Earn money by answering our surveys

Register now!

Perché e come diventare un nomade digitale?

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Diventare un nomade digitale è stata una delle grandi aspirazioni dei lavoratori rinchiusi in lockdown durante il Covid. Pochi, tuttavia, hanno osato fare il grande passo. Il nomadismo digitale, infatti, implica la rinuncia a un ancoraggio geografico e la riorganizzazione della propria vita personale e professionale. In questo articolo condividiamo la testimonianza e l’esperienza di un vero nomade digitale. Olivier Caeymaex ha fatto il grande passo e ora vive in una casa mobile. Per noi ripercorre gli aspetti pratici della sua nuova vita e condivide i suoi consigli affinché anche tu possa diventare un nomade digitale se lo desideri.

Olivier Caeymaex è diventato un nomade digitale dopo il Covid. In qualità di consulente IT, ora vive in una casa mobile e si sposta a suo piacimento.


Sommario


Perché diventare un nomade digitale?

C’erano delle idee e anche dei desideri che mi hanno portato a diventare un nomade digitale. Innanzitutto i desideri. Essere in viaggio mi ha sempre affascinato. Negli ultimi 4-5 anni, ho avuto l’abitudine di prendermi regolarmente qualche giorno da solo, andare in montagna, fare un ritiro o fare uno stage. Ne parlavo come di momenti di solitudine, anche se non ero mai veramente solo. Sono stati piuttosto momenti di disconnessione, e gradualmente sono diventati per me indispensabili. Ogni volta che partivo per un momento del genere, ero invaso da una sorta di ebbrezza, come un’ipersensibilità, un legame con la bellezza, forse? Tutto mi ha toccato: gli incontri, i paesaggi, i suoni…

La complessità del layout e la necessità di pianificare le cose in anticipo sono inversamente proporzionali alle dimensioni del veicolo.

All’epoca avevo allestito un vecchio Pajero per essere più o meno autonomo in montagna. Essere sulla strada, in un certo senso, è sfuggire a tutta questa follia, anche se solo in modo simbolico. E poi c’è la psiche, che cerca di farsi strada in questa atmosfera di fine mondo per dare un senso a questa assurdità in cui siamo immersi.

La vita da nomade digitale di Olivier Caeymaex si svolge ora in questo habitat mobile.


Covid, l’innesco della vita da nomade digitale

Il Covid è stato il fattore scatenante della mia conversione al nomadismo digitale. Oltre alle discussioni che monopolizzavano i media (soprattutto i social media), c’era un’abbondanza di iniziative microscopiche. Un ambiente ecologico qui, qualcosa in transizione là. In quel momento ho capito cos’era una “bolla”. Questo clic mi ha aperto la strada per passare alla vita di un nomade digitale.


Nomadismo digitale: quale impatto sulla tua vita professionale?

La mia vita professionale è molto cambiata. Prima della pandemia, percorrevo 25.000 chilometri all’anno e passavo le mie giornate passando da un cliente all’altro. E poi, quasi da un giorno all’altro, la mia attività di consulente digitale e agile coach è andata online. Ciò che sembrava inimmaginabile è diventato la norma in pochi mesi. Quindi sì, tutto è cambiato, ma non perché sono diventato un nomade digitale. È piuttosto il contrario.


Come hanno reagito la tua famiglia e i tuoi amici alla transizione al nomadismo digitale?

Era abbastanza chiaro a coloro che mi circondavano che stavo andando verso il diventare un nomade digitale. Il Pajero, il mio girovagare abituale, era nell’aria e tutti a casa avevano uno stile di vita piuttosto indipendente.


Qual è stata la reazione dei tuoi clienti di fronte a un nomade digitale?

Professionalmente, ho avuto un vero problema a parlarne per molto tempo. Come consulente che vive in un camion, temevo che avrebbe scoraggiato i clienti. I nomadi digitali possono essere stati di moda, ma non è stato facile.

Reazioni positive al progetto

È stato solo all’inizio del 2022 che ho iniziato a essere trasparente su questo, condividendo le mie intenzioni in modo esplicito e comunicando sul layout del camion. Ed è stata un po’ una sorpresa. Ne stavo parlando con entusiasmo e anche le persone con cui stavo parlando stavano rispondendo con entusiasmo.

Nomade digitale = marginale?

Mi ha aiutato a superare la paura di una qualche forma di marginalità. Avevo paura di essere marginale, emarginato o indebolito.

A poco a poco, ho avuto questa piccola sensazione esaltante di aiutare a ispirare le persone. Fare scelte radicali è fonte di ispirazione per chi non osa oltrepassare il limite (non ho messo in pericolo la mia vita, ma è comunque un po’ da capogiro) e di essere allineato con quello. Da lì, ispira, ispira, ispira. È più o meno l’unica cosa che possiamo fare. Oltre alla raccolta differenziata…

Il camion comprato su Facebook all’inizio della sua trasformazione in una vita da nomade digitale


Aspetti pratici: dal concepimento alla realizzazione in 7 mesi

Ho comprato il mio camion su Facebook. Questa configurazione è l’ideale. Nessuna patente per automezzi pesanti, eppure pesa 7 tonnellate. Quindi, c’è spazio e comfort. Dal momento che non ho intenzione di guidare per centinaia di migliaia di miglia, è perfetto. Ho acquistato il camion a dicembre 2021. Ho iniziato sul serio ad allestirlo a marzo di quest’anno e a luglio era pronto per partire. E anche io!

Allestimento del camion. Il nomadismo digitale si guadagna!


Come hai creato il tuo spazio nomade digitale?

L’ho fatto d’istinto, francamente. Nessun progetto, molti materiali di recupero, alcuni vecchi mobili, una vecchia stufa a gas… Ho comprato quello che mi piaceva. Dovevo ancora rivendere alcuni articoli che avevo acquistato un po’ in fretta.

Detto questo, la complessità del layout e la necessità di pianificare le cose sono inversamente proporzionali alle dimensioni del veicolo. Più è piccolo, meno spazio c’è per l’improvvisazione. Nel mio camion, va bene; Ho spazio e non devo necessariamente pensare strategicamente a ogni centimetro cubo.


Nomade digitale per 2 mesi: una prima valutazione

Per il momento, ho due sentimenti. Uno è una sorta di esaltazione che mi collega a tutto ciò che incontro sul mio cammino: persone, esperienze, paesaggi e luoghi in cui atterro. Non so se durerà, ma ho questa gioia per il momento.

E poi c’è l’altra sensazione: una specie di vertigine, una sensazione di perdizione, quasi di follia. La solitudine, la lontananza dalle mie figlie, il legame con mia moglie (anche lei è ben collegata all’habitat luminoso) quando siamo lontani, inventandoci il modo di ritrovarci. Non sempre facile, non perché sia di per sé difficile, ma piuttosto perché è come un territorio da esplorare.

Lascio che questi due sentimenti mi infondano. Se c’è una cosa che ho imparato negli ultimi 2-3 anni, è che non ha assolutamente senso fare progetti! Quindi, lo assaporo come se tutto venisse da me, e provo a sentire dove si trova il mio allineamento.

Tag:

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *