16 Ottobre 2020 1366 parole, 6 lettura minima

Ricerche di mercato: vendita di prodotti sfusi e mercato a rifiuti zero

Di Pierre-Nicolas Schwab Dottorato di ricerca in marketing, direttore di IntoTheMinds
Molti movimenti sociali puntano il dito contro la nostra impronta ambientale. Per fare l’esempio della città di Bruxelles: le proteste per il clima sono state organizzate una volta alla settimana per diversi mesi all’inizio del 2019. Il comportamento dei consumatori […]

Molti movimenti sociali puntano il dito contro la nostra impronta ambientale. Per fare l’esempio della città di Bruxelles: le proteste per il clima sono state organizzate una volta alla settimana per diversi mesi all’inizio del 2019. Il comportamento dei consumatori sta seguendo questa tendenza poiché sempre più consumatori stanno iniziando a fare acquisti nei negozi “zero rifiuti”. I consumatori, infatti, stanno diventando sempre più consapevoli della propria impronta ambientale e delle proprie responsabilità al riguardo, portandoli a interrogarsi sul modo in cui consumano beni e servizi.

Se avete solo 30 secondi

  • Il primo partecipante al mercato mondiale è stato Bulk Barn in Canada nel 1982.

In Europa

  • Il primo punto vendita di prodotti sfusi d’Europa è stato aperto a Londra nel 2007.
  • La Commissione Europea ha dichiarato che gli imballaggi in plastica immessi sul mercato europeo devono essere riutilizzabili o facilmente riciclabili entro il 2030.

In Francia

  • 400 punti vendita per l’acquisto di prodotti sfusi
  • Il mercato dei prodotti sfusi è aumentato del 41% tra il 2018 e il 2019
  • 1,2 miliardi di euro di fatturato nel 2019
  • Il 40% delle famiglie francesi acquista prodotti sfusi
  • 5% di quota di mercato

In Belgio

  • 300 punti vendita biologici/di prodotti sfusi/locali
  • La maggior parte dei punti vendita si trova nei centri cittadini.

In Germania

Nel 2015, la ricerca ha rivelato che:

  • L’82% sarebbe pronto ad acquistare senza imballaggio
  • Il 70% degli intervistati non è disposto a pagare di più per questi prodotti
  • Il 52% è disposto a viaggiare ulteriormente

Sommario

Covid-19 e il mercato degli acquisti all’ingrosso

Durante il lockdown, solo il 22% dei francesi acquistava prodotti sfusi (rispetto al 40% in tempi normali). Secondo una ricerca condotta a metà maggio 2020 da Reseau Vrac su 4.400 famiglie francesi, ecco le ragioni:

  1. 42% perché i negozi e i punti vendita erano inaccessibili
  2. Il 29% si è organizzato in modo diverso per fare la spesa durante il lockdown (si ricordi che i servizi Click & Collect e la consegna a domicilio hanno visto un aumento significativo delle visite durante il lockdown)
  3.  21% perché non erano fiduciosi (durante il covid-19)

Secondo lo stesso studio, Bulk ha infatti subito un rallentamento durante il lockdown. Didier Onraita, co-fondatore di Day by day, la più grande catena di vendita di prodotti sfusi in Francia, afferma tuttavia che il marchio ha continuato a crescere con un fatturato in aumento rispetto al 2019.

Mentre le vendite di prodotti sfusi sono rallentate, il 75% dei produttori belgi ha visto aumentare o stabilizzarsi il proprio reddito durante il lockdown, segno chei consumatori hanno iniziato a raccomandare la filiera corta. Va notato, tuttavia, che questa tendenza non è durata, la situazione è stata nuovamente invertita intorno a giugno 2020 per tornare allo stato pre-crisi.

I rivenditori di prodotti sfusi e a rifiuti zero

Prodotti acquistati sfusi (ConsoGlobe)

  • Semi oleosi: 58% delle famiglie
  • Frutta secca: 51%
  • Legumi: 30%
  • Semi: 29%
  • Cereali e riso: 25%

Sempre più negozi e ristoranti, indipendentemente dalle loro dimensioni, acquistano da produttori locali. Molti di loro offrono servizi come Click and collect o consegna a domicilio, sia B2B che B2C, per vendere i loro prodotti settimanali e tutto questo senza imballaggio.

Food Link, fast food prônant le circuit court.Ad esempio, il piccolo ristorante vegano FoodLink, situato nel centro di Mulhouse in Francia, propone piatti non solo biologici e vegani, ma soprattutto preparati con ingredienti dell’orto dei proprietari o dei produttori vicini. Naturalmente, alcuni rifiuti vengono ancora prodotti quando si confezionano panini o piatti, ma alcuni rivenditori fanno un passo avanti.


Dove trovare in vendita prodotti sfusi?

  • Nei negozi specializzati nella vendita di prodotti senza imballaggio
  • Nei punti vendita biologici (l’88% ha un reparto di prodotti sfusi)
  • In alcuni supermercati attrezzati

La tendenza sta esplodendo e i negozi che offrono prodotti senza imballaggio stanno aprendo ovunque. Tuttavia, è fondamentale sottolineare che questi negozi rappresentano solo una piccola quota del mercato della vendita alimentare (5% in Francia, rispetto al 45% dei punti vendita biologici e al 50% dei supermercati tradizionali).

Questi ultimi si possono trovare con nomi diversi: negozi a rifiuti zero, negozi di prodotti sfusi o prodotti “nudi”, ma tutti hanno lo stesso obiettivo: vendere prodotti senza imballaggio e confezionamento. Troverete tutti i rivenditori di prodotti sfusi attivi sul territorio francese qui.

Come funziona un “Negozio di prodotti sfusi”?

I consumatori portano i loro contenitori e si servono direttamente in negozio (pasta, lenticchie, frutta, verdura, caffè, tè e altro). Pesano i loro acquisti alla cassa e pagano. Quando verranno la prossima volta, porteranno senza dubbio lo stesso contenitore di vetro e quindi eviteranno di produrre rifiuti.

rayon de vente en vracGramm.genau a Francoforte, in Germania, è un ottimo esempio di negozio a rifiuti zero. Il rivenditore offre molti prodotti (alimentari, cosmetici, articoli da toeletta, prodotti per la casa e accessori) senza alcun imballaggio. La struttura ha inoltre aperto una caffetteria a spreco zero dove vengono venduti piatti e torte senza alcun imballaggio, il tutto utilizzando un modo di cucinare che vuole essere senza sprechi. Non troverai plastica lì.


È essenziale notare che i negozi a rifiuti zero non offrono solo prodotti alimentari senza imballaggi. La maggior parte di loro include nella loro offerta un’ampia varietà di prodotti per la casa, articoli da toeletta e cosmetici per adattarsi allo stile di vita dei loro consumatori. Anche i grandi rivenditori si stanno muovendo verso zero rifiuti (es. supermercati). Ad esempio, Lush, un marchio noto per i suoi articoli da toeletta e cosmetici naturali, ha aperto un negozio di prodotti “nudi” a Manchester nel gennaio 2019.

Negozi senza imballaggio in Belgio


Robuust, un punto vendita di prodotti sfusi, ha aperto i battenti nel 2013 ad Anversa (Belgio). Numerosi negozi (più di 300 fino ad oggi) stanno saltando sul carro anche in tutto il Belgio. Si veda il documento “Vivres en vrac” cioè “Cibo sfuso”, pubblicato nel 2015 dall’associazione senza scopo di lucro ERU (Études et Recherches Urbaines) con la partecipazione di Brussels Environment.

Lo spreco zero del Click and collect

Prima di tutto, quando si tratta di ordini da asporto, molti snack bar e altri fast-food sono disposti a riempire un contenitore Tupperware con le loro preparazioni piuttosto che utilizzare vassoi per alimenti. Potete sicuramente provarlo la prossima volta che ordinate un panino o un piatto pronto dal forno: portate il vostro contenitore.

Un’altra iniziativa è stata lanciata nel sud-ovest della Francia, a Tolosa.Questo concetto è chiamato “Naked drive” ed è stato sviluppato presso i negozi di prodotti sfusi. Il “Naked drive” è un classico Click and collect: si ordina online, il team prepara l’ordine, si guida al punto di raccolta dei prodotti e si ritira ordine. L’unica differenza significativa con il tradizionale Click and collects è che non si butta via niente, né i contenitori nè gli imballaggi: niente si butta. I prodotti vengono conservati in barattoli di vetro o altri contenitori riutilizzabili. Il team “naked drive” si occupa di ottenere tutti i contenitori di cui si ha bisogno per il primo ordine. Naturalmente, si può conservare e riutilizzare questi contenitori o riportarli al “Naked drive” la volta successiva, in modo da poter ritirare un voucher. Il team si occuperà poi di pulire i contenitori prima di rimetterli in circolazione.


Anche qui si troverà non solo cibo e bevande, ma anche una vasta gamma di articoli di uso quotidiano come articoli da toeletta, cosmetici, prodotti per la casa, accessori e così via.

I servizi a rifiuti zero

Per quanto riguarda i servizi, è un po’ più complicato trovare il ‘zero waste’ come filo conduttore o argomento di marketing. Tuttavia, si stanno affermando le aziende del settore ‘Eventi orientate allo zero waste’. Abbiamo già tutti notato come gli eventi producano molto spreco, siano essi eventi professionali, fiere, corsi di formazione o anche compleanni, matrimoni e riunioni di famiglia. L’obiettivo di queste agenzie di eventi a rifiuti zero è garantire che l’evento in questione sia organizzato con l’esatta quantità di mobili richiesta e garantire che l’acquisto, l’imballaggio e il riciclaggio siano gestiti in modo efficace per ridurre al minimo l’impatto ambientale dell’evento.

Anche alcune società di servizi stanno iniziando a promuovere le loro attività come rifiuti zero. Ad esempio, queste società offrono servizi di portineria a rifiuti zero e servizi di gestione dei locali. Non ti dirò che sono facili da trovare, ma esistono.

Illustration images: Shutterstock



Posted in Marketing.

Pubblica la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *