Earn money by answering our surveys

Register now!

Guerra in Ucraina e crisi energetica: le imprese restano fiduciose

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

IntoTheMinds ha realizzato un sondaggio su 472 dirigenti di società per misurare la loro percezione dell’impatto della guerra in Ucraina sulle loro attività. Attraverso questa ricerca, abbiamo cercato di capire se la tesa situazione geopolitica ha influenzato il loro morale e ha influenzato le loro decisioni di impiego e investimento. 

I risultati sono sorprendenti in più di un modo, poiché mostrano un’enorme resilienza psicologica e aspettative positive per l’evoluzione di 12 mesi. Evidenziamo le differenze di percezione tra PMI e grandi aziende e tra uomini e donne. Le donne sono più pessimiste, il che fa eco alla nostra ricerca sull’imprenditorialità.

Se avete solo 30 secondi

  • Abbiamo studiato 472 dirigenti di società per misurare il loro morale e la loro percezione della guerra in Ucraina
  • In 12 mesi il tasso del morale è alto e il 67% prevede un’evoluzione positiva dell’attività della propria azienda
  • Il 45% ritiene che la situazione economica sia favorevole all’assunzione di personale e il 41% agli investimenti
  • Solo il 35% vede nel conflitto ucraino un fattore di rallentamento della propria attività
  • Il 27% ritiene che l’impatto della guerra in Ucraina sarà negativo in termini di competitività
  • La maggior parte delle PMI ritiene che la guerra non avrà alcun impatto, mentre le grandi aziende sono più divise
  • L’impatto sulla competitività è percepito più negativamente nelle province che nel capoluogo
  • Solo le grandi società con sede nella capitale ritengono che la guerra in Ucraina avrà un impatto positivo sugli affari
  • Le donne sono più pessimiste degli uomini nella valutazione dell’impatto sulle imprese e sulla competitività.

Sommario

Evoluzione della situazione economica nell’arco di 12 mesi

Nonostante il contesto geopolitico teso e le sue conseguenze economiche, le aziende non prevedono un rallentamento dell’attività nei prossimi 12 mesi. Pertanto, il 67% dei decisori intervistati in questa ricerca prevede di migliorare l’attività della propria azienda nei prossimi 12 mesi. Solo il 6% prevede di subire un impatto negativo.

Questo risultato, ottenuto durante i primi giorni di guerra in Ucraina, dimostra la resilienza psicologica dei decisori nelle aziende. Non si fanno prendere dal panico e scommettono sulla crescita post-Covid per sostenere il business delle loro aziende.

 


Impatto della situazione economica sulle decisioni di investimento

Il buon umore dei decisori intervistati si riflette anche nelle loro decisioni di investimento. L’attuale situazione economica è vista in modo più positivo. Solo il 14% degli intervistati ritiene che il periodo attuale sia sfavorevole agli investimenti, contro il 41% che lo ritiene favorevole. Il 43% delle grandi aziende vede opportunità di investimento, rispetto al 36% delle PMI. Si registra, dunque, un po’ meno entusiasmo da parte delle piccole e medie imprese.

 


Impatto della situazione economica sulle assunzioni

Le aziende intervistate sono anche ragionevolmente prudenti quando si tratta di assunzioni. Solo una minoranza ritiene sconsigliabile assumere personale nei prossimi 12 mesi. La maggior parte delle aziende intervistate (45%) considera il periodo favorevole. C’è una leggera differenza tra le PMI (42%) e le grandi imprese (47%).
Il 18% delle PMI considera l’attuale periodo sfavorevole alle assunzioni, contro solo il 14% delle grandi imprese.

 


Impatto della guerra in Ucraina sull’attività delle imprese

La guerra in Ucraina potrebbe essere alle porte dell’Europa, ma i dirigenti dell’azienda non sono molto preoccupati. La maggioranza (43%) ritiene che la guerra non avrà alcun impatto sui propri affari. Solo il 35% pensa che il conflitto russo-ucraino avrà un impatto negativo sui propri affari.

Tuttavia, la situazione varia a seconda delle dimensioni dell’azienda. Esistono differenze evidenti tra le PMI (<250 dipendenti) e le grandi aziende. L’entusiasmo delle grandi imprese (il 24% considera l’impatto positivo) non sembra essere condiviso dalle PMI (15%).

 


Impatto della guerra in Ucraina sulla competitività delle imprese

Le aziende intervistate non credono che la crisi in Ucraina avrà un impatto sulla loro competitività. Più della metà (52%) ritiene che la guerra non avrà alcun impatto. Il 27% si aspetta un effetto negativo e il 23% si aspetta un effetto positivo.
Come per la domanda precedente, l’analisi per dimensione aziendale fornisce una lettura diversa di questi dati. Solo il 47% delle grandi imprese (>250 dipendenti) ritiene che la guerra non avrà alcun impatto sulla propria competitività, rispetto al 63% delle PMI.


Le dimensioni e la posizione dell’azienda influenzano le percezioni dei dirigenti

Nell’ultima parte di questo articolo, ci concentriamo sulla comprensione di come i risultati variano in base alla posizione e alle dimensioni dell’azienda.

Ricodifichiamo i risultati precedenti e assegniamo un punteggio a ciascuna risposta:

  • forte impatto negativo = -2
  • impatto negativo = -1
  • né positivo né negativo = 0
  • impatto positivo = +1
  • forte impatto positivo = +2

Il grafico sottostante mostra la media per dimensione (PMI/Grande impresa) e ubicazione dell’azienda (capoluogo/provincia).

L’impatto percepito della guerra in Ucraina sugli affari è generalmente negativo, fatta eccezione per le grandi società situate nelle capitali. Sono le PMI ubicate nella capitale che esprimono più timori.

In termini di competitività, c’è un effetto legato alla localizzazione. Le imprese ubicate nelle province sembrano essere più preoccupate per l’evoluzione della propria competitività.


Effetto di genere: le donne più pessimiste degli uomini

Infine, esaminiamo le differenze di percezione che esistono in base al genere del decisore.
I nostri risultati mostrano differenze di genere significative.
In termini di attività, le donne sono leggermente più pessimiste degli uomini. Il punteggio medio dato dalle donne è -0,24 rispetto a -0,11 per gli uomini.
Quando si tratta di competitività, la differenza è più evidente. Gli uomini sono ottimisti sul fatto che la competitività della loro azienda migliorerà, mentre le donne prevedono un deterioramento.

Anche se questo risultato fa eco a quello che abbiamo ottenuto nella nostra ricerca primaria sull’imprenditorialità, dobbiamo stare attenti a non saltare a conclusioni affrettate. Potrebbe essere che le donne siano più presenti in specifici settori di attività che sono più inclini a subire gli effetti della guerra.

 

 

 

 

 

Tag:,

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *