3 Aprile 2024 828 parole, 4 lettura minima

Cioccolatini di Pasqua: tradizione minacciata dall’inflazione?

Di Pierre-Nicolas Schwab Dottorato di ricerca in marketing, direttore di IntoTheMinds
In questo articolo esamino le dinamiche del mercato del cioccolato di Pasqua. Questa tradizione è ben consolidata in Europa, ma è soggetta a significative pressioni inflazionistiche. Tuttavia, i dati degli ultimi anni mostrano che è abbastanza forte da resistere.

Mentre i prezzi degli alimenti non aumentano più in media, i prodotti del cioccolato continuano a raggiungere livelli record, trainato dai prezzi record del cacao. Ci si chiede se questo aumento metterà a rischio il mercato del cioccolato di Pasqua. In questo articolo, esaminerò brevemente la situazione del mercato del cacao prima di approfondire le dinamiche del mercato del cioccolato di Pasqua.

Contatta l’agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds

Prezzi record del cacao: colpa del cambiamento climatico?

Il prezzo del cacao è aumentato di 6 volte tra il 2023 e il 2024, raggiungendo i 10.000 dollari a tonnellata alla fine di marzo 2024. Logicamente, i prezzi dei prodotti a base di cioccolato sono aumentati, ma in modo meno spettacolare rispetto a quelli della materia prima (vedi tabella seguente).

Prodotto Aumento a marzo 2024 vs. marzo 2023 Aumento a marzo 2024 vs. febbraio 2024
Barrette di cioccolato 7,1% 1,5%
Cacao 8,8% 1,1%

La causa principale di questa esplosione dei prezzi del cacao è il riscaldamento globale. Ha portato a un calo della produzione in Costa d’Avorio e ai dubbi del mercato sull’offerta. Tuttavia, questo aumento non ha beneficiato i produttori locali, i cui prezzi sono rimasti invariati. Ciò riflette senza dubbio il fatto che parte dell’aumento è puramente speculativo. Ricordiamo che il prezzo dell’olio di girasole si è moltiplicato per 3 quando è scoppiata la guerra in Ucraina (marzo 2022).

Il mercato del cioccolato di Pasqua

Anche in un contesto in cui l’inflazione sta colpendo diversi settori, i cioccolatini di Pasqua rimangono un must-have. Il loro tasso di penetrazione è aumentato di 3,5 punti (55,8% nel 2023 rispetto al 52,3% del 2019 per la Francia).

Indicatore 2019 2022 2023
Penetrazione 52,3% 55,4% 55,8%
Quantità acquistate per acquirente 0,97 kg 1,08 kg 1,04 kg
Frequenza di acquisto per numero 1,8 1,9 1,9
Quantità acquistate per atto 0,52 kg 0,56 kg 0,54 kg
Spesa per acquirente 18,80 € 20,80 € 22,40 €
Spesa per transazione 10,17 € 10,78 € 11,66 €
Prezzo medio al kg 19,45 € 19,27 € 21,61 €
Prezzo medio al prodotto 3,72 € 3,70 € 4,01 €

Le quantità acquistate rimangono stabili (0,52 kg nel 2019 contro 0,54 kg nel 2023). Tuttavia, la spesa per articolo è in forte aumento, senza dubbio a causa dell’inflazione strutturale da un lato e dell’inflazione specifica del cacao dall’altro. Ciò si riflette nel prezzo medio al chilo, che è aumentato in modo significativo (21,61 euro nel 2023 contro 19,45 euro nel 2019).

Nonostante queste difficoltà, la tradizione pasquale rimane forte. I consumatori sono disposti a pagare per mantenerla viva.

I dati testimoniano questa tendenza:

  • Le vendite della campagna pasquale 2023 hanno raggiunto i 357 milioni di euro, con un aumento del 15% rispetto al 2022.
  • La quantità acquistata è leggermente diminuita del 2%, ma il prezzo medio al chilo è salito a 24,30 euro, con un aumento del 17% rispetto all’anno precedente.

Cioccolatini di Pasqua

I produttori innovano per assicurarsi le vendite

Gli indicatori macroeconomici non sono più all’altezza dopo la crisi di Covid. I produttori di cioccolato stanno quindi intensificando la loro inventiva per condurre gli acquisti dei consumatori. La posta in gioco è alta, visto che i cioccolatini pasquali per bambini rappresentano il 79% delle vendite. Anche in tempi di crisi, i genitori sono pronti a fare uno sforzo speciale per far felici i loro piccoli.

Per soddisfare queste aspettative, marchi come Lindt hanno innovato con edizioni limitate e prodotti speciali, contribuendo a una crescita significativa delle vendite nel 2023. Dal canto suo, anche Ferrero ha saputo riprendersi, proponendo innovazioni che l’hanno portata nella top 10 delle vendite. Questa dinamica è illustrata dall’aumento della quota di mercato di Lindt al 18,8% e dal forte ritorno di Ferrero con una quota di mercato del 41%.

I marchi hanno quindi adattato le loro strategie, proponendo formati più piccoli e accessibili (grazie alla shrinkflation!) e giocando su elementi a sorpresa ed edizioni limitate per tenere impegnate le famiglie. Mondelez, ad esempio, sta mantenendo il suo posto sul mercato grazie a prezzi accessibili e a un’offerta adeguata alle aspettative delle famiglie.

Con iniziative come gli spot televisivi e una maggiore presenza digitale e nell’e-commerce, i marchi cercano di massimizzare l’attenzione dei consumatori nelle sei settimane che precedono la Pasqua. La sfida è mantenere i livelli di vendita nonostante il clima economico sfavorevole.

Il divario aumenta con i cioccolatini di alta gamma

Durante il fine settimana di Pasqua, ho visitato diverse cioccolaterie parigine per capire meglio le dinamiche del mercato. Ciò che ho visto ha rafforzato la mia impressione che si stia aprendo un divario tra la fascia bassa (prodotti industriali venduti nei supermercati) e la fascia alta. Come la pasticceria, i cui rappresentanti di maggior spicco attirano le folle e applicano prezzi stratosferici, anche il cioccolato sta subendo un processo di “premiumization”.

Patrick Roger, Pierre Marcolini e Jacques Genin hanno indubbiamente indicato la strada. Negli ultimi mesi, abbiamo assistito all’emergere di giovani talenti che si stanno muovendo direttamente nella fascia molto alta: Jade Genin (figlia di Jacques), William Artigue, Aurélien Rivoire, Maxime Frédéric ….. Un caso interessante è quello di Maxime Frédéric, che lavora per Louis Vuitton (vedi video sopra). I marchi del lusso investono sempre di più nella gastronomia e nella creazione. È un modo per raggiungere un nuovo pubblico ed estendere il territorio del marchio.

boutique Patrick Roger Cioccolatini di Pasqua

Patrick Roger è stato uno dei pionieri del cioccolato di fascia altissima. I suoi negozi presentano in modo spettacolare i suoi prodotti. Qui, la boutique di Rue des Archives a Parigi.

 



Posted in Marketing.

Pubblica la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *