Earn money by answering our surveys

Register now!

Imprenditorialità: 7 differenze fondamentali tra uomini e donne

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Avviare un’impresa è un’avventura complessa. Lo studio che abbiamo condotto su 840 imprenditori europei mostra che esistono differenze fondamentali legate al genere. Ciò incide sulle dinamiche dell’imprenditoria femminile. Donne e uomini non fanno business allo stesso modo e questo ha conseguenze pratiche sulle loro possibilità di successo.

In questo articolo, riveliamo i risultati della nostra ricerca e delineamo soluzioni per affrontare queste differenze. Se sei un giornalista e desideri utilizzare alcuni dei marchi o ottenere maggiori informazioni, non esitare a contattarci al +32 2 347 45 86.

Sommario

Statistiche: le differenze tra imprenditoria femminile e maschile

  • Uomini e donne hanno motivazioni diverse per diventare imprenditori.  Le donne cercano flessibilità e autonomia più degli uomini (61,7% contro 54,2%). La loro creazione di attività è meno opportunistica poiché solo il 20,1% di loro dichiara di aver individuato un’opportunità sul mercato (contro il 32,7% per gli uomini)
  • Non ci sono differenze fondamentali nel sostegno tra uomini e donne. La maggior parte degli imprenditori non cerca sostegno (circa il 44%). Il commercialista resta il punto di riferimento n°1 e le organizzazioni di sostegno all’imprenditorialità attraggono meno di 1 imprenditore su 10.
  • Uomini e donne non si preparano allo stesso modo all’avvio della propria attività. L’attività preparatoria numero uno per le donne è la formazione specifica (43,3% contro 31,8% per gli uomini). Gli uomini cercano potenziali clienti (45,8%) e scrivono un business plan (42,5% contro il 34,6% delle donne).
  • Le ricerche di mercato sono svolte da circa 1/3 degli uomini e 1/4 delle donne.
  • Le donne imprenditrici sono molto meno esperte rispetto alle controparti maschili: il 37,5% ha meno di 3 anni di esperienza contro il 25,7% degli uomini.
  • L’82,5% delle donne avvia un’attività da sole (rispetto al 69,8% degli uomini)
  • Gli uomini si considerano più imprenditoriali delle donne (84,7% degli uomini contro il 72% delle donne)
  • Gli uomini hanno molta più fiducia nel futuro rispetto alle donne (48,2% delle donne contro 64,7% degli uomini)
  • Gli uomini sono chiaramente più fiduciosi nel successo della loro azienda rispetto alle donne: 72,4% contro 65,3
  • Tra gli imprenditori ci sono molte più donne disoccupate che uomini: 25,9% contro 16,9
  • Le donne hanno 3 volte in meno di probabilità degli uomini di aver già tentato di creare un’impresa: solo il 5,3% delle donne aveva già creato un’impresa contro il 18,4% degli uomini

analysis banner

Analisi

Lo studio rivela differenze significative nell’imprenditorialità femminile e maschile. Se era prevedibile che le motivazioni per avviare un’impresa differissero tra uomini e donne, ciò che il nostro studio rivela è che le differenze sono più profonde. Influenzano il quadro dell’attività imprenditoriale così come la personalità.

Questi fattori si sommano e possono essere visti, alla fine, come ostacoli all’imprenditoria femminile.

Oltre alla mancanza di fiducia delle donne rispetto agli uomini, l’imprenditoria femminile presenta caratteristiche tali da ridurre le possibilità di successo delle imprese create:

  • le donne hanno maggiori probabilità di essere imprenditrici individuali e di associarsi meno degli uomini
  • solo 1 donna su 20 ha una prima esperienza imprenditoriale (rispetto a 1 uomo su 5)
  • le donne hanno meno esperienza professionale quando iniziano la loro attività

Il percorso imprenditoriale è lastricato di difficoltà. La resilienza è spesso citata come una qualità essenziale per il successo e, più prosaicamente, per la sopravvivenza dell’azienda. Saper circondarsi è quindi fondamentale per superare le difficoltà dell’imprenditorialità ed evitare di arrendersi tra gli imprenditori solisti.

Crediamo quindi che vada svolto un lavoro approfondito per sensibilizzare le donne all’importanza di circondarsi. Il ricorso alla consulenza esterna dovrebbe essere reso più accessibile, così come la ricerca di un partner.

Ciò consentirebbe di riunire più competenze attorno al progetto e di individuarne i punti deboli e i punti di forza a monte (in particolare tramite studi di mercato e business plan a cui le donne ricorrono meno degli uomini).

1. Uomini e donne hanno motivazioni diverse per diventare imprenditori

motivations of women and men entrepreneurs to start their businessLa prima lezione di questa ricerca è che le motivazioni per avviare un’impresa dipendono dal genere dell’imprenditore. Sono evidenti due differenze significative:

  • La prima motivazione delle donne è la ricerca di autonomia e flessibilità. Questa motivazione è quasi 3 volte superiore a chi si trova in 2° e 3° posizione.
  • Le donne sono meno motivate degli uomini dall’identificazione di un’opportunità nel mercato. C’è un differenziale di più di 12 punti tra uomini e donne

2. Sostegno: una debolezza strutturale a prescindere dal genere

accompaniement of entrepreneurs men and women who want to start their businessLa mancanza di sostegno riguarda entrambi i sessi. La maggior parte degli uomini e delle donne non è accompagnata nella creazione della propria impresa.

Per quanto riguarda l’imprenditoria femminile, la tabella seguente mostra che il sostegno è ancora più debole. Le donne ricorrono ancora meno a commercialisti (34,9% contro 38,7% per gli uomini) e consulenti esterni (14,5% contro 19,2% per gli uomini).

Questa mancanza di sostegno si riflette probabilmente già nei dati relativi alle attività pre-lancio (vedi paragrafo successivo).


3. Le donne hanno maggiori probabilità di formarsi rispetto agli uomini

activities carried out by entrepreneurs men and women before launching their businessÈ risaputo che prima di avviare un’attività bisogna prepararsi. Quello che rivela il nostro studio è che uomini e donne che sono imprenditori non si preparano allo stesso modo. Mentre gli uomini cercano principalmente potenziali clienti, le donne si formano: il 43,3% segue una formazione specifica nel proprio settore di attività futuro, il 21,2% riceve una formazione manageriale. A titolo di confronto, solo il 31,9% degli uomini segue una formazione specifica.

Tutti gli altri tipi di preparazione sono più comuni tra gli uomini che tra le donne: stesura di un business plan, ricerche di mercato, ricerca di finanziamenti pubblici, ricerca di un partner.

Come interpretare queste cifre?

Oggettivamente, il livello di istruzione delle donne nel nostro campione è pressoché uguale a quello degli uomini. Possiamo addirittura dire che le donne del nostro esempio sono più istruite poiché il 71,2% ha un titolo di studio universitario rispetto al 68,2% degli uomini.

La risposta a questa domanda è complessa e crediamo che sia una combinazione di fattori che spiegheremo di seguito.


4. Le donne si sentono meno sicure degli uomini

Questa è un’altra sorpresa di questa ricerca. Le donne sono chiaramente meno sicure degli uomini.

È la sindrome dell’impostore o una naturale tendenza alla cautela? Il fatto è che le donne sono più riservate degli uomini quando vengono interrogate sulle loro possibilità di successo. Gli uomini sono per il 72,4% fiduciosi o molto fiduciosi nel loro successo; donne 65,3%.

confidence of men and women entrepreneurs in the success of thir firm

Lo stesso vale quando alle donne viene chiesto della loro fiducia nel futuro. Il 64,7% degli uomini è molto fiducioso o fiducioso nel futuro, rispetto al 48,2% delle donne.

confience of men and women entrepreneurs in the future

Questa mancanza di fiducia può spiegare la necessità di una maggiore formazione.


5. Le donne che avviano un’attività in proprio hanno in media meno esperienza degli uomini

L’esperienza professionale è l’altro fattore esplicativo che proponiamo. Come mostra chiaramente il grafico sottostante, le donne che avviano la propria attività hanno meno esperienza professionale rispetto ai colleghi maschi: il 34,1% delle donne ha più di 10 anni di esperienza rispetto al 47,1% degli uomini.

Years of professional experience of entrepreneurs women and men when starting their business

Notiamo inoltre che la quota di donne con meno di 3 anni di esperienza professionale è di quasi 12 punti superiore a quella degli uomini (37,5% contro 25,7%).

Oggettivamente, le donne hanno anche meno esperienza di imprenditorialità. Quasi il 95% di loro avvia un’impresa per la prima volta, rispetto all’81,6% degli uomini.

Percentage of first-time entrepreneurs among men and women

Questa mancanza di esperienza può essere un fattore primario nella necessità delle donne di ulteriore formazione.


6. Le imprenditrici possono contare solo su se stesse

Le donne hanno maggiori probabilità di essere imprenditrici individuali rispetto agli uomini. L’82,5% delle donne sono imprenditrici indipendenti (rispetto al 69,8% degli uomini) e hanno quasi la metà delle probabilità di avere un partner rispetto agli uomini (12,4% rispetto al 22,9%). Dal momento che possono contare solo su se stessi, possono sentire un maggiore bisogno di formazione ad hoc.

number of associates at the time of form creation


7. Si sentono meno “imprenditoriali” degli uomini

Un’ultima possibile spiegazione deriva dalla percezione che le donne hanno del loro “spirito imprenditoriale”. Quando le interroghiamo su questo punto, le imprenditrici percepiscono il loro spirito imprenditoriale meno degli uomini. Questo è quantomeno paradossale perché alla fine tutte le persone intervistate avevano iniziato la loro attività.

meadure of entrepreneurial spirit among men and women entrepreneurs

Perché le donne dovrebbero dubitare delle loro capacità?


Metodologia

Un sondaggio online è stato condotto tra il 2 aprile 2021 e il 24 giugno 2021 tra 840 imprenditori in Europa.

L’indagine è stata condotta in collaborazione con IFJ (Svizzera), Formalizi (Francia), UCM (Belgio) e Hub.Brussels (Belgio).

358 donne e 482 uomini hanno risposto al sondaggio, ovvero una distribuzione del 42,6% / 57,4%
Il 29% degli intervistati aveva avviato la propria attività prima del covid e il 71% dopo.
Il 33,2% degli intervistati aveva avviato la propria attività prima del covid, il 66,8% dopo.

 

 

Tag:

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *