Earn money by answering our surveys

Register now!

Commercializzare prodotti che fanno scandalo: una buona idea?

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Cos’è il marketing se non attirare l’attenzione del consumatore? Dopotutto, è così che inizia l’esperienza del cliente. Devi usare volgarità o cattivo gusto per raggiungere i tuoi obiettivi? Questa è la domanda che mi sono posto quando ho visto un’operazione di marketing completamente fallita alla Courtauld Gallery (Londra).

Gli oggetti di scandalo alla Courtauld Gallery

sunflower van gogh soap savon

Uno degli oggetti derivati proposti dalla Courtauld Gallery che doveva essere ritirato. Copie come questa sono ancora in vendita sui siti di aste online (screenshot eBay del 3 marzo 2022)

Per una mostra dedicata a Van Gogh, il museo londinese ha avuto l’idea “brillante” di proporre prodotti derivati che un po’ beffavano la personalità tormentata del pittore di origine olandese. Tra questi prodotti disegnati con humour molto british, abbiamo trovato una gomma da cancellare a forma di orecchio e un sapone per anime torturate

La deviazione del marketing non ha soddisfatto i sostenitori delle persone con malattie mentali. La Courtauld Gallery è stata accusata di prendere in giro questi pazienti ed è stata costretta a ritirare i prodotti controversi.

Volendo “creare un buzz”, l’operazione di marketing si è rivolta contro coloro che l’avevano avviata.

Tuttavia, questa tendenza a voler “scioccare” per attirare l’attenzione non è nuova. Innanzitutto esistono altri prodotti derivati che sfruttano lo stesso processo. Basta un piccolo giro su Etsy per convincersi. Si possono trovare orecchini a forma di orecchio, protezioni per evitare di danneggiare le orecchie quando si indossa una mascherina, …

La visibilità della Courtauld Gallery, da un lato, e l’ambient wokism, dall’altro, avranno senza dubbio giocato un ruolo nell’esilio di questi oggetti. Nella terra dell’umorismo di secondo grado, è ancora divertente.

Etsy Van Gogh ear products

Prodotti correlati all’orecchio di Vincent Van Gogh in vendita su Etsy (screenshot del 3 marzo 2022)



Questi oggetti vogliono chiaramente creare polemiche

Ma cosa direbbero i nostri amici inglesi di altri oggetti che sono molto meno di secondo grado? Durante le mie peregrinazioni alla ricerca di innovazioni retail, ho fotografato 2 prodotti per nulla divertenti. Guardate un po’.

Hand Soap The Finger

Il design di questo sapone parla da sé.


bougie anti connards

La candela “anti-Connard” ci permette di tenere a distanza “quei parassiti che avvelenano la tua vita”

Questi prodotti sono esposti con orgoglio in bellissime vetrine parigine e nessuno si offende. Doppio standard, si potrebbe dire.

Questi esempi ci mostrano che è sempre più complicato “navigare” nei meandri del marketing moderno. Le sensibilità sono aumentate e l’immagine del marchio è ultra-protetta. Pertanto, i grandi marchi sono diventati molto cauti e le campagne di marketing sono sempre più studiate per non offendere nessuno. Questo è spesso un atto di equilibrio, date le differenze culturali e la globalizzazione del commercio.

La libertà di scioccare è diventata incompatibile con il DNA dei marchi mainstream. Le buone maniere e l’etichetta sono state imposte a tutte le forme di comunicazione. Anche Benetton, marchio un tempo abituato agli scandali sotto Oliviero Toscani, è diventato -relativamente- più rilassato.

Questo significa che solo i marchi di nicchia possono ora permettersi di creare un buzz senza preoccuparsi della propria immagine?

 

 

 

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *