8 Settembre 2023 916 parole, 4 lettura minima

X/Twitter può riconquistare la fiducia degli inserzionisti?

Di Pierre-Nicolas Schwab Dottorato di ricerca in marketing, direttore di IntoTheMinds
La nomina di Linda Yaccarino a capo di Twitter segna una svolta, simboleggiata dal cambio di nome del social network (X). La priorità del nuovo CEO sarà quella di ripristinare la fiducia degli inserzionisti. In Francia, il 63,5% degli inserzionisti ha abbandonato Twitter, i cui ricavi sono diminuiti dell'80%.

Cosa resterà di Twitter nel lungo periodo? Molti lo davano per morto, ma alla fine è ancora qui. Il suo nuovo nome ha scatenato un’appassionata battaglia verbale. Alcuni hanno minacciato di andarsene per sempre, ma il numero di utenti attivi mensili non è mai stato così alto (237 milioni). E se la ricetta di Musk fosse quella di far parlare del suo social network a tutti i costi?

8 cifre che illustrano gli insuccessi (e i successi) del nuovo Twitter

  • Il 62,5% dei 1.000 clienti più importanti di Twitter non fa più pubblicità su Twitter
  • -80%: il calo delle entrate pubblicitarie di Twitter in Francia
  • 82,6% dei dipendenti licenziati: Twitter è passato da 7.500 a 1.300 dipendenti
  • -55%: La valutazione di Twitter è scesa da 44 a 20 miliardi di dollari. Lo dice lo stesso Elon Musk.
  • 640000 persone si sono iscritte all’offerta premium da 8 dollari al mese. È stato un fallimento.
  • Solo 1 milione di abbonati ha lasciato Twitter per Mastodon. Una goccia nel mare.
  • Solo 50.000 abbonati hanno lasciato BlueSky.
  • 237 milioni di utenti attivi mensili

Elon Musk è in grado di far parlare di sé, sia nel bene che nel male. L’uomo a cui tutto sembra sorridere a capo di Tesla ha moltiplicato i suoi sfoghi e le sue gaffe a capo di Twitter. La sua acquisizione dell’uccellino blu è arrivata nel momento peggiore, quando si stavano chiudendo le porte dell’helicopter money. Gli investitori si aspettano ora prove concrete di redditività dalle aziende tecnologiche. La loro pazienza per i risultati positivi si è drasticamente ridotta. E sebbene Twitter non sia più quotato alla Borsa di New York, i co-investitori di Elon Musk (le banche!) esigono responsabilità. Questo spiega senza dubbio la decisione dell’estroso sudafricano di nominare Linda Yaccarino a capo di quella che ora si chiama “X”.

Linda Yaccarino + Elon Musk Twitter


La sfida n. 1 di Linda Yaccarino: ripristinare la fiducia degli inserzionisti

La sfida principale di Linda Yaccarino sarà quella di ripristinare la fiducia degli inserzionisti. Questa è LA priorità del nuovo CEO, semplicemente perché è l’unica vera fonte di guadagno per Twitter / X. Per dare un’idea della sfida che la attende, bastano due dati:

  • 625 dei 1.000 inserzionisti più importanti hanno ritirato i loro budget pubblicitari da Twitter.
  • In Francia, i ricavi pubblicitari di Twitter sono crollati dell’80%.

Perché tanta disaffezione? Semplicemente a causa di Elon Musk stesso, si potrebbe essere tentati di dire. La sua personalità stravagante e le sue opinioni estreme non sono i punti di forza di X. Inoltre, ha minato la fiducia nei contenuti trasmessi decimando il personale di Twitter. Le opinioni estreme abbondano e le immagini e i video orribili sono numerosissimi. Questo spaventa gli inserzionisti, che non vogliono associare il loro marchio a contenuti che potrebbero danneggiarli.


smartphone with X logo Twitter

X: Cambio di nome strategico per segnare un nuovo inizio

È in questo contesto che va collocato il cambio di nome. “X” (il nuovo nome di Twitter) segna la fine dell’era Musk. A volte basta cambiare nome per essere dimenticati. Ed è quello che sta accadendo.

Un amministratore delegato (una donna stimata nella professione) ha preso in mano le redini dell’azienda. Twitter è diventato X per segnare l’inizio di una nuova era. Tutto è pronto per un nuovo inizio. Con Musk meno minaccioso, Linda Yaccarino riuscirà a far tornare gli inserzionisti che conosce perfettamente, perché erano già suoi clienti quando era responsabile della pubblicità alla NBC Universal. Ma dovrà dimostrare qualcosa di più di un cambio di nome per convincere gli inserzionisti a tornare su X. In un raro sforzo di trasparenza, Musk ha rivelato parte della ricetta dei suoi algoritmi di raccomandazione (accusati in passato di creare bolle di filtraggio). Ma la vera sfida tecnica sarà la moderazione.


Twitter moderazione

La sfida tecnica prioritaria: la moderazione

Senza moderazione, Twitter/X diventa una formidabile cassa di risonanza per gli estremisti e per chi cerca di disinformare. Tra opinioni estreme e “fake news”, questo social network non è mai stato così criticato. Gli inserzionisti lo odiano. Che piaccia o meno a Elon Musk, X deve ammorbidirsi per riconquistare la fiducia dei suoi clienti. È qui che l’intelligenza artificiale generativa può essere utile, a patto che si investa nella ricerca e nella moderazione.

In ogni caso, non è possibile trovare una soluzione a breve termine. Musk ha rotto il suo giocattolo da 44 miliardi di dollari e ci vorrà tempo per ripararlo. La sua visione di un’applicazione universale simile a WeChat sarà valida solo quando il problema della moderazione sarà risolto.


Twitter WeChat

Un’app multiuso ispirata a WeChat: una moda

Vi basereste su un’app le cui fondamenta si basano sulla propagazione di contenuti estremi? Cosa direste se la vostra banca trasmettesse continuamente contenuti ogni volta più polarizzanti del precedente? Sarebbe meglio che ve ne andaste perché non corrisponde alla vostra immagine di banca. Lo stesso vale per X.

La sua immagine è talmente degradata che sarà difficile associarla a un’applicazione che potrebbe avere un forte impatto sulla vostra vita, come nel caso di WeChat in Cina. E poi, anche se un giorno questa applicazione dovesse essere lanciata, quale destino le riserverebbero le autorità di regolamentazione? In un momento in cui la GAFAM viene criticata per la sua morsa sulla vita digitale delle persone, sarebbe ragionevole lasciare che un’applicazione esistente estenda la sua presa ?


Twitter conclusione

In conclusione

In conclusione, Twitter è stato ribattezzato X per segnare un nuovo inizio e inaugurare l’era post-Musk. Ma per riportare gli inserzionisti e riempire le casse di Twitter ci vorrà ben altro. Tutte le piccole iniziative di Musk sono state dei fallimenti finanziari e solo la moderazione dei contenuti e la lotta alla disinformazione potrebbero aiutare X a riconquistare la fiducia dei suoi clienti. Un’immagine più consensuale è necessaria anche se Musk vuole lanciare la sua applicazione universale ispirata a WeChat.



Posted in Marketing.

Pubblica la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *