Earn money by answering our surveys

Register now!

YouTube ti consente di eliminare la cronologia delle tue ricerche e dei video che hai guardato

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Finalmente, un significativo progresso nell’algoritmo di raccomandazione di YouTube! Gli utenti, ora, hanno la possibilità di eliminare la cronologia delle ricerche effettuate e dei video riprodotti o sospendere la raccolta dei dati. Per quanto ne sappiamo, questa è la prima volta che un web player così vitale ha permesso all’utente di influenzare i risultati che gli vengono offerti. Questo è un passo positivo nella ricerca di una maggiore trasparenza e una migliore gestione dei dati.

Sommario

5 proposte per algoritmi migliori

  1. Informare: sull’esistenza di algoritmi
  2. Disabilitare: consente all’utente di disabilitare gli algoritmi
  3. Eliminare: consente di eliminare i dati e, quindi, di riavviarli su una pagina vuota
  4. Autorizzare: l’utente può perfezionare il funzionamento dell’algoritmo
  5. Mostrare: gli effetti dell’algoritmo

L’algoritmo di raccomandazione di YouTube aumenta l’utilizzo

Secondo Neal Mohan, le raccomandazioni sono responsabili del 70% delle visualizzazioni dei video su YouTube. Il sistema di consigli di YouTube è, forse, il migliore al mondo. Ho espresso la mia ammirazione per gli sforzi di YouTube in un articolo pubblicato nel 2017. Tuttavia YouTube rimane molto opaco su come funzionano i suoi algoritmi. Ad esempio, l’azienda non ha presentato la sua ricerca alla conferenza RecSys e, anche la sua vicinanza a Google, solleva dubbi sul fatto che i dati personali utilizzati possano essere raccolti al di fuori del perimetro di YouTube.

Le raccomandazioni di YouTube generano il 70% dell’utilizzo della piattaforma

Riguadagnare la fiducia dell’utente riguardo alla personalizzazione algoritmica

Quasi quattro anni fa, ho chiesto una rivoluzione nella progettazione dei motori di raccomandazione. L’utente deve essere al centro dell’attenzione; la sua fiducia deve essere riconquistata, dissi allora. Un modo per farlo era restituire il controllo all’utente. Sono stato piacevolmente sorpreso di vedere che YouTube aveva introdotto due nuove funzionalità che erano in questa direzione: la rimozione completa della cronologia delle ricerche e della visualizzazione dei video, da un lato, e la sospensione della registrazione della cronologia dei consumi, dall’altro (vedi screenshot sotto).

Gli algoritmi di raccomandazione non ti dimenticano mai

Per quanto ne so, YouTube è il primo degli “attori principali” a introdurre tale possibilità. A pensarci bene, la situazione è abbastanza assurda: la maggior parte dei siti principali (Google, Facebook, LinkedIn, Netflix) utilizzano algoritmi di raccomandazione per aumentare le proprie prestazioni. Tuttavia nessuno offre la possibilità di:

  • ripristinare la cronologia e ricominciare da zero
  • navigare in modo “anonimo”, cioè, senza essere soggetti a raccomandazioni algoritmiche

Il 62,5% degli utenti di Facebook non sa che le informazioni possono essere nascoste dall’algoritmo

Facebook: un algoritmo che non si può disabilitare

Prova, ad esempio, a disabilitare l’algoritmo di Facebook che sceglie quali notizie mostrarti e quali nascondere. La maggior parte degli utenti di Facebook non sa che l’algoritmo ti sta nascondendo dei contenuti. Eppure, il 90% di ciò che pubblicano i tuoi amici rimane “nascosto”. Esiste, quindi, un legittimo interesse a voler disabilitare un algoritmo che ti priva di contenuti, tuttavia questa possibilità non esiste. Questo, porta a un effetto piuttosto frustrante che, probabilmente, hai già sperimentato: vedi contenuti che ti interessano nel tuo feed di Facebook, nel frattempo, clicchi su qualcos’altro e, quando torni, l’algoritmo ha funzionato e non puoi più recuperare il contenuto che avevi individuato pochi secondi prima.

In un mondo ideale, sarebbe necessario…

In un mondo ideale, tutti dovrebbero poter uscire dalla bolla in cui vivono per scoprire un mondo diverso. Non sto dicendo che queste bolle siano il risultato di algoritmi. Ad oggi, non ci sono prove scientifiche ma sarebbe necessario poter disconnettere, di volta in volta, gli algoritmi per potersi confrontare con un mondo digitale “in disordine”, indifferenziato, dove il caos torna ad essere fonte di scoperte; serendipità se vuoi.
Il mio manifesto per un mondo algoritmico migliore è il seguente:

  1. informare in modo proattivo l’utente sulla presenza di meccanismi di raccomandazione algoritmica
  2. consentire agli utenti di disabilitare gli algoritmi di raccomandazione
  3. lasciare che la cronologia utilizzata dall’algoritmo produca le raccomandazioni da cancellare
  4. consentire all’utente di manipolare alcuni parametri per perfezionare i suoi consigli
  5. mostrare la differenza tra contenuto personalizzato algoritmicamente e contenuto standard
Tag:,

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *