Earn money by answering our surveys

Register now!

Marketing: a cosa servirà davvero il metaverso per i brand?

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Quale interesse avranno i brand nell’investire nel metaverso? Credo che alla fine il metaverso sarà solo un altro canale di marketing come i social network o il web 2.0. Ma aprirà un nuovo mercato per vendere esperienze che non sono disponibili nel mondo reale. Il mercato della pornografia potrebbe benissimo vivere una rivoluzione tecnologica grazie ad esso.

Cosa non sarà il metaverso

Per i motivi che ho delineato in questo articolo, non credo che il metaverso possa diventare un fenomeno globale allo stesso modo di Facebook. Gli attriti con il mondo reale sono troppo numerosi e il passaggio dal mondo reale a un metaverso di realtà virtuale è troppo complicato.

È, quindi, illusorio vedere 3 miliardi di persone che camminano nel metaverso. Quest’ultimo rimarrà appannaggio di specifici pubblici e coprirà 2 tipologie di esigenze di marketing:

  • Il primo, già esistente, ruota attorno alla musica e alle esperienze mediatiche;
  • Il secondo, ancora da creare, proporrà esperienze impossibili nel mondo reale

Fan, il segmento di clientela più evidente

Alcune esperienze multisensoriali possono essere organizzate esclusivamente nel metaverso. In qualità di esperto uomo d’affari, Snoop Dog ha già investito in una villa virtuale dove i fan possono essere invitati a un concerto privato. Questo è probabilmente lo sviluppo più importante nel metaverso. La tecnologia è disponibile, gli spettacoli virtuali sono già stati realizzati e i fan sono disposti a pagare.

terrain carrefour dans le metavers The Sandbox

Screenshot del video pubblicato da Carrefour su Twitter. Crediti: Twitter


Vivi o rivivi esperienze irraggiungibili nel mondo reale

Il metaverso è un universo pieno di promesse per coloro che vogliono vivere esperienze inaccessibili nel mondo reale. Questo è, credo, il suo aspetto più promettente.

Il proibito diventerà un nuovo campo di esplorazione, con ulteriori domande etiche sulla responsabilità nel virtuale. Al di là dei riprovevoli eccessi, i divieti morali della società reale saranno il culmine del metaverso. Il mercato della pornografia subirà un’interruzione tecnologica con la democratizzazione prima delle cuffie per realtà virtuale e poi delle tute aptiche.

Il metaverso sarà anche un rifugio per ingannare la morte. Nel nostro articolo sui deadbot, abbiamo già fornito alcuni esempi interessanti di una possibile vita digitale dopo la morte. L’esperimento condotto in Corea del Sud (vedi video sotto), per quanto pionieristico e inquietante, potrebbe diventare un luogo comune. Il rallentamento degli effetti del tempo è diventato un mercato vastissimo (cosmesi, chirurgia plastica). Le esperienze virtuali post mortem potrebbero rappresentare un enorme mercato se la tecnologia seguisse la stessa lunghezza d’onda. Ci vorranno infatti algoritmi molto avanzati e un’immensa potenza di calcolo per dare vita ai nostri morti e consentire loro di interagire realisticamente con i vivi. Meta sta già anticipando questo vincolo con la costruzione del suo supercalcolatore.

3 esempi di acquisti recenti nel metaverso

  • Carrefour ha acquistato un lotto virtuale su The Sandbox per un importo sconosciuto. Lo ha annunciato il direttore marketing su Twitter (vedi sopra).
  • Republic Realm ha acquistato un terreno virtuale per 4,3 milioni di dollari su The Sandbox.
  • Snoop Dogg ha acquistato una villa nel metaverso e, cosa ancora più incredibile, qualcuno ha speso oltre $ 450.000 per acquistare la terra virtuale accanto alla sua.

Il metaverso, un nuovo territorio di marketing

Attraverso le applicazioni specifiche che offre, il metaverso diventerà un territorio di marketing a sé stante. Questo territorio sarà utilizzato da consumatori tecnofili, istruiti e con maggiore potere d’acquisto. I marchi dovranno sviluppare tattiche per connettersi. Lo hanno fatto nel mondo digitale (internet) e dovranno farlo di nuovo nel metaverso.

Tuttavia, dobbiamo chiederci se dobbiamo investire nel metaverso in questo momento. Le aziende che spendono cifre folli per acquisire terreni nei metaversi dovrebbero pensarci due volte. Capisco il loro FOMO (Fear Of Missing Out), ma sembra che il metaverso debba ancora assumere una forma più precisa per confermare le opportunità di business che rappresenterà. Nonostante le stime di crescita del 31% all’anno fino al 2028 e la dimensione del mercato di 800 miliardi stimata da Goldman Sachs, quindi tutto è ancora molto incerto.

 

Tag:,

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *