Earn money by answering our surveys

Register now!

Che cos’è il cybersquatting e come proteggerlo?

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Il cybersquatting è una pratica diffusa su Internet. Mira a sfruttare un marchio o la notorietà di una persona per attirare utenti sulla sua pagina. È un processo basato sugli errori di battitura trovati negli URL dei siti Web dei domini presi di mira. Esistono diversi tipi di cybersquatting, tutti con obiettivi diversi e conseguenze legali più o meno gravi. Tra le aziende prese di mira da questa pratica, troviamo nomi come Microsoft, eBay e persino Donald Trump.


 

Contattaci per la tua strategia di inbound marketing

 


Sommario

 


Capitolo 1

La definizione di cybersquatting

Il Cybersquatting è l’uso illegale di nomi di dominio simili a marchi. Qualsiasi persona, persona fisica o giuridica, può esserne vittima:

  • Marchi con finalità commerciali
  • Associazioni
  • I nomi di personaggi famosi sono soggetti ad attacchi informatici

Il cybersquatting riunisce diversi concetti che puoi utilizzare in vari campi. Il nome “cybersquatting” deriva dalla parola inglese “squat”. Nel dominio ICT, il termine si riferisce solo all’occupazione abusiva di nomi a dominio che i loro proprietari originari non hanno registrato. Questa pratica è condannabile perché mina un marchio per profitto e visibilità online.

Contattaci per ricercare la notorietà della tua organizzazione


Capitolo 2

3 diversi tipi di cybersquatting

Come accennato in precedenza, questo processo combina molte pratiche per acquisire il traffico di un dominio. Ecco i 3 tipi più comuni di squatting online.


Errori di battitura squatting

Uno dei tipi più comuni di cybersquatting è lo squatting di battitura. Qui, il cybersquatter acquista di proposito nomi di dominio noti con errori di ortografia. L’idea è quella di creare un sito Web falso che i visitatori visiteranno quando commettono un errore di battitura. Più lungo è un nome di dominio, più vi sono possibili ortografie. Pertanto, avere un nome breve è una buona pratica per ridurre i rischi associati al cybersquatting.

Molte aziende hanno affrontato il problema e recuperato i diritti dei domini contestati. Li fanno reindirizzare al loro sito Web principale, che consente loro di ottenere traffico naturale qualificato. L’applicazione più comune di typo squatting (errori di battitura) è la visualizzazione di collegamenti pubblicitari con lo stesso tema del marchio target.


Acquisizione di domini

Questa è una delle forme più tipiche di cybersquatting. Consiste nella registrazione di un nome di dominio per venderlo al suo legittimo proprietario. E oltre al semplice nome di dominio, c’è anche il problema dei TLD (domini di primo livello). Ad esempio, il TLD per il sito Web intotheminds.com è .com.

La negoziazione diretta è necessaria se un cybersquatter registra il tuo nome di dominio prima che tu possa rinnovarlo. Si consiglia di dedicare parte del proprio budget all’acquisto preventivo di nomi a dominio simili.


Gripe sites (Siti di lamentela)

I siti web Gripe fanno parte del dibattito sulla libertà di espressione. In effetti, esistono per criticare ogni sorta di cose:

  • Alcuni personaggi pubblici: uomini d’affari, politici, atleti di alto livello e così via.
  • Strutture: aziende, organizzazioni, partiti politici e così via.

A seguito di una denuncia di Jerry Falwell contro Christopher Lamparello, la giustizia darà ragione al cybersquatter. L’ha pagato il reverendo americano Jerry Falwell nel 2005: è il caso Lamparello v. Falwell. In effetti, il sito web fallwell.com ha usato il suo nome scritto male per confutare le accuse di omofobia. Per causa, nessun elemento commerciale è apparso sul sito Web con errori di ortografia. Non ha violato nessun marchio.

 


Capitolo 3

3 modi per combattere il cybersquatting

Il campo delle possibilità è vasto per gli squatter. Ecco perché è necessario intervenire a monte e a valle per mantenere il controllo sulla propria immagine di marca.


Fai più attenzione ai nomi di dominio simili al tuo

Come regola generale, la prima cosa da verificare è se il nome di dominio rimanda a un sito web. Se il nome di dominio è in “vendita” o “in costruzione”, è sicuramente un cybersquatter. Questo vale anche per le pagine composte principalmente da pubblicità di prodotti/servizi legati al tuo marchio.


Entra in contatto diretto con il proprietario del dominio con cui hai problemi

Determina se esiste una spiegazione logica per l’utilizzo del nome di dominio o se il registrante è disposto a venderti il nome. Prima di trarre qualsiasi conclusione, contattare il titolare del nome a dominio. A volte l’obiettivo del titolare del dominio non è il cybersquatting. Pertanto, prima di andare in tribunale, dovresti considerare di parlare direttamente con il proprietario del dominio.

cybersquatting contatto

In caso di cybersquatting, non esitate a contattare il responsabile di questo inconveniente.


Enregistrer la marque pour prévenir tout risque de cybersquat

Appena possibile, registra il marchio dell’azienda. Solo i proprietari del marchio sono protetti. Questo è essenziale per garantire la protezione normativa. Oggi ci sono i servizi di tutela del marchio che si occupano delle pratiche burocratiche:

  • Nova Graaf
  • Boip
  • CSC
  • ecc.

Capitolo 4

2 esempi noti di cybersquatting

Concludiamo questo articolo citando 2 casi noti che hanno plasmato il volto del cybersquatting. Gli esempi di Microsoft e Donald Trump mostrano una realtà sorprendente. In effetti, le più grandi aziende e personalità di questo mondo non sono immuni dalle campagne di cybersquatting.


Microsoft davanti a un giovane studente

Mike Rowe ha creato MikeRoweSoft.com nel 2003 per commercializzare i suoi servizi di web design. Lo ha fatto a causa del gioco di parole fonetico che suonava come “Microsoft”. Tuttavia, poiché il dominio poteva essere confuso foneticamente con Microsoft.com, la grande azienda gli ha chiesto di trasferire il nome di dominio. Dopo un’importante reazione pubblica contro l’azienda, hanno raggiunto un accordo extragiudiziale.

cybersquatting Microsoft

Microsoft, il gigante americano dell’informatica, ha subito a sua volta gli effetti del cybersquatting.

Durante la notte, il caso ha fatto notizia a livello internazionale. Il sito Web di Rowe ha ricevuto 250.000 visite in 12 ore ed è stato così sopraffatto dal traffico che è stato necessario spostarlo su un nuovo fornitore di servizi, che si è offerto volontario per ospitare il sito gratuitamente. Risolveranno il caso in via extragiudiziale. Tra l’altro, lo studente canadese riceverà una console Xbox, il premio della pace e del controllo per Microsoft.


Anche Donald Trump non è esente al cybersquatting

Un giudice ha stabilito che un uomo di Brooklyn che aveva registrato nomi di dominio simili a quelli di Donald Trump. J. Taikwok Yung, che si descrive come un “dominio”, ha creato quattro siti web per parodiare l’ex presidente. L’importo richiesto era di $ 32.000 di danni, mentre Donald Trump ha chiesto $ 400.000. Questo è un tipico caso di un sito web di lamentela.

cybersquatting Donald Trump

Aziende, politici, uomini d’affari: tutti possono essere vittime di cybersquatting (fonte: Shutterstock)

Il Cybersquatting Consumer Protection Act, definisce questo fenomeno come “la registrazione di marchi noti come nomi di dominio da parte di proprietari non di marchi che poi tentano di rivendere i domini ai proprietari di marchi”.

Tag:

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *