29 Settembre 2023 1169 parole, 5 lettura minima

E-commerce: tendenze preoccupanti per il 2023-2024

Di Pierre-Nicolas Schwab Dottorato di ricerca in marketing, direttore di IntoTheMinds
La situazione per i rivenditori di e-commerce non è più positiva come un tempo. Il rallentamento è evidente, ma non riguarda tutti i settori allo stesso modo. In questo articolo proponiamo una sintesi delle ultime statistiche sull'e-commerce. Inoltre, tracciamo un parallelo con un sondaggio condotto tra i responsabili dell'e-commerce.

Una volta l’e-commerce era una parola magica per chiunque volesse lanciare un’attività “facile”. Gli infopreneurs che vi vendono corsi di formazione sul dropshipping non si sono sbagliati. Ma la situazione è cambiata. Oggi anche l’e-commerce è in fase di recessione, vittima della crisi economica innescata dalla fine del quantitative easing e del denaro libero. In questo articolo, analizziamo le cifre che riflettono questa situazione negativa e guardiamo al futuro dell’e-commerce.

Contatta IntoTheMinds per i tuoi progetti di ricerca di mercato

Statistiche E-commerce nel 2023

  • Vendite di prodotto:
    • Nel secondo trimestre, le vendite di prodotti online sono diminuite dell’ 1% rispetto all’anno precedente. Tuttavia, nei primi tre mesi dell’anno sono ancora in crescita, con un aumento dell’ 1%.
    • Nonostante questi dati contrastanti, il volume delle transazioni online è aumentato del 5,3% nel secondo trimestre rispetto allo stesso periodo del 2022. Inoltre, il numero di nuovi siti web di commercianti è aumentato del 7%.
  • Potenziale del settore:
    • Servizi: Questi ultimi sono cresciuti del 14% nel secondo trimestre del 2023, trainati principalmente da trasporti, turismo e tempo libero.
    • Bellezza: Questo settore ha continuato a crescere tra aprile e giugno, con un aumento del 5%.
    • Mobili e decorazioni: le transazioni online sono diminuite del 2%.
    • Prodotti tecnici: un calo significativo del 14%.
    • Moda e vestiario: Le vendite di abbigliamento online sono diminuite del 4,3% nei primi sette mesi dell’anno rispetto al 2022. Nel secondo trimestre, questo settore ha registrato un calo dell’8%. Ciò rappresenta un calo del 10% nel periodo pre-crisi.
    • Internazionalizzazione: I siti internazionali di e-commerce di abbigliamento hanno registrato un aumento delle vendite del 3,1%, mentre i siti nazionali hanno registrato un calo del 2,4%.
  • Aspettative dei manager dell’e-commerce (sondaggio Francia 2023)
    • Il 60% dei gestori di siti web di e-commerce francesi sono stati colpiti dalla guerra in Ucraina e dalla conseguente inflazione.
    • Le principali preoccupazioni sono l’aumento dei costi di trasporto e di consegna (76% degli intervistati) e il calo dei consumi delle famiglie (75% degli intervistati).
    • L’83% degli e-retailer ha aumentato i prezzi per compensare l’aumento dei costi di produzione e il 53% ha ridotto i margini.
    • Solo il 24% dei responsabili dell’e-commerce francese prevede che i prezzi torneranno alla normalità nella seconda metà del 2023 e il 35% nella prima metà del 2024.
    • Il 61% dei rivenditori di e-commerce prevede una crescita delle vendite, anche se questa cifra è in calo di 6 punti nel 2021. 25% of websites were unprofitable in 2022, up 9 points in 2021, and only 55% were profitable in 2022, down 8 points on the previous year.
    • Il 71% dei rivenditori elettronici prevede una concentrazione nel settore delle vendite online.
    • Il 75% prevede una crescita delle vendite internazionali nei prossimi due anni.

Negli ultimi 10 anni, l’e-commerce è stato un motore di crescita nei Paesi occidentali. La digitalizzazione del nostro comportamento e delle nostre abitudini di acquisto ha portato a una proliferazione di progetti di vendita online, in particolare dopo il COVID-19. Anche se entro il 2023 sarà impossibile per un rivenditore non avere un web-shop, la guerra in Ucraina e l’inflazione si scontrano comunque con l’e-business. Ciò si riflette, da un lato, nelle aspettative dei responsabili dell’e-commerce e, dall’altro, nelle ultime statistiche del settore, che mostrano un chiaro rallentamento.


e-commerce manager

I manager del commercio elettronico sono preoccupati per l’ambiente attuale

Un sondaggio condotto nella prima metà del 2023 fornisce un quadro delle preoccupazioni dei gestori di e-commerce. La guerra in Ucraina e la conseguente accelerazione dell’inflazione hanno colpito il 60% dei siti di e-commerce. Logicamente, l’83% ha dovuto aumentare i prezzi, ma il 53% ha anche deciso di assorbire parte dell’aumento riducendo i margini.

Le aziende di e-commerce stanno quindi affrontando una crisi di liquidità. Con le banche più caute che mai, i siti di e-commerce più fragili dovranno probabilmente affrontare rischi maggiori. Per alcuni, sopravvivere significherà vendere la propria attività. Questo spiega perché il 71% dei manager dei rivenditori elettronici prevede un consolidamento del settore.

 Di fronte a questa situazione senza precedenti, il 35% dei responsabili dell’e-commerce francese non prevede un ritorno alla normalità prima del 2024. Tuttavia, le ultime previsioni europee sull’inflazione probabilmente smorzeranno le loro speranze, in quanto si prevede un ritorno al 2% di inflazione nel 2025. Ricordiamo che questa scadenza è stata posticipata solo dalla BCE.


e-commerce discesa

2023: La discesa dipende dal settore

La prima cosa che colpisce è la potenziale eterogeneità a seconda del settore. Mentre l’e-commerce di prodotti è in declino, quello di servizi è ancora in attivo. Nel secondo trimestre del 2023, l’e-commerce di servizi è in crescita del 14%. Il settore della bellezza, per fare un esempio, è in crescita del 5%. Allo stesso tempo, le vendite online di abbigliamento stanno andando male. Il calo è del 4,3% per il 2023, ma la situazione peggiora di mese in mese. Nel secondo trimestre del 2023, il calo è stato addirittura dell’8%.

Guardiamo più da vicino il settore dell’abbigliamento. Questo settore è, ovviamente, in crisi. Annunci di fallimenti di marchi di abbigliamento iconici hanno costellato l’anno 2023. Il fatto che questi marchi debbano ancora compiere il passaggio al digitale e abbiano accumulato problemi è senza dubbio una delle ragioni. Ma se guardiamo all’impronta territoriale dei marchi di abbigliamento, alcuni stanno andando molto bene e possono addirittura continuare a crescere. Si tratta dei marchi con una presenza internazionale. Le loro vendite hanno continuato a crescere (+3,1%), mentre i marchi nazionali hanno registrato una contrazione delle vendite (-2,4%).

In ultima analisi, questo non sorprende. In tempi di crisi acuta, quando il morale dei consumatori è basso, alcuni settori soffrono più di altri. L’abbigliamento è uno di questi, così come alcuni prodotti alimentari come le macellerie. Durante la crisi del 1929, una ricerca condotta su ampie popolazioni ha dimostrato che l’abbigliamento e la carne erano i due beni di consumo quotidiano a cui la gente rinunciava rapidamente.


e-commerce soluzioni

Che soluzioni ci sono per il tuo e-commerce?

Rispondere a 2 aspettative chiave dei consumatori

Come abbiamo discusso in due analisi precedenti (qui e ), i consumatori hanno aspettative molto specifiche nei confronti del digitale in negozio: risparmiare tempo (53%) e fare un buon affare (41%). Lo stesso vale per l’e-commerce. Pertanto, tutti gli sforzi devono essere indirizzati verso un’esperienza del cliente che sia il più efficiente possibile e che offra vantaggi economici.

e-commerce online

Convergere offline e online

Sulla scia della proposta precedente, si possono certamente ricercare sinergie tra il commercio online e offline. Prendiamo l’esempio di un rivenditore di generi alimentari. Nel periodo gennaio-aprile 2023, ha registrato un calo del 4,9%, mentre il calo del commercio tradizionale è stato meno marcato (-2,5% nei supermercati, ad esempio). Tuttavia, la pratica di acquistare prodotti alimentari online rimane saldamente radicata. Negli ultimi 12 mesi, ad esempio, una percentuale compresa tra il 36% e il 39% delle famiglie francesi ha acquistato online prodotti di largo consumo.

Di conseguenza, molti rivenditori stanno giocando sulla strategia di ibridazione per sostenere la loro attività di e-commerce. Ai team offline vengono affidati anche compiti legati all’online per soddisfare i clienti e far loro risparmiare tempo.

Internazionalizzazione

L’ultima area di interesse è, ovviamente, l’internazionalizzazione. Abbiamo visto che i siti web internazionali sono più resistenti alla crisi del settore dell’abbigliamento. In generale, tutti i siti di e-commerce devono essere internazionali. La traduzione del sito web è una fase essenziale, resa più semplice e meno costosa dall’intelligenza artificiale generativa. La nostra ricerca ha dimostrato quanto le traduzioni possano essere vantaggiose per la SEO.

 



Posted in Ricerca.

Pubblica la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *