Earn money by answering our surveys

Register now!

Evoluzione del consumo di alcol e mercato della dealcolizzazione

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

L’evoluzione del consumo di alcol in Europa sta portando molti operatori del settore a ripensare la propria offerta. In questo articolo torniamo in particolare all’iniziativa lanciata da Philippe Stassen e dai fratelli Meurens che uniscono le forze per proporre una nuova offerta di dealcolizzazione nella regione di Charleroi.

Consumo di alcol in Europa

In Francia, il consumo di alcol è in calo da quasi 80 anni. Mentre un francese consumava in media quasi 26 litri di alcol all’anno nel 1960, lo standard era di 11,5 litri nel 2014. Nel 2011, il 15% dei francesi ha dichiarato di consumare alcol ogni giorno, rispetto all’8% nel 2016. I francesi non sono i gli unici dal momento che il consumo di alcol è in calo in tutta l’Europa occidentale dagli anni 2000.

carte de la consommation moyenne d'alcool en Europe en 2016

Negli ultimi anni, invece, si è moltiplicato il consumo di birra dealcolata (+5% tra il 2015 e il 2016).
Di fronte a questi cambiamenti nel comportamento dei consumatori, è diventato necessario per l’industria delle bevande alcoliche adattarsi e trovare soluzioni per mantenere la propria quota di mercato. Ad esempio, molti birrifici di fama internazionale offrono varianti senza alcol nelle loro gamme di prodotti.

Per garantire la sopravvivenza di un marchio in un mercato in declino, i produttori di birra investono in unità per la dealcolizzazione delle loro bevande.

In Belgio, tre operatori del settore hanno creato un impianto di dealcolizzazione e hanno attratto produttori di birra che non hanno la capacità finanziaria per investire nella propria unità di dealcolizzazione. Negli ultimi dieci anni, ad esempio, i microbirrifici sono cresciuti fortemente, il che alimenta la domanda per questo tipo di servizio fornito da terze parti.

Creazione di un impianto di dealcolizzazione indipendente a Charleroi

I fratelli Meurens e Philippe Stassen seguono la tendenza delle bevande analcoliche creando MIS, un’azienda la cui fabbrica ha sede a Courcelles nella periferia di Charleroi ed è specializzata nella dealcolizzazione di bevande come birra, vino e liquori…

Dopo aver acquistato con i soci lo stabilimento di Courcelles, i fratelli Meurens creano AB Solutions, azienda che imbottiglia vino che De Bortoli – gruppo vinicolo australiano – importa nel mercato europeo. Possiedono il 40% di questa società e i loro partner – De Bortoli, il manager europeo e il loro distributore svedese – possiedono ciascuno il 20% della società. AB Solutions imbottiglia circa 3 milioni di bottiglie all’anno dal 2016.

chaîne d'embouteillage de bière

Philippe Stassen ha creato Neobulles S.A. dopo l’acquisizione di Kidibul, Vintense e Vivaro dal gruppo Heineken ed è quindi proprietario di questi tre marchi.

Insieme, e con un investimento di 7 milioni di euro, le due parti hanno creato MIS nel 2018. Ad esempio, hanno sviluppato un’unità di dealcolizzazione di vino e birra presso lo stabilimento di Courcelles. Questa nuova attività mira a stare al passo con la crescita del mercato delle bibite analcoliche offrendo ai birrai, che non avrebbero l’opportunità o la volontà di fare i notevoli investimenti richiesti, la possibilità di aggiungere prodotti analcolici alla loro offerta.

I fratelli Meurens possiedono il 52% di MIS, Philippe Stassen il 48% e gli investimenti continuano ad evolversi. L’azienda ha assunto un enologo e sul posto sono presenti tre mastri birrai. Questi ultimi hanno a disposizione un laboratorio per consentire loro di effettuare i propri test.

Dealcolizzazione: come funziona?

La bevanda deve essere distillata sotto vuoto ea bassa temperatura (da 25 a 30 gradi Celsius) e poi imbottigliata velocemente per non rovinare il prodotto finito.

Una forma di organizzazione vertical

Questo esempio imprenditoriale risulta dalla combinazione di due know-how: il marketing delle bevande (Philippe Stassen) e l’industria dell’imbottigliamento e della lavorazione (Olivier e Patrick Meurens).

Insieme, coprono la produzione di bevande – Philippe Stassen con Neobulles -, la dealcolizzazione – Philippe Stassen e i fratelli Meurens con MIS – e l’imbottigliamento – i fratelli Meurens con AB Solutions.

Con una capacità di dealcolazione di 30 ettolitri ora, il primo cliente di MIS sarà, ovviamente, Neobulles, con forti prospettive di collaborazione con De Bortoli. Tuttavia, vi ricordiamo che i target principali sono i produttori di birra che non possono effettuare l’investimento per tali impianti. Operativo dall’autunno del 2018, l’impianto e le sue apparecchiature di dealcolizzazione dovrebbero funzionare a un ritmo sano entro la fine del 2019.

Crédits photos: Shutterstock

Tag:, ,

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *