fanno meno ricorso al sostegno esterno e abbandonano i finanziamenti pubblici. Questa ampia ricerca ci consente anche di apprezzare altri cambiamenti avvenuti da marzo 2020, come la sostituzione dei finanziamenti pubblici con aiuti privati.

Questo primo articolo fornisce risultati dettagliati per il Belgio, un paese in cui abbiamo intervistato 634 imprenditori.

I risultati in breve

  • I livelli di fiducia tra coloro che hanno avviato la propria attività dopo marzo 2020 sono in forte aumento. Gli “imprenditori Covid” sono più fiduciosi sul futuro (+ 12 punti) e più ottimisti sul successo della loro attività (+ 14 punti) rispetto a quelli che hanno iniziato la loro attività prima di marzo 2020.
  • Le motivazioni per avviare un’impresa non cambiano sostanzialmente con il Covid. La ricerca di autonomia e flessibilità era la motivazione del 45,5% degli imprenditori prima della crisi. Rimane la stessa al 43% da marzo 2020.
  • Dalla crisi del Covid, gli imprenditori in Belgio fanno meno affidamento sugli aiuti pubblici (-10 punti) e più sui finanziamenti privati (+4 punti). La quota di assistenza pubblica sotto i 5000 euro è raddoppiata (+29 punti), mentre i finanziamenti privati sotto i 5000 euro sono diminuiti di 14 punti.
  • Il profilo degli imprenditori che hanno iniziato da marzo 2020 è meno esperto. C’è stato un aumento di 5 punti della quota di imprenditori con meno di un anno di esperienza lavorativa e una diminuzione equivalente di quelli senza con più di 20 punti.
  • La quota di dipendenti che hanno avviato la propria attività è aumentata di 7,5 punti (al 59,6%) mentre quella dei disoccupati è diminuita di 5 punti (al 18,2%)
  • Gli imprenditori post-Covid sono più istruiti. Sale al 67,5% la quota di laureati di primo, secondo e terzo ciclo, in crescita di quasi 7 punti rispetto al periodo pre-Covid.
  • Da marzo 2020, sempre meno imprenditori hanno cercato supporto per l’avvio della propria attività. La percentuale di imprenditori non assistiti è aumentata dal 31,8% al 38,5%. Il commercialista resta il referente numero uno per più di un terzo degli imprenditori.
  • Dalla crisi del COVID, gli imprenditori si affidano maggiormente al sostegno finanziario privato (21% contro 17%)
  • L’importo di questo finanziamento privato tende ad aumentare. La quota di sostegno privato inferiore a 5000€ è passata dal 57% al 43%.
  • L’utilizzo dei finanziamenti pubblici è in evidente calo (-10 punti). Prima della crisi, il 73% dei creatori di imprese si lanciava senza ricorrere a questa modalità di finanziamento. Dopo la crisi del Covid, sono l’83% a farne a meno.
  • Tra coloro che hanno ottenuto aiuti pubblici, gli importi inferiori a 5000€ sono quelli la cui quota è aumentata maggiormente (57% contro il 28% prima della crisi). Questo è avvenuto a spese di sostegni più importanti (tra 5000€ e 20000€)

crédits : Shutterstock

Metodologia

È stato realizzato un sondaggio con 825 imprenditori in Belgio e Francia. L’indagine è stata fatta in Belgio da UCM e Hub. Bruxelles, in Francia da Formalizi. La fiducia è stata misurata riutilizzando parte della metodologia INSEE per misurare la fiducia delle famiglie.

I risultati presentati in questo articolo sono limitati al Belgio. Riguardano 634 imprenditori che hanno risposto al sondaggio. Di questi, il 31% aveva avviato la propria attività prima di marzo 2020 (periodo “pre-Covid”) e il 69% da marzo 2020 (periodo “post-Covid”).


crédits : Shutterstock

Cosa motiva gli imprenditori ad avviare un’attvità?

Di seguito presentiamo i risultati dettagliati che supportano le nostre conclusioni sulle dinamiche imprenditoriali in Belgio. Nella maggior parte dei grafici distinguiamo il periodo “pre Covid” (imprese create prima del 28 febbraio 2020) dal periodo “dal Covid”.
motivations of entrepreneurs to startup their business

Come si può notare daò grafico sopra, le motivazioni dei creatori di impresa rimangono sostanzialmente le stesse, sia prima che dopo la crisi del Covid. La ricerca di autonomia e flessibilità è la motivazione primaria per meno della metà dei nuovi imprenditori.

influence of covid on decision to startup business

Solo il 14% degli imprenditori belghe afferma che la crisi del Covid ha influenzato la loro decisione di avviare un’impresa. Questo risultato è probabilmente correlato alla seguente statistica.


La fiducia delle imprese sta aumentando

confidence business founders in Belgium

Il 56,8% degli imprenditori che hanno avviato la propria attività da marzo 2020 si dice fiducioso o molto fiducioso per il futuro. Si tratta di 12 punti in più rispetto a chi ha avviato la propria attività prima della crisi del Covid (44,8%).

confidence busness owners success of own startup

Gli imprenditori che hanno avviato la propria attività da marzo 2020 sono 14 punti più sicuri del successo della propria attività rispetto a quelli che l’hanno lanciata prima di marzo 2020 (72,2% contro 58,2%).


Imprenditori il cui profilo è cambiato dall’emergenza Covid

Da marzo 2020 la quota di dipendenti divenuti imprenditori è aumentata di oltre 7 punti, passando dal 52% al 59,6%. Allo stesso tempo, il saldo dei disoccupati è diminuito di 5 punti, dal 23,2% al 18,2%.

status of business creators in Belgium

Coloro che hanno iniziato da marzo 2020 tendono ad essere più istruiti rispetto ai loro predecessori. In particolare, si registra un forte aumento dei laureati, la cui quota è passata dal 24,7% al 36,4% (vedere grafico sotto).

I titolari di un diploma universitario (1°, 2° o 3° ciclo) rappresentano più dei 2/3 dei creatori di impresa in Belgio (67,5%). Notevole l’incremento rispetto al periodo “pre-Covid” (+7 punti).

education of business owners in Belgium

Sebbene gli imprenditori siano più istruiti da marzo 2020 in Belgio, hanno anche meno esperienza. La percentuale di giovani laureati (<1 anno di esperienza professionale) sale a quasi il 20%, in crescita di 5 punti. Allo stesso tempo, c’è stata una diminuzione equivalente in quelli con più di 20 anni di esperienza.

professionnal experience of entrepreneurship at time of business creation

4/5 delle sole startup degli imprenditori. Solo il 5% degli imprenditori ha avviato la propria attività con 2 o più partner.

number of founders of belgian startups

Il 38,5% degli imprenditori avviano un’attività da soli dal Covid

Ancora più preoccupante, quasi il 40% dei fondatori di imprese ha avviato la propria attività da solo. Questa percentuale è aumentata notevolmente da marzo 2020, il che non è di buon auspicio per il futuro di queste attività. Circa 1/3 delle nuove strutture ha come dipendente solo il ragioniere. Ciò rivela un netto deficit negli aspetti non finanziari dell’avventura imprenditoriale.

L’affidamento a coach e consulenti è diminuito di 3 punti; ora solo 1 imprenditore su 10 ne fa affidamento. Questo è ancora più vero nelle organizzazioni di supporto imprenditoriale, che ora attraggono solo il 7,5% degli imprenditori.

Occorre quindi fare una riflessione accurata per raggiungere quel 38,5% di imprenditori che non si avvalgono di altri partner e quindi ipotecano le proprie possibilità di successo (si veda a questo proposito le nostre statistiche sulla sopravvivenza delle start up e l’importanza delle ricerche di mercato).

accompaniement of entrepreneurs when launching their startup (Belgium)

La mancanza di partner non può essere dovuta a precedenti esperienze imprenditoriali poiché la percentuale di neo-imprenditori rimane stabile. Più di 9 imprenditori su 10 non hanno mai avviato un’impresa prima.

percentage of first business creators in Belgian startups

Ciò non impedisce ai titolari di passare rapidamente alla realizzazione dei propri progetti. Infatti, per quasi 3/4 delle imprese in Belgio, tra l’idea e l’avvio effettivo dell’attività trascorre meno di un anno. Questa percentuale è leggermente più alta per le imprese create dopo marzo 2020 (73,1% contro 71,6%).

time needed from idea to business launch (Belgium)

Meno finanziamenti pubblici e più sostegno privato

statistics public funding startups in Belgium (before and after covid)

Il sondaggio mostra che oltre l’83% degli imprenditori non ha richiesto aiuti finanziari pubblici (cliccare sull’immagine per ingrandirla). Questa percentuale è leggermente aumentata dall’emergenza Covid.

Vediamo anche che quando vengono concessi gli aiuti, gli importi diminuiscono. Dal Covid, il 57% delle pratiche riguarda importi inferiori a 5000€, percentuale raddoppiata rispetto al periodo pre-Covid.

 

 


private funding of startups in Belgium (before and after covid)

Dall’emergenza Covid, l’utilizzo del sostegno finanziario privato è aumentato di 4 punti (cliccare sull’immagine per ingrandirla).

In termini di importi, la tendenza osservata è l’opposto del sostegno pubblico: gli importi ottenuti sono tendenzialmente aumentati dall’emergenza Covid. Da marzo 2020, nel 67% dei casi, il sostegno privato è superiore a 5000€. Prima di marzo 2020, questa percentuale era del 55,5%.

 

 

 

 

Tag:

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *