Earn money by answering our surveys

Register now!

Questo Youtuber ha 50 milioni di iscritti e questa non è una buona notizia

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

Per la fine dell’anno 2020, MrBeast, uno Youtuber da 50 milioni di iscritti, ha pubblicato un video che è sintomatico dei mali della nostra società. Personalmente, ho trovato tale video altamente disgustoso perché, oltre al fatto di essere inutile, promuove i valori che distruggono la convivenza. Nonostante ciò, ha già raccolto più di 30 milioni di visualizzazioni.


MrBeast ci offre lo spettacolo angosciante delle nostre dipendenze e dei valori che ci motivano.



Chi è MrBeast?

Prima di tutto, un piccolo promemoria per coloro i quali non sappiano chi sia Mr Beast.
Jimmy Donaldson, il suo vero nome, è una stella di Youtube negli Stati Uniti, il cui primo video è diventato virale e farebbe ingelosire anche i più accaniti fan della ‘performance art’. In questo video, con più di 20 milioni di visualizzazioni, MrBeast si riprende mentre conta fino a 100.000. Ѐ avvincente e dura 24 ore.

Mr Beats compte jusqu'à 100000

Da allora, come ci ricorda questo ritratto pubblicato da Bloomberg, ogni suo video ha superato le 20 milioni di visualizzazioni e, il suo canale, ha raggiunto 34 milioni di ore di visualizzazione al mese. No, non ti stai sbagliando. Ogni mese 34 ore vengono passate a guardare i suoi video. Sono 50 intere vite umane, al mese, passate a guardare i suoi video. Un’enormità.
Siamo venuti a conoscenza anche che, il costo medio per realizzare i suoi video, è di $300.000 e che impiega 50 persone per la produzione e la logistica.

Tutte queste cifre impressionanti farebbero sognare se i video prodotti fossero all’altezza della situazione. Ma il minimo che possiamo dire è che il messaggio che trasmettono è catastrofico.


Il costo medio per realizzare i suoi video, è di $300.000 e che impiega 50 persone per la produzione e la logistica.



Perché i video di MrBeast sono decadenti e insopportabili

Devo ammettere che non conoscevo MrBeast prima di leggere l’articolo pubblicato da Bloomberg. Il suo successo è incredibile e sono felice per lui. Ma questo comporta un prezzo: il degrado di chi guarda i suoi video.

Se, da un lato, il suo primo video potesse, in qualche modo, far sorridere le persone (quasi 120mila commenti e, comunque, 1 milione di “pollici blu”), che dire dei seguenti? Ecco alcuni titoli scelti a caso:

  • Ho messo 1.000.000 di luci di Natale su una casa (Record Mondiale);
  • Ho aperto un ristorante che ti paga per andarci a mangiare;
  • Ho dato alle persone $1.000.000 ma SOLO 1 minuto per spenderlo!
  • Ruba questo diamante da $100.000 e te lo puoi tenere;
  • Premi questo pulsante per vincere $100.000!
  • Sono sopravvissuto 24 ore di fila nel ghiaccio;
  • Ho fatto da Uber alle persone e ho lasciato che si tenessero l’auto;
  • Ho riempito di melma la casa di mio fratello e gliene ho comprata una nuova;
  • Ho dato al mio 40.000.000esimo abbonato 40 auto;
  • Far ottenere a questa persona a caso 1.000.000 di iscritti.

Tanti numeri, tanti zeri e una cosa in comune: la promozione del guadagno, i valori materialistici e la competizione. Il suo video di Natale (“Ho messo 1.000.000 di luci di Natale su una casa”) in particolare, è un capolavoro nel suo genere.


In 15 minuti, al giorno, puoi imparare una lingua straniera. E in 15 minuti trascorsi su YouTube?


MrBeast e il suo milione di luci di Natale

Come è possibile vedere, a MrBeast piace esagerare. In questo senso, ha ben compreso come funzioni la natura umana e che la dose di dopamina arriverà solo con obiettivi sempre più folli da raggiungere. Questa corsa all’eccesso si fa giocando sugli istinti più bassi dell’essere umano e, il suo video di Natale, ce ne dà una luminosa dimostrazione.

Per quest’ultimo, MrBeast annuncia di aver acquistato 3 case e 1,7 milioni di luci natalizie. Ha, quindi, formato 3 squadre di 2 persone ciascuna. Lo scopo del gioco è semplice: la squadra che meglio decora la sua casa potrà tenersela. Il partecipante più giovane ha 18 anni.

Extrait de la vidéo mise enligne par MrBeast sur YouTube pour Noël 2020

Le innumerevoli luci natalizie sono ammucchiate tra le case e, ogni squadra, ha un determinato periodo di tempo per raccoglierle e decorare la “sua”, il che si traduce in alcuni combattimenti aventi luogo sul mucchio di ghirlande. La vita è una lotta, anche quando si tratta di rendere la “sua” casa più bella di quella dei suoi vicini.

Extrait de la vidéo mise enligne par MrBeast sur YouTube pour Noël 2020

I risultati sono all’altezza della sfida. L’illuminazione di ogni casa deve consumare l’equivalente della produzione giornaliera di una centrale nucleare. In un momento di riscaldamento globale è chiaramente apprezzabile il messaggio trasmesso.

Extrait de la vidéo mise enligne par MrBeast sur YouTube pour Noël 2020

In questa orgia energetica, non dimenticare di iscriverti (vedi angolo in alto a destra). Un team ha quindi deciso di realizzare la sua decorazione a tema… video di MrBeast. Nonostante questa bella favola, te lo dico subito (spoiler), non vinceranno.

Extrait de la vidéo mise enligne par MrBeast sur YouTube pour Noël 2020

Finalmente arriva il momento che tutti aspettavano: il verdetto. I membri della giuria non sono giudici qualunque, dal momento che sono due Youtuber con milioni di iscritti. Se non li riconosci, sono i 2 ragazzi nella foto a destra: MatPat (13,6 milioni di iscritti, esperto di videogiochi) e Quackity (3,7 milioni di iscritti, esperto di Minecraft). C’è anche una ragazza (Damaris), un “iscritto scelto casualmente” e, naturalmente, lo stesso MrBeast (a sinistra nella foto).

Noterai l’ironia. Questi 4 prodotti YouTube decideranno, quindi, l’esito di un “concorso” pubblicato esso stesso su YouTube. Vi risparmio qualche minuto di inutile visione rivelando i nomi dei vincitori: sono i 2 ragazzini nella foto. Quello a destra ha 18 anni.

Extrait de la vidéo mise enligne par MrBeast sur YouTube pour Noël 2020

Ma MrBeast non trascura i perdenti ed offre loro una bellissima auto sportiva del valore di $ 30.000. Nonostante gli sforzi di MrBeast, i perdenti non possono nascondere la loro delusione. Almeno, quando qualcuno vinceva un’auto a ‘’OK, Il Prezzo è Giusto!” 10 anni fa, era felice. Invece, nel 2021, i giovani sono diventati molto ingrati.


Conclusione

Dove voglio arrivare con tutto questo? MrBeast ci offre lo spettacolo angosciante delle nostre dipendenze e dei valori che ci motivano.

Dipendenza, prima di tutto, al più grande, più forte, più costoso, più bello e così via. Oggi ci vogliono un sacco di superlativi per ottenere “visualizzazioni” e “mi piace”. Senza questa dissolutezza, è impossibile catturare l’attenzione dell’utente di Internet che, come l’eroinomane, ha bisogno di una dose sempre crescente di emozioni su YouTube.

Valori. Devi fare meglio del tuo vicino, spendere di più, diventare più grande o più alto degli altri. Lo spirito di competizione ha sostituito lo spirito di collaborazione. L’individualismo ha sostituito l’istinto gregario dei primi coloni. L’Altro esiste per essere superato, per essere battuto. Ora è solo un punto di confronto.

Fare qualcosa di sensazionale ed esagerato è l’unica ragione per cui MrBeast e altri YouTuber nel settore dell'”intrattenimento” esistono. Da un lato, sfruttano i difetti degli esseri umani e la loro sete di dopamina, dall’altro, influenzano anche le carenze dell’algoritmo di YouTube, che è calibrato per massimizzare le ore trascorse sulla piattaforma e i contenuti che creano dipendenza.

Questo è un ottimo modo per iniziare il 2021.

 

 

 

Author: Pierre-Nicolas Schwab

Pierre-Nicolas ha un dottorato in marketing e dirige l'agenzia di ricerche di mercato IntoTheMinds. I suoi principali campi di interesse sono BigData, e-commerce, commercio locale, HoReCa e logistica. È anche un ricercatore di marketing all'Université Libre de Bruxelles e serve come coach e formatore per diverse organizzazioni e istituzioni pubbliche. Può essere contattato via email, Linkedin o per telefono (+32 486 42 79 42)

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *