Earn money by answering our surveys

Register now!

Avviso sull’appropriazione indebita di proprietà intellettuale

Earn up to 50€ by participating in one of our paid market research.

Register now!

L’appropriazione indebita della proprietà intellettuale è un problema che ha avuto origine in Cina e si sta sviluppando rapidamente in Europa. Questa appropriazione indebita consiste in un marchio cinese che cerca di acquisire diritti di proprietà intellettuale su prodotti contraffatti. Maître. Jérôme Tassi, che avevamo già intervistato nel caso PicRights, fa luce su questo fenomeno sempre più ricorrente. In qualità di osservatore informato per diversi anni, ci racconta diversi esempi istruttivi e ne svela le ragioni.

L’appropriazione indebita della proprietà intellettuale

L’appropriazione indebita della proprietà intellettuale è, nel caso delle aziende cinesi, simile al parassita. Queste aziende falsificano oggetti, marchi e loghi legittimi e registrano i loro modelli contraffatti presso le autorità europee. Supponiamo che da un lato sfuggano alla rete dell’Ufficio per la protezione della proprietà intellettuale e che il marchio legittimo non vegli. In tal caso, l’azienda cinese si ritrova con un titolo di proprietà legittimo per un modello contraffatto.



Nel 2020, la Cina ha realizzato 29000 registrazioni di proprietà intellettuale in Europa.



La Cina è al primo posto nella classifica dei depositi di proprietà intellettuale in Europa

L’appropriazione indebita della proprietà intellettuale va di pari passo con lo sviluppo delle imprese cinesi nel continente europeo. Con 3200 documenti depositati, la Cina è stata nel 2016 il settimo paese più grande in Europa per numero di documenti depositati. Nel 2020, la Cina era al primo posto con 29000 depositi. In altre parole, la Cina è diventata la nazione più attiva in Europa per quanto riguarda la protezione della proprietà intellettuale. Anche se i costi in Europa sono, come ci ricorda Maître Jérôme Tassi, relativamente economici (a partire da 850€), le spese generate non sono insignificanti. Non sarebbe improbabile che l’ “ascesa al potere” del Medio Regno rifletta un desiderio politico coordinato.

ORIGINALE COPIA
1 LEGO original trooper COUNTERFEIT lego TROOPER
2 Fingerlings Original Counterfeit Fingerlings contrefaçon
3 bateau Lego original counterfeit ship Lego bateau contrefaçon
4 Adidas shoe model counterfeit Adidas shoe
5 Logo TÜV Rheinland original counterfeit TÜV Pheintand
6 fridge SMEG original counterfeit SMEG fridge

 


Esempi di appropriazione indebita di proprietà intellettuale

I cinesi non mancano di fantasia quando si tratta di copiare le creazioni più famose dei brand europei. I giocattoli sono, ovviamente, un obiettivo primario per questi pirati della proprietà intellettuale.

Non si può che rimanere sorpresi dal tentativo di proteggere la copia del “Trooper” di Lego, la cui somiglianza con l’originale è più che sorprendente.

I “Fingerlings“, piccole creature da attaccare ai polpastrelli, sono stati introdotti sul mercato nel 2017 da WowWee, un’azienda canadese. Le imitazioni cinesi non ci vollero molto. I cinesi non hanno nemmeno provato a differenziarsi durante il deposito (vedere esempio 2).

Più curiosi, i cinesi cercano anche di proteggere le copie dei frigoriferi (vedere esempio 6 del frigorifero SMEG) o di falsificare i loghi. Nell’esempio 5 il marchio “TÜV Rheinland” diventa “TÜV Pheintand” e lo slogan “geprüfte Sicherheit” (sicurezza testata) diventa una cattiva imitazione fonetica (“geprutta Sicharhoit”).


 

Perché le aziende cinesi cercano di “proteggere” le loro contraffazioni?

I cinesi cercano di proteggere le loro contraffazioni dal limitare i rischi di “takedown” da un lato e dall’ingannare la dogana dall’altro.

Takedown è quando una piattaforma di e-commerce rimuove un riferimento dal catalogo su richiesta dei legittimi proprietari. Per evitare ciò, i falsari cinesi usano il loro deposito di proprietà intellettuale per “dimostrare” il loro diritto e opporsi alla “rimozione”. Il marchio danneggiato può ottenere quest’ultimo solo tramite una decisione del tribunale, che crea costi e un ritardo che il marchio cinese utilizza per perseguire le sue attività illegali.

La protezione intellettuale di un oggetto contraffatto viene utilizzata anche per fuorviare i funzionari doganali. Le parole “marchio registrato” o “design registrato” sono infatti indicazioni di buona fede.


Come proteggersi da questo parassita?

Questa violazione della PI è complicata e costosa. Alcuni anni fa, i marchi si accontentavano di far sequestrare e distruggere le contraffazioni. Oggi la lotta si estende ai tribunali che devono fare causa per invalidità. Nel 2020, Lego ha dovuto presentare da 20 a 25 azioni non valide.
Si tratta, quindi, di un costo aggiuntivo per i marchi, un costo dal quale non ottengono assolutamente nulla, come ci ricorda Maître Jérôme Tassi.

Tag:

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *