22 Settembre 2023 794 parole, 4 lettura minima

Il 75% dei backlink proviene da traduzioni [Ricerca]

Di Pierre-Nicolas Schwab Dottorato di ricerca in marketing, direttore di IntoTheMinds
Scoprite in questa ricerca se dovreste investire nella traduzione dei vostri contenuti per ottenere backlink. Basandoci su un sito web con un Domain Ranking (DR) di 58, dimostriamo che 3/4 dei link vengono effettuati verso pagine tradotte e che il 72,7% dei backlink sono nella stessa lingua della pagina di origine.

La questione è legittima: Dovreste tradurre il vostro sito web o blog per aumentare il numero di backlink? Per rispondere a questa domanda, ho analizzato singolarmente tutti i backlink buoni (do-follow, DR>20) del mio sito web. Oltre al tipo di contenuto che ha generato questi backlink, ho osservato anche la lingua del sito web di riferimento e la lingua della pagina a cui puntava il backlink. Poiché questo blog è tradotto in 6 lingue, avevo bisogno di capire se il mio investimento era sensato.

Contatta l’agenzia di marketing IntoTheMinds

  • Il 75% dei backlink punta a una traduzione in una delle seguenti 5 lingue: Inglese, italiano, spagnolo, tedesco, olandese
  • Le pagine francesi rappresentano il 25% dei miei backlink
  • Il 72,7% dei siti web rimanda a una pagina nella stessa lingua
  • Il 97,2% dei siti web in lingua inglese rimanda ad altri siti web in lingua inglese.
  • Il 91,4% dei siti web francesi rimanda ad altri siti web francesi.
  • Solo l’1,89% dei backlink proviene da una pagina con un Domain Ranking >20

Tradurre contenuti è un processo costoso e complesso. Ne faccio esperienza quotidianamente con il mio blog, che ho deciso di tradurre in diverse lingue molto presto.  Ho iniziato con una lingua (il francese), poi ho aggiunto l’inglese e l’olandese (perché la mia azienda opera nel BeNeLux). Nel 2021 ho aggiunto lo spagnolo, poi il tedesco e l’italiano nel 2022. Queste traduzioni costano circa 20.000 euro all’anno. Per sapere se l’investimento vale la pena, vi propongo di seguirmi nell’analisi dei miei backlink.

link building - backlinks


Come analizzare la lingua dei backlink? Per condurre questa analisi, ho utilizzato Ahrefs. Ho estratto l’elenco di tutti i backlink do-follow provenienti da un dominio con un Domain Ranking (DR) superiore a 20 negli ultimi 6 mesi (questo è lo storico massimo previsto dal mio abbonamento ad Ahrefs). Ho incluso solo i link nei contenuti per evitare di considerare le link farm che inseriscono link nelle immagini.

Infine, ho esportato questo elenco di 340 backlink e ho analizzato ogni link per determinare la lingua della pagina che lo collegava e la lingua della pagina del mio sito web a cui il link rimandava.


32 backlink rimandavano direttamente al mio sito web principale (senza indicazione della lingua). Pertanto, li ho messi da parte nell’analisi e le cifre seguenti sono calcolate su 308 backlink do-follow, in-content con un Domain Ranking di 20 o più.

Sebbene il mio blog sia originariamente francofono, l’inglese domina i backlink. Il 67% dei backlink con DR>20 rimanda alla traduzione inglese del mio sito. Il francese è al secondo posto (25%), seguito da olandese (3,6%), italiano (1,9%), spagnolo (1,3%) e tedesco (1%).

répartition des backlinks en fonction de leur langue

Sono rimasto piuttosto sorpreso dal punteggio ottenuto dall’olandese. Mi ha sorpreso generare molti backlink interessanti per una lingua relativamente rara. D’altra parte, le quote per lo spagnolo, l’italiano e il tedesco rimangono deludenti, anche se è vero che ho aggiunto queste traduzioni di recente (2021-2022). Ho tradotto solo una piccola parte del blog in queste lingue, ed è qui che sta il problema. Come spesso accade nel SEO, i risultati arrivano a lungo termine


Se si vuole attaccare la SEO in un determinato paese, si DEVE scrivere nella lingua di quel paese.



Il 72,7% delle pagine rimanda a una pagina nella stessa lingua

È interessante anche analizzare se i siti web qualitativi preferiscono aggiungere un backlink a una pagina nella stessa lingua della propria. La risposta è sì: il 72,7% dei siti web preferisce la stessa lingua, e questo vale per tutte le lingue:

  • Francese: 91.4%
  • Inglese: 97.2%
  • Italiano, olandese, tedesco, spagnolo: 74.2%.

La conclusione è chiara. Se si vuole attaccare la SEO in un determinato Paese, si DEVE scrivere nella lingua di quel Paese. Questa conclusione sembra ovvia, eppure ho visto molti clienti i cui contenuti (sito web, blog) dovevano essere tradotti nella lingua del paese in cui erano presenti. È un errore spesso commesso dalle aziende che esportano in un nuovo Paese. Eppure, come ho dimostrato in questa ricerca, ci sono molte opportunità SEO in lingue diverse dall’inglese.


Se il vostro budget per le traduzioni è limitato, traducete solo in inglese.


Continuerò a investire nelle traduzioni?

Per l’inglese, la discussione non si pone nemmeno. Quasi 2/3 dei miei backlink sono in inglese. Quindi, è un ottimo investimento. Se il vostro budget per le traduzioni è limitato, traducete solo in inglese.

Per le altre lingue, i risultati sono più contrastanti. L’italiano, l’olandese, il tedesco e lo spagnolo rappresentano appena l’8% dei miei backlink qualitativi. Nel caso dell’olandese, ciò è dovuto al numero limitato di siti web in lingua olandese. Per ottenere un buon posizionamento nella lingua in questione (e per essere trovati nei motori di ricerca), è necessario attendere un maggior numero di articoli tradotti nelle altre lingue.

Quindi, continuerò a investire in traduzioni qualitative, ma mi limiterò alle 6 lingue attuali. Non vedo la necessità di aggiungere nuove lingue, poiché ciò esulerebbe dall’ambito geografico delle nostre attività di ricerca di mercato.



Posted in Ricerca.

Pubblica la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *